Domanda di Ortodonzia

Risposte pubblicate: 25

Mia figlia di quasi 8 anni inizierà la terapia ortodontica fissa

Scritto da flaminia / Pubblicato il
Mia figlia di quasi 8 anni inizierà la terapia ortodontica fissa vestibolare il prossimo mese avendo un problema di morso aperto. Ha inoltre la tendenza a spingere in avanti la lingua in fase di deglutizione il che ha indotto la dottoressa che la segue a farle interrompere il corso di flauto traverso che seguiva. E' una decisione condivisibile e giustificabile o solo uno scrupolo esagerato? Grazie
Personalmente seguendo la mia scuola, fra le più illustri, non sono favorevole alla risoluzione del morso aperto con spinta linguale tramite apparecchio fisso. Tra le altre cose, la recidiva è certa! Noi risolviamo queste situazioni con logopedia miofunzionale, osteopatia e dal mio canto, apparecchiature mobili funzionali. La lingua è un motore potentissimo, più di qualsiasi app fisso

Scritto da Dott. Paolo Passaretti
Civitanova Marche (MC)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile Sig.ra Flaminia, prima di mettere l'apparecchiatura fissa bisogna mettere una griglia che ha anche il fine di rieducare la lingua. Ovvio che il flauto non può suonarlo, cordiali saluti

Scritto da Dott.ssa Maria Grazia Di Palermo
Carini (PA)
Consulente di Dentisti Italia

Non è uno scrupolo esagerato. Con il flauto la lingua tende a lavorare verso il basso insieme al labbro inferiore che si ipertrofizza. La risoluzione del morso aperto spesso collegato alla deglutizione atipica, passa attraverso la rieducazione della lingua a stare alta ( a contatto del palato). Preferisco una rieducazione mio-funzionale mobile ( bonnet) anch'io.

Scritto da Dott. Stefano Mega
Castel Maggiore (BO)

Concordo con il collega, senza rieducazione miofunzionale dalla logopedista il trattamento fisso non risolverà il problema. Il flauto traverso può continuare a suonarlo perché non è quello che ha generato il morso aperto ma il permanere di uno schema deglutitorio neonatale che porta la lingua a inserirsi tra le due arcate dentarie, detta deglutizione atipica. E' lì che bisogna intervenire.

Scritto da Dott. Domenico Crescenzi
Frosinone (FR)

La decisione di sospendere lo studio del flauto è senz'altro condivisibile: la spinta della lingua in avanti quando si suona uno strumento a fiato influisce sul posizionamento in avanti della dentatura frontale superiore. Ho invece i miei dubbi sulla terapia ortodontica fissa all'età di 8 anni, quando si è ancora in dentatura mista (con denti decidui presenti in bocca insieme a denti permanenti su cui tale terapia agisce veramente). Quali sono i denti permanenti nell'arcata superiore cavo orale della bambina? All'età di 8 anni dovrebbero essere solo i 4 incisivi ed il primo molare Giuliano Falcolini, già professore ordinario di Pedodonzia all'Università di Sassari
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Prof. Giuliano Falcolini
Roma (RM)

Buondì sig.ra Flaminia , trovo invece che il flauto traverso esegua una sorta di terapia mio-funzionale richiedendo una postura bassa e arretrata della lingua ed esortando un buon sigillo labiale, quindi esercitando in chiusura il muscolo orbicolare. Posso condividere la terapia fissa, ma consiglio comunque di  associarla a logopedia e terapia miofunzionale . Cordialmente

Scritto da Dott.ssa Biancamaria Castellucci
Firenze (FI)

Non credo sia strettamente necessario interrompere il corso di flauto, ma va attentamente valutata ogni altra causa responsabile del morso aperto. Bisogna comunque abbinare alla terapia ortodontica una buona rieducazione miofunzionale.

Scritto da Dott. Carlo Mancini
Sassoferrato (AN)

Esempio di Ortodonzia della Dr.ssa Claudia Petti di Cagliari
Cara Signora Flaminia, in linea di massima e concettualmente (perchè non vedo clinicamente sua figlia), la terapia miofunzionale deve essere complementare a quella diciamo "meccanica Ortodontica"! Ma per poterlo stabilire non basta un discorso generico così. Bisogna fare una diagnosi esatta con un check up ortodontico che dallo studio di foto, modelli, lastre particolari su cui si tracciano segmenti di rette che uniscono particolari punti dei tessuti duri e molli del profilo e si studiano le loro tracce e gli angoli che formano intersecandosi, si arriva ad una diagnosi ortodontica e solo dopo questa si può rispondere con serietà e competenza!Quindi se vuole un parere serio porti sua figlia nel mio studio e glielo darò, anzi lo darà mia figlia, essendo lei l'Ortodontista. Mi scusi se rispondo così ma Lei ha posto una domanda precisa a cui si può rispondere solo cosi!Cordialmente Gustavo Petti, Parodontologia, Implantologia, Gnatologia e Riabilitazione Orale Completa in Casi Clinici Complessi ed Ortodonzia e Pedodonzia la figlia Claudia Petti, in Cagliari.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Cara Signora Il morso aperto è sostenuto dalla presenza della lingua,muscolo molto potente, che in fase di deglutizione si insinua nello spazio tra gli incisivi. Questo tipo di deglutizione si chiama deglutizione atipica o infantile. La prima cosa è quella di insegnare a sua figlia a deglutire in maniera corretta, serve pertanto l'aiuto di un Logopedista che tramite esercizi mirati aiuterà sua figlia a posizionare correttamente la lingua. Altrimenti se non viene corretto il difetto la recidiva è dietro l'angolo. Cordiali saluti.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Piero Puppo
Imperia (IM)

Gentile signora la risoluzione del morso aperto è legata principalmente alla eliminazione delle cause che l'hanno determinato, la deglutizione infantile è la più frequente, solo rimuovendo queste si ha la certezza di una guarigione, altrimenti la recidiva è certa. La terapia in questo caso sarà riabilitazione miofunzionale e terapia ortodontica. La diagnosi è legata ad accertamenti specifici, indispensabile la teleradiografia con esame cefalometrico. Ci possono essere anche cause prettamente scheletriche in tal caso la terapia potrebbe essere chirurgica. Il suo ortodonzista saprà consigliarla per il meglio. Personalmente non priverei la bambina del suo flauto se lo suona con piacere.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott.ssa Maria Grazia Rocchi
Roma (RM)