Domanda di Ortodonzia

Risposte pubblicate: 11

Sono da 2 anni in cura per via di un palato stretto ( più morso incrociato) e due canini superiori inclusi

Scritto da Flavia / Pubblicato il
Salve! Sono una ragazza di 23 anni, da 2 in cura per via di un palato stretto(più morso incrociato) e due canini superiori inclusi, uno dei quali era uscito dalla gengiva, appena sopra il dente da latte. Per circa un anno ho dovuto portare un espansore per allargare il palato superiore; nel frattempo ho tolto tutti e quattro i denti del giudizio, mi hanno estratto i due canini da latte che mi erano rimasti e hanno agganciato all'espansore, tramite una "catenella", il canino che invece era rimasto nel palato, per tirarlo giù e farlo uscire. A Marzo ho tolto l'espansore e ho messo un altro apparecchio fisso, credo si chiami Damon, per ultimare il lavoro con i canini e raddrizzare i denti. Oggi sono stata dal dentista e hanno deciso di rimettermi per qualche mese l'espansore(mantenendo comunque anche il Damon), insomma possiamo proprio dire che se passassi sotto al metal detector, farei suonare l'allarme. Inutile dire che non è di certo un piacere, anche perchè è stata una decisione che non mi aspettavo, ma mi fido del mio dentista e quindi sopporterò. Ora, la mia domanda è questa: mi è stato detto che l'espansore andava rimesso per risolvere un problema di "contrattura" che difficilmente si sarebbe sistemato unicamente con il Damon, ma cosa si intende per contrattura? Ha qualcosa a che vedere con il problema del morso incrociato?
Ortodonzia della Dr.ssa Claudia Petti di Cagliari
Cara Signora Flavia, L’apparecchio Damon System consente di ottenere uno spostamento dei denti esercitando una leggera pressione per avere lo spostamento senza ischemizzare e danneggiare il parodonto (questo almeno sarebbe negli intenti del Sistema!). La contrattura in termine medico indica una contrazione dolorosa, letteralmente, ma in questo caso ci si riferisce ad altro, ma, poichè lei ha esordito giustamente con la frase:"mi fido del mio dentista", non mettendo però in pratica questa tanto decantata fiducia, forse dimenticando una "s" davanti, visto che cerca conferme altrove e che ascolta quello che le viene detto o da altri Dentisti o da amici che farebbero meglio a farsi gli affari loro ed a non interferire, io non aggiungo altro: eserciti la sua FIDUCIA NEL SUO DENTISTA E CHIEDA A LUI! Poi, l'Ortodonzia si basa su un accurato check up ortodontico e cefalometria che misura delle semirette che individuano dei piani e degli angoli in base a cui si fa una diagnosi e si prospetta una terapia ortodontica ... e che è compreso in più visite, rilievi di dati e soprattutto uno studio a "tavolino" dei problemi da correggere........è come una progettazione matematica di una espressione, di un problema che la cui soluzione è in una sequenza di espressioni , numeri e dati...e chiedere quello che chiedi tu per l'ortodonzia sarebbe come chiedere ad un matematico il risultato di un problema senza fargli fare tutti i "passaggi" che lo possano portare alla soluzione richiesta.........che ti può dire solo un dentista, IL TUO, dopo le visite suddette ...secondo motivo per cui non posso esprimere giudizi..Cordialmente Gustavo Petti, Parodontologia, Implantologia, Gnatologia e Riabilitazione Orale Completa in Casi Clinici Complessi ed Ortodonzia e Pedodonzia la figlia Claudia Petti, in Cagliari.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Cara paziente, Molto probabilmente l'ortodontista che ti segue avrà constatato il persistere di una contrazione a livello palatale,forse recidivata e diagnosticata inizialmente con quel "morso crociato" di cui parli. La contrattura si ha quando le due arcate, superiore e inferiore, non "combaciano" in senso trasversale ( l'arcata superiore dovrebbe fare da "coperchio" per l'inferiore). Solitamente l'espansore dovrebbe essere mantenuto in bocca per più tempo, almeno fino a quando i canini non sono rientrati in arcata e i denti allineati, altrimenti si rischia di avere appunto recidive per l'opporsi di forze ortodontiche contrastanti. In questa fase consiglio di mantenere l'espansore e andare avanti con la terapia fissa finchè l'occlusione non si è stabilizzata. Cordiali saluti. Dott.ssa Andreea Cacoveanu
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott.ssa Andreea Cacoveanu
Casalecchio di Reno (BO)

