Domanda di Ortodonzia

Risposte pubblicate: 10

E' opportuna e consigliabile una tale soluzione?

Scritto da Alma / Pubblicato il
Presento un caso di malocclusione di medio grado. Dopo diversi anni di trattamento, rotta la fascetta dietro i denti inferiori, il canino destro si è spostato in avanti. Mi hanno prospettato 4 soluzioni: - estrazione dei denti del giudizio( che non sono ancora spuntati) - estrazione dei 4 premolari sani - estrazione dei 4 molari- sesti- ( al posto del premolari, poichè presentano delle otturazioni molto profonde a rischio devitalizzazione) - installazione dell'apparecchio senza estrazioni dato che ho una sporgenza molto evidente nell'arcata superiore, sarei propensa a procedere con l'estrazione del molari ( dato che sono in cattive condizioni). la mia perplessità riguarda il fatto che, trattandosi di denti di una certa ampiezza, possono rimanere spazi. E' opportuna e consigliabile una tale soluzione? si tratta di un caso urgente grazie
Gentile Alma, mi spiace non poter rispondere alla sua domanda in quanto in primis dovrebbe essere fatta una diagnosi precisa della sua malocclusione con esami particolari e solo dopo si potrà valutare quale sia la terapia più efficace al suo caso ed, in ogni caso, sarebbe consigliabile evitare l'avulsione dei sesti che sono molari molto importanti (c.d. Re sei) ed eventualmente optare per gli ottavi. Tanti auguri

Scritto da Dott. Aldo Santomauro
Palermo (PA)
Collaboratore di Dentisti Italia

Chiunque le faccia una.. proposta, deve farla NON AD OCCHIO come quelli che hanno parlato finora, ma dopo aver fatto cefalometria. Bisogna scappare lontano lontano dai dentisti approssimativi (o abusivi: ci sono medici immorali che fanno mettere l'"apparecchietto" al proprio odontotecnico, progettato da questi) che dicono sentenze ad occhio. Io per rispondere dovrei "misurare" tutti i parametri della sua struttura ossea (i denti stano piazzati nelle basi ossee, no??) tramite una cefalometria che è l'unico esame che ci dice quali sono tali strutture. Poi posso capire se è da trattare con le estrazioni o no. Secondo me a vedere la sua bocca, NO, niente estrazioni, ma una funzionalizzazione perchè la lingua spinge male. Ma fugga a gambe levate e cerchi un dr laureato che prima di sparare stupidaggini si documenti adeguatamente sulla diagnosi del caso. Legga nei miei articoli cosa sono le cafalometrie e si regoli.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Paolo Passaretti
Civitanova Marche (MC)
Consulente di Dentisti Italia

Ortodonzia fissa come esempio. Da casistica Ortodontica della Dr.ssa Claudia Petti di Cagliari
Cara Signora Alma, la diagnosi Ortodontica è cosa seria e dipende da una infinità di problemi da valutare con accurato check up ortodontico e cefalometria che misura delle semirette che individuano dei piani e degli angoli in base a cui si fa una diagnosi e si prospetta una terapia ortodontica ... e che è compreso in più visite, rilievi di dati e soprattutto uno studio a "tavolino" dei problemi da correggere........è come una progettazione matematica di una espressione, di un problema che la cui soluzione è in una sequenza di espressioni , numeri e dati e chiedere quello che chiede lei per l'ortodonzia sarebbe come chiedere ad un matematico il risultato di un problema senza fargli fare tutti i "passaggi" che lo possano portare alla soluzione richiesta che le può dire solo un dentista dopo le visite suddette non posso quindi esprimere giudizi,senza vederla! Non solo non sarebbe corretto, ma non sarebbe professionale. Cordialmente Gustavo Petti, Parodontologia, Implantologia, Gnatologia e Riabilitazione Orale Completa in Casi Clinici Complessi ed Ortodonzia e Pedodonzia la figlia Claudia Petti, in Cagliari.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile Alma, lei fa una domanda da un milione di dollari, con gli elementi che lei fornisce è impossibile dare una risposta. Giusto a titolo di curiosità, in un famoso testo, che è ben noto a chi a seguito un regolare corso di specialistica ortodontica, che è il Langlade, si consiglia di osservare circa 32 parametri prima di effettuare con una certa sicurezza delle estrazioni. Voglio dire che prima di prendere una qualche decisione, specie se irreversibile, il caso va studiato con estrema attenzione, inoltre lei ha labbra sottili, un errore ortodontico a maggior ragione non le viene camuffato da queste. Purtroppo per darle una risposta bisogna avere numerosi dati, teleradiografie, tracciati cefalometrici, impronte, fotografie, valutazione del viso globale, dei tessuti molli, studio del profilo, impronte, controllo della dinamica, ecc. Cordialmente Gustavo De Felice sapri.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo De Felice
Sapri (SA)

