Domanda di Ortodonzia

Risposte pubblicate: 9

Vorrei sapere se è una tecnica abitualmente usata ed efficace

Scritto da Pietro / Pubblicato il
Salve, a mia figlia di 9 anni dopo varie sedute e studio del caso, per problemi di arcata superiore sporgente, hanno consigliato di togliere 4 denti da latte e precisamente i primi molari superiori e inferiori per poi procedere con l'installazione dell'apparecchio cosiddetto baffo. Premetto che comunque l'ortodontista ci ha subito detto che non è sicuro che il problema venga risolta ma che è la strada migliore per ora da percorrere. Vorrei sapere se è una tecnica abitualmente usata ed efficace . Grazie
Gentile Sig. Pietro il baffo è un dispositivo che serve a risolvere il problema di sua figlia. Per quanto riguarda le estrazioni senza una cefalometria è impossibile rispondere. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Massimo Tabasso
Savigliano (CN)
Consulente di Dentisti Italia

Sig. Pietro, non conoscendo obiettivamente il caso di sua figlia rispondere alla sua domanda non lo ritengo corretto professionalmente anche se, sinceramente, mi sorprende la decisione del Collega ortodontista che vuole procedere all'avulsione dei primi molaretti da latte (cadranno, cmq, a breve!) prima di mettere la trazione extra-orale e la non sicurezza che il problema venga risolto! Lo studio del caso a cui sua figlia è stata sottoposta, invece, prevede tanti esami che il risultato lo devono rendere prevedibile! Cordialmente
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Aldo Santomauro
Palermo (PA)
Collaboratore di Dentisti Italia

Caro Signor Pietro, il cosiddetto "baffo" non è altro che un apparecchio di Trazione Extraorale che si usa di regola nelle seconde classi dell'età evolutiva. E' detto anche Maschera Facciale dall'inglese Headgear.Esistono diversi tipi di "Baffi" o meglio Headgear. Detto questo, mi piacerebbe tanto risponderle, ma non sarebbe corretto professionalmente e deontologicamente perchè non si baserebbe su uno studio del suo caso ma solo sulle sue parole! La diagnosi Ortodontica è cosa seria e dipende da una infinità di problemi da valutare con accurato check up ortodontico e cefalometria che misura delle semirette che individuano dei piani e degli angoli in base a cui si fa una diagnosi e si prospetta una terapia ortodontica e che è compreso in più visite, rilievi di dati e soprattutto uno studio a "tavolino" dei problemi da correggere. La Diagnosi Ortodontica e la progettazione terapeutica sono come una progettazione matematica di una espressione, di un problema che la cui soluzione è in una sequenza di espressioni , numeri e dati e chiedere quello che chiede lei per l'ortodonzia sarebbe come chiedere ad un matematico il risultato di un problema senza fargli fare tutti i "passaggi" che lo possano portare alla soluzione richiesta che le può dire solo un Ortodontista dopo le visite suddette. Non posso quindi esprimere giudizi, senza vederla! Non solo non sarebbe corretto, ma non sarebbe professionale. SI FIDI DEL SUO DENTISTA e chieda a lui tutto quello che non le fosse chiaro. Cordialmente Gustavo Petti, Parodontologia, Implantologia, Gnatologia e Riabilitazione Orale Completa in Casi Clinici Complessi ed Ortodonzia e Pedodonzia la figlia Claudia Petti, in Cagliari.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Salve, la terapia consigliata per sua figlia è un presidio che lavora sulle seconde classi scheletriche. Per quanto riguarda l'estrazione seriata precoce di 54-64-74-84 è difficile rispondere senza avere un quadro preciso della situazione. Talvolta questa è una tecnica utilizzata per accelerare l'eruzione dei corrispettivi permanenti rispetto al canino ed al secondo premolare di modo che quando i 4 permanenti siano presenti in arcata vengano estratti e che la spinta eruttiva degli elementi definitivi a fianco che esfoglieranno successivamente chiuda lo spazio estrattivo. Il discorso è un po' complesso... chieda delle delucidazioni alla collega che le ha fatto lo studio del caso... sicuramente saprà e potrà essere più puntuale di noi.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Francesco Fusaro
Torino (TO)
AOSTA (AO)

Senza esami precisi è difficile esserle di aiuto

Scritto da Dott. Alessio Battistini
La Spezia (SP)

Gentmo Pietro,senza adeguati elementi è difficile poterle rispondere. Cordiali saluti.

Scritto da Dott. Cosimo Coscia
Collegno (TO)

Sig. Pietro, la cura è abbastanza matematica con la cefalometria, per cui si faccia mettere tutti risultati e cure per iscritto, che saranno la conferma della terapia.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

Gent.mo sig. Pietro, come hanno detto i colleghi non è nè facile nè corretto dare una risposta senza vedere la paziente e le radiografie.Tuttavia mi sento di dirle che probabilmente esiste una soluzione che non preveda le estrazioni. Cerchi nella sua zona un dentista che usa gli apparecchi di Planas e, probabilmente, le darà la soluzione alternativa che lei auspica. L'ortodonzia non consiste solo nel trovare ad ogni costo lo spazio per i denti che spazio non hanno, ma piuttosto se questo spazio manca per un non adeguato sviluppo di un osso (nel caso di sua figlia probabilmente è la mandibola a non essere cresciuta a sufficienza), la giusta terapia è quella di stimolare la crescita della parte poco sviluppata, la mandibola appunto, e non quella di "accorciare" la parte superiore che invece è probabilmente cresciuta nella giusta misura. Inoltre faccia controllare la funzione linguale durante la deglutizione. Tanti saluti.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Salvatore Medaglia
Caserta (CE)

Gentile signore, è impossibile darle una risposta utile senza visitare la bambina. Personalmente non ho simpatia per il baffo, ma ciò non significa che la terapia sia scorretta. Cordialmente

Scritto da Dott. Alvise Cappello
Padova (PD)