Domanda di Ortodonzia

Risposte pubblicate: 12

Malocclusione di seconda classe con morso profondo

Scritto da Fabrizio / Pubblicato il
La domanda riguarda mio figlio di quasi 13 anni. In seguito ad una visita odontoiatrica ci è stata consigliata una visita di ortodonzia. Abbiamo contattato due specialisti in ortognatodonzia che dopo una visita del bambino, con relative analisi sia delle radiografie ortopanoramica delle arcate dentarie che della teleradiografia del cranio, hanno emesso una diagnosi di malocclusione di seconda classe con morso profondo. I miei dubbi si riferiscono alla terapia consigliata. Infatti mentre il primo specialista propone una trazione extraorale "baffo", la seconda ha presentato una terapia mobile con apparecchio mio funzionale che coinvolge entrambe le arcate dentarie. Vi domando: qual'è il trattamento più efficace? Fabrizio
Sig. Fabrizio, è difficilissimo a distanza senza la minima conoscenza del caso stabilire il trattamento più efficace per suo figlio. Entrambe le proposte sono corrette.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

Per una santa volta il trattamento mi sembra congruo in entrambe i casi, secondo i canoni della mia scuola di origine. Lei deve sapere che esistono tantissimi pareri diversi in ortodonzia, a seconda della scuola di provenienza.. Non c'è una branca della Medicina ove regni una Babele simile.. Ma una cosa è certa: quando uno porta un figlio dal dentista (tardissimo nel suo caso, con un gravissimo ritardo negligente di almeno 5 anni) il dottore laureato che lo vede, non può sparare una sentenza senza aver fatto prima una cefalometria. Può accennare quale secondo lui potrà essere il trattamento, ma prima dovrà fare la diagnosi. La vera diagnosi, che non si fa ad occhio vedendo 3 minuti e mezzo il soggetto, ma effettuando questo esame (per sapere cosa è legga bene sul sito questo, e sul mio i miei numerosi articoli in proposito) che si ricava da rx. Ma bada bene, non basta aver fatto le rx e averle osservate 1 minuto e mezzo contro la finestra: bisogna ricavarne la cefalometria. Come dire: c'è un sospetto di ulcera gastrica o forse duodenale. Il medico mi propone una cura ad occhio senza aver osservato endoscopicamente la lesione.. Stessa cosa. I denti è lo stesso.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Paolo Passaretti
Civitanova Marche (MC)
Consulente di Dentisti Italia

Caro Signor Fabrizio, Quelle citate sono due metodiche e materiali tra le "mille" in uso che hanno come tutte aspetti negativi ed altri positivi. Vede, la diagnosi Ortodontica è cosa seria e dipende da una infinità di problemi da valutare con accurato check up ortodontico e cefalometria che misura delle semirette che individuano dei piani e degli angoli in base a cui si fa una diagnosi e si prospetta una terapia ortodontica e che è compreso in più visite, rilievi di dati e soprattutto uno studio a "tavolino" dei problemi da correggere; è come una progettazione matematica di una espressione, di un problema che la cui soluzione è in una sequenza di espressioni , numeri e dati e, chiedere quello che chiede lei per l'ortodonzia, sarebbe come chiedere ad un matematico il risultato di un problema senza fargli fare tutti i "passaggi" che lo possano portare alla soluzione richiesta. Vede, siamo entrati in concetti complessi! Poi Modelli di Studio Ortodontici, Fotografie del profilo e di Fronte in rapporto 1:1 e ovviamente una Visita Clinica Gnatologica a completamento di quella Ortodontica già descritta! Io posso solo immaginare ma le ho già spiegato che si deve fare una Diagnosi Differenziale e una Diagnosi Clinica e strumentale con una o più visite mirate! IO sono un medico che non cura semplicemente per curare, per vagliare delle tecniche, per esercitare competenze! IO curo nel senso alto del termine: MI PRENDO CURA del paziente e voglio avere di lui la responsabilità piena, mi sento responsabile, ossia, ABILE nel RISPONDERE! Cordialmente Gustavo Petti, Parodontologia, Implantologia, Gnatologia e Riabilitazione Orale Completa in Casi Clinici Complessi ed Ortodonzia e Pedodonzia la figlia Claudia Petti, in Cagliari.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

A 13 anni la situazione scheletrica è bella e consolidata. Credo per il profilo di chi ha un morso profondo che non si debba usare una trazione extraorale perchè andrebbe a bloccare ancora di più una mandibola che per tanto tempo è rimasta "murata" dagli incisivi superiori. piuttosto è necessario ormai un trattamento con Brackets (meglio se Damon System) che sbloccando la mandibola correggerebbe la II classe avanzandola.... tuttavia prima va fatto un check up completo Rx Foto modelli postura etc. per chiarimenti non esiti a contattarmi. La saluto Dr. Orazio Bennici
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Orazio Maximilian Bennici
Catania (CT)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile paziente anche io concordo che la diagnosi va fatta con un esame cefalometrico, a questo punto se la diagnosi è corretta sarei propenso per una terapia ortodontotica fissa, e contemporaneamente correzione del morso profondo, per qualsiasi consiglio non esiti a contattarmi, visto che siamo a Roma, cordiali saluti