Gentile Sig.ra Alma, in ortodonzia non si può decidere una terapia senza eseguire una cefalometria. Posso solo dirle che i sesti bisogna sempre cercare in tutti i modi di salvarli, perché è un dente importantissimo. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Massimo Tabasso
Savigliano (CN)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile sig.ra Alma, ci pensi un milione di volte prima di sottoporsi ad estrazioni dentarie, dei quarti e a maggior ragione dei sesti . Errori diagnostici abbinati a mutilazione di tessuto dentale, possono diventare patologie irreversibili a carico del sistema masticatorio, in termini di dolori e/o malfunzioni ( rumori e blocchi articolari, cefalee tensive, cervicalgie etc). Si affidi solo a professionisti qualificati ed accreditati e cerchi qualcuno capace di fare un trattamento senza estrazioni ( parla di sesti mal ridotti .... ma sa che oggi l' endodonzia è in grado di salvare denti con importanti lesioni, evitando quindi estrazioni ad es. nel suo caso e ponti e impianti in tanti altri casi ??). Cordiali saluti e molti auguri
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott.ssa Biancamaria Castellucci
Firenze (FI)

Mi associo a quanto scritto dalla D.ssa Castellucci aggiungendo una piccola provocazione: mettiamo il caso che la tua lingua spinga sul gruppo incisivo superiore ogni volta che deglutisci ( è un'evenienza meno rara di ciò che si creda) e mettiamo anche che ti tolgano i premolari per portare indietro quel gruppo incisivo ( cosa che sconsiglio in ogni caso): finchè avrai l'apparecchiatura gl'incisivi rimarranno indietro, poi, una volta rimossa, la lingua continuerebbe a spingere sui denti e tu ti ritroveresti con 4 denti sani in meno e gl'incisivi di nuovo sporgenti. Pensaci bene ( e magari continua a sentire altre opinioni finchè non ti troverai di fronte ad una diagnosi seria)
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Lorenzo Alberti
Roma (RM)
Collaboratore di Dentisti Italia

Estrarre in genere non è la soluzione ideale, però non è possibile darle un consiglio solo sulla base delle foto che ci ha inviato. Inoltre la sua malocclusione non è poi tanto piccola, da quel che mi pare di intuire dalle foto.

Scritto da Dott. Luca Boschini
Rimini (RN)
Consulente di Dentisti Italia

Carissima Alma, in ortodonzia estrazione dovrebbe essere l'ultima soluzione presa in considerazione, e solo quando ragionevolmente non vi sono altre alternative. Nel tuo caso, anche se da due foto non si può fare diagnosi, mi sembrerebbe che il canino destro non sia poi tanto avanti quanto dici, a giudicare dal rapporto che ha col canino superiore. Forse è il resto dell'arcata inferiore che dovrebbe essere corretta, perchè pare, dalla foto, che la linea centrale tra gli incisivi superiori non coincida con quella tra gli incisivi inferiori. Bisogna valutare tanti aspetti, e con molta attenzione. Io personalmente non estraggo più un dente da anni.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Salvatore Medaglia
Caserta (CE)

Mah, io sono convinto che in quella bocca i rapporti dento scheletrici siano buoni e che kinesiologicamente non ci sia malocclusione; da quelle foto io mi limito ad intuire uno squilibrio della muscolatura oro facciale, in particolare degli orbicolari delle labbra e dei buccinatori. Ribadisco, non si faccia rovinare una bocca funzionale con 4 scellerate estrazioni e piuttosto si faccia controllare la lingua da un ortodonzista che non si limiti a considerarla un fastidioso ingombro tra le arcate dentarie
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Lorenzo Alberti
Roma (RM)
Collaboratore di Dentisti Italia