Si, esatto, contrattura del palato oppure palato stretto o cross byte o morso crociato uni o bilaterale, sono tutte sinonimi in sostanza della stessa cosa... La terapia sembra del tutto adeguata, il fatto è che sein decisamente.. vecchia, a 23 anni per queste cose. Avresti dovuto far tutto ciò in 3 elementare. Ora è tutto più lungo difficile ed incerto.

Scritto da Dott. Paolo Passaretti
Civitanova Marche (MC)
Consulente di Dentisti Italia

Sig. Flavia, lei si trova a fine crescita e la sua sutura palatale è ormai fusa e non è divaricabile, per cui l’espansore rapido palatale potrà dare solo movimenti dentali e non ossei. Ricordiamoci che tutto a un limite e che non si possono spostare i denti dove non c'è osso, a volte l'ortodonzia dell'adulto non arriva al 100% e si deve accettare qualche compromesso.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

Gentile signora, credo che il collega per contrattura abbia voluto intendere una piccola recidiva della riduzione del diametro in orizzontale del palato che si manifestava com cross-bite o morso crociato, evento che puo' verificarsi quindi non se ne preoccupi. Continui a fidarsi del suo odontoiatra e lo lasci lavorare sereno mentre lei deve necessariamente armarsi di santa pazienza: non è una bambina a cui basta relativamente poco tempo per riordinare i rapporti intermascellari ed interdentali. Saluti dott. Vuolo
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gianfranco Vuolo
Salerno (SA)

Cara Flavia, continua ad avere fiducia al tuo dentista perchè dopo due anni di terapia ortodontica dovresti essere quasi alla conclusione ed instaura un rapporto di più comunicazione con lo stesso. Tanti auguri.

Scritto da Dott. Aldo Santomauro
Palermo (PA)
Collaboratore di Dentisti Italia

Gentile Flavia, l'azione del divaricatore a questo punto non è più un'azione ortopedica, cioè non espande il palato approfittando della non ancora completa "saldatura" delle ossa mascellari, cosa che accade ad un'età più giovane, ma ha solo un'azione rivolta ai denti, quindi ortodontica. Di conseguenza il risultato è più difficile da raggiungere. Cordialità.

Scritto da Dott. Michele Caruso
Treviso (TV)
Consulente di Dentisti Italia

Alla sua età se vi è una contrattura scheletrica non si può che associare la chirurgia all'ortodonzia. Con l'ortodonzia si ottiene solo un'inclinazione esterna degli assi radicolari ce a lungo andare potrebbe provocare danni parodontali si informi bene su questo punto, cordiali saluti

Scritto da Prof. Marco Finotti
Padova (PD)
Consulente di Dentisti Italia

Per palato contratto si intende un palato che non si è correttamente sviluppato trasversalmente. Di solito questi palati sono profondi (volta palatina molto alta e accentuata) e associato c'è spesso il morso incrociato (cross bite). Il cross bite, che è l'inversione di occlusione tra i denti superiori (che normalemente sono esterni) e inferiori (che generalmente sono interni) perché il palato non è sufficientemente largo, ossia contratto.

Scritto da Dott. Luca Boschini
Rimini (RN)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile Flavia, non vorrei minare la fiducia che dichiara di avere nel suo dentista, ma ci chiede il nostro parere. Quindi sono costretto a dire che alla sua età l'azione del divaricatore non è per nulla efficace, se non dannosa. Sarebbe meglio una chirurgia molto facile e che si può fare anche ambulatorialmente; ma sempre chirurgia è. Ne parli col suo dentista. Cordialmente E.Spagnoli

Scritto da Dott. Edmondo Spagnoli
Lecco (LC)
Consulente di Dentisti Italia