Scritto da Dott. Stefano Salaris
Roma (RM)

A 13 anni è difficile risolvere un problema come quello che affligge suo figlio, con entrambe le metodiche. Difficile ma non impossibile, anche se dovrà essere prestata la maggiore cura e scrupolo nel seguire i consigli di chi deciderete di ascoltare. Le metodiche sono entrambe efficaci sulla carta, ma l'età presta il fianco al possibile non raggiungimento perfetto del fine cura e di una possibile recidiva. La cura inoltre sarà probabilmente lunga e il figlio entrerà a breve in una età in cui il portare un apparecchio non è proprio il sogno della vita, e un apparecchio portato in modo intermittente dà soltanto esiti molto parziali. Ricordate anche che un dentista particolarmente capace potrebbe anche riuscire a spostare i denti laddove li vorrebbe, ma esiste anche un contenitore (la bocca) che deve essere d'accordo nel mantenere i denti nella posizione raggiunta, e non è sempre così. Cordiali saluti.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Davide Colla
Seregno (MB)
Collaboratore di Dentisti Italia

Sicuramente il trattamento di ortodonzia fissa farebbe perdere al ragazzo l'occlusione intesa come massima intercuspidazione così faticosamente guadagnata con un alto prezzo biologico: il morso profondo. Un approccio terapeutico, allora, che mantenga, anzi, migliori l'occlusione statica, e la dinamica (protrusiva e lateralità) senza inficiare nulla, guadagnando altezza (dimensione verticale) è sicuramente un approccio combinato gnatologico e ortodontico e sicuramente non è nessuno dei due indacati dai colleghi che l'hanno visitato. Regola fondamentale: Garantire sempre la massima intercuspidazione senza interferenze eccentriche prima di pensare a qualunque benchè minimo spostamento dentale (ortodontico: biomeccanico o funzionale che sia! )un saluto affettuoso a tutti angelo
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Angelo Bernardis
Latina (LT)

Perchè non ci manda le fotografie dell'occlusione di suo figlio? Le nostre risposte sarebbero più congrue ( seconda classe è una definizione vaga). Cordiali saluti

Scritto da Dott. Edmondo Spagnoli
Lecco (LC)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile Fabrizio, in ortodonzia, non esiste una terapia più efficace, esiste la terapia più adatta, per quella bocca di quel paziente, e per poter dire quale sia più adatta non basta una generica diagnosi di seconda classe; è una seconda solo scheletrica, è una seconda sia scheletrica che dentale, è una seconda prima divisione o seconda divisione, a che punto è la crescita del paziente, cioè ha ancora margini di crescita, vede tutte queste cose sono fondamentali per scegliere la terapia più indicata, in linea di massima, il baffo si usa quando il mascellare superiore è troppo in fuori, mentre l' apparecchio mio funzionale quando la mandibola non si è sviluppata adeguatamente, se le hanno proposto le due terapie, preobabilmente è una problematica mista, un pò uno e un po l' altra, io, perssonalmente in questi casi uso tutte e due le terapie insieme, cioè un attivatore funzionale attivato con una trazione extra orale, per sfruttare la crescita residua, per poi completare con l' apprecchio fisso.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gianluca Pucci
Roma (RM)

Carissimo Sigor Fabrizio, come già hanno risposto correttamente altri colleghi, non esiste una terapia univoca e sempre valida. Mi spiego meglio: fatto salvo che suo figlio arriva in netto ritardo circa le possibilità di risoluzione mediante una terapia funzionale, non è detto che ciò non sia ancora possibile( residuo di crescita?)e comunque ciò dipende anche dalle cause della malocclusione in questione (mandibolare? mascellare? entrambe?). Nel caso di seconda classe grave scheletrica è importante sapere quali margini di modifica abbiamo, in quanto, nel caso di paziente a fine crescita, bisogna valutare se non ci siano ormai necessità chirurgiche. Se invece la seconda classe è prevalentemente dentale si può pensare ad una terapia con apparecchio fisso. Pochi sono i casi in cui si può utilizzare una trazione extraorale senza creare poi dei grossi problemi alla eruzione degli ottavi superiori. Quindi in ultima analisi ci sono molte cose che vanno attentamente valutate prima di intraprendere una terapia ortodontica, ancor di più se viene intrapresa in ritardo come sembra. A disposizione per un consulto anche su Roma, cordialmente saluto.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Maurizio Ciaramelletti
Rieti (RI)