Domanda di Ortodonzia

Risposte pubblicate: 14

Ho messo l'apparecchio a 18anni per una seconda classe e morso profondo

Scritto da eleonora / Pubblicato il
Salve, ho messo l'apparecchio a 18anni per morso profondo e seconda classe. Avevo anche gli incisivi superiori spostati in avanti. Ora sono passati 2 anni. Durante questo periodo ho notato si l'allineamento dei denti ma sinceramente vedo ancora l'arcata superiore che copre molto quella inferiore nonostante il dottore mi abbia detto che in circa tre mesi probabilmente avrò finito la mia terapia. Attualmente porto degli elasticini dagli incisivi superiori ai molari sotto. E' possibile che in poco tempo risolverò il problema principale per cui ho messo l'apparecchio e potrò finalmente toglierlo?
Ortodonzia come esempio delòla Dr.ssa Claudia Petti di Cagliari
Cara Signora Eleonora, lo chieda al suo Dentista. Ne deve discutere con lui. Lui conosce la sua situazione clinica attuale e quella di partenza. Personalmente posso rispondere solo se la visitassi, non certo via internet! Mi spiace, ma potrei fare solo considerazioni "filosofiche" ed ipotesi diagnostiche e terapeutiche che le confonderebbero ancor più il "cervello"! Non sarebbe inoltre corretto professionalmente e deontologicamente perchè non si baserebbe su uno studio del suo caso ma solo sulle sue parole! La diagnosi Ortodontica è cosa seria e dipende da una infinità di problemi da valutare con accurato check up ortodontico e cefalometria che misura delle semirette che individuano dei piani e degli angoli in base a cui si fa una diagnosi e si prospetta una terapia ortodontica e che è compreso in più visite, rilievi di dati e soprattutto uno studio a "tavolino" dei problemi da correggere. Cordialmente Gustavo Petti, Parodontologia, Implantologia, Gnatologia e Riabilitazione Orale Completa in Casi Clinici Complessi ed Ortodonzia e Pedodonzia la figlia Claudia Petti, in Cagliari.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Cara Eleonora, comprendo la tua ingenuità ma devi capire che questo non è un portale di cartomanzia dove si risponde a vanvera senza conoscere il tuo caso e con elementi obiettivi. Dovrà essere il tuo dentista curante che ti segue a darti delle risposte concrete. Cordialmente

Scritto da Dott. Aldo Santomauro
Palermo (PA)
Collaboratore di Dentisti Italia

Sicuramente sarebbe meglio se questi dubbi fossero espressi al suo curante. Le posso dire che se le sono stati applicati dei rialzi anteriormente (se ne potrebbe rendere conto dal fatto che posteriormente i denti non contattano più tra loro...) con pochi mesi di "elastici" il morso magicamente si aprirà. Cordialmente

Scritto da Dott. Francesco Fusaro
Torino (TO)
AOSTA (AO)

A naso.....sembra che l'approccio del suo dentista sia corretto ma sono domande a cui rispondere e' impossibile :)

Scritto da Dott. Massimo Del Bene
Pesaro (PU)

Cara Eleonora, come espresso dai colleghi non è possibile darle una risposta. Se ha dei dubbi, parli con il suo ortodontista che le darà tutte le spiegazioni del caso. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Piero Puppo
Imperia (IM)

Gentile Sig.ra Eleonora, la terapia intrapresa del suo dentista sembra corretta, ma dirle se tra tre mesi tutto è risolto è impossibile. Bisognerebbe visitarla. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Massimo Tabasso
Savigliano (CN)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile Sig. Eleonora, il dubbio sulla terapia ortodontica che le stanno svolgendo, è da rivolgere prettamente al Suo curante. Le mancano tre mesi , e l'ansia di valutare il risultato e comprensibile. Si rivolga con serenità al collega rivolgendogli le domande che si pone. Cordialmente

Scritto da Dott. Angelo Raffaele Izzi
Lainate (MI)

Non è necessaria soltanto una visita per risponderle, ma anche sapere da che punto è partita la terapia, cosa probabilmente impossibile per noi ma possibile solo al curante. Per cui giri a lui i suoi dubbi. Cordiali saluti.

Scritto da Dott. Davide Colla
Seregno (MB)
Collaboratore di Dentisti Italia

Sig. Eleonora, seconda classe scheletrica o dentale? Se si tratta di seconda classe scheletrica difficilmente a fine crescita, raggiungerà una prima scheletrica, non s’illuda; tutte queste problematiche e complicanze le sono state sicuramente annunciate, se non scritte, prima dell'inizio cura, si tratta del consenso informato, che il paziente firma prima di iniziare la cura.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

Infatti, come dice il dr. Ruffoni, se è scheletrica non bastano gli elastici, ma ci vorrebbe una trazione extraorale, forse, in base alle rilevanze della celafolometria. E' stata fatta una analisi della struttura ossea con cefalometria??

Scritto da Dott. Paolo Passaretti
Civitanova Marche (MC)
Consulente di Dentisti Italia