Domanda di Ortodonzia

Risposte pubblicate: 9

Da 3 mesi a questa parte sto di nuovo portando l'apparecchio fisso

Scritto da Marco / Pubblicato il
Salve sono un ragazzo di 21 e vorrei chiedervi un parere sincero su quello che sto scrivendo. Da 3 mesi a questa parte sto di nuovo portando l'apparecchio fisso (l'ho portato 2 volte ricevendo un trattamento ortodontico senza estrazione e la seconda volta dopo che il mio ortodontista aveva riscontrato una deglutizione atipica poi risolta) visto che ho riscontrato un prognatismo che esteticamente non accettavo e sono andato da un nuovo ortodontista che mi ha consigliato fermamente non percependo problemi scheletrici di agire a livello ortodontico. Così mi ha estratto i 2 premolari sotto e fra qualche mese mi estrarrà anche quelli sopra dandomi la sicurezza totale della riuscita del trattamento e del miglioramento notevole estetico nel giro di un anno e mezzo. Ecco le mie domande sono 2: -secondo voi è stata una scelta sbagliata del primo ortodontista a livello estetico considerando che non ha estratto e non facendo ciò ha creato affollamento nei denti e una estetica facciale non soddisfacente oppure no? -ecco l'altra domanda riguarda il fatto che io putroppo ho sempre respirato a bocca aperta(ho scoperto di non riuscire a respirare dal naso da qualche tempo e ho il setto nasale deviato internamente e esternamente con ipertrofia dei turbinati cosa che risolverò fra non molto) e informandomi secondo alcune teorie ciò può aver provocato magari un'estetica facciale troppo verticale,un appiattimento zigomi,occhi stanchi, problemi schiena, naso prominenete e anche una maloclussione. Ecco volevo chiedere un parere su questa teoria perchè leggendo anche da internet sembra quasi che i lineamenti del viso siano stati modificati da un problema del genere e mi pare un'esagerazione almeno nel mio caso(vi allego una foto risalente a poco prima del trattamento così magari mi chiedete se almeno nel mio caso è così). Vi ringrazio anticipatamente
Salve, le sue domande sono troppo complesse per dare una risposta corretta che prevede una visita ed uno studio approfonditop del suo caso.

Scritto da Dott. Antonino Ruggirello
Palermo (PA)

Sig. Marco, parlo a titolo personale ma posso tranquillamente affermare che la sincerità è il carattere generale nelle risposte che si danno su questo forum. Per venire alle sue domande, concordo col collega Ruggirello, solo con uno studio approfondito si può rispondere alle sue domande; ma tenga bene a mente che lo sviluppo armonico del distretto facciale avviene diversamente da persona a persona seguendo anche leggi genetiche. La spinta di forze ortodontiche può forse variare solo marginalmente la forma e quindi l'estetica. Se un problema esiste, va senza dubbio valutato in maniera multidisciplinare. Cordiali saluti.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Davide Colla
Seregno (MB)
Collaboratore di Dentisti Italia

Esempio di terapia ortodontica della Dr.ssa Claudia Petti
Caro Signor Marco....la diagnosi Ortodontica è cosa seria e dipende da una infinità di problemi da valutare con accurato check up ortodontico e cefalometria che misura delle semirette che individuano dei piani e degli angoli in base a cui si fa una diagnosi e si prospetta una terapia ortodontica ... e che è compreso in più visite, rilievi di dati e soprattutto uno studio a "tavolino" dei problemi da correggere........è come una progettazione matematica di una espressione, di un problema che la cui soluzione è in una sequenza di espressioni , numeri e dati...e chiedere quello che chiede lei per l'ortodonzia sarebbe come chiedere ad un matematico il risultato di un problema senza fargli fare tutti i "passaggi" che lo possano portare alla soluzione richiesta..........................Cordialmente Gustavo Petti, Parodontologia, Implantologia, Gnatologia e Riabilitazione Orale Completa in Casi Clinici Complessi ed Ortodonzia e Pedodonzia la figlia Claudia Petti, in Cagliari.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile Marco, non è possibile darle delle indicazioni specifiche sul suo caso senza una visita e una valutazione completa anche delle radiografie. Le rispondo solo per quanto riguarda alcune informazioni generali sui temi, piuttosto complessi in effetti, di cui lei si è posto interrogativo. La respirazione orale e la deglutizione atipica sono dei fattori che influenzano in modo rilevante la tipologia di crescita facciale e dei mascellari (in fase attiva di crescita), su questo non ci sono particolari dubbi e l’approccio terapeuetico dell’ortodonzia in fase di crescita si basa moltissimo anche sul contrasto di queste abitudini (è la base dell’ortodonzia cosiddetta "intercettiva" e "funzionale"). L’estetica facciale, in relazione soprattutto al profilo, è quindi molto dipendente da come sono cresciuti i mascellari, e in secondo luogo anche dalla posizione dei denti, in particolare degli incisivi, e di come gli incisivi sono inclinati nell’osso. perciò non è corretto dire che il primo ortodontista, non facendo estrazioni, le ha "creato" affollamento peggiorando l’estetica del viso, i denti affollati non determinano un peggiore aspetto delle labbra o del profilo (semmai dal punto di vista estetico non piacciono semplicemente in quanto visibili come "storti"); può invece leggermente "appiattire" il profilo un arretramento importante degli incisivi. Quindi tutto dipende dalla valutazione del caso specifico e che va valutato in ogni suo aspetto, la decisione di trattamento va presa quindi in relazioni a quali sono gli obiettivi del trattamento: dalla foto non le posso indicare nulla di preciso, l’aspetto del profilo è abbastanza buono ma, se questa è la sua domanda, sembra sì rientrare nella tipologia che noi chiamiamo "iperdivergente" che si sviluppa anche in relazione a respirazione orale e deglutizione atipica. Questo è uno dei fattori da considerare, insieme a tanti altri - il grado di affollamento, la posizione della basi ossee, le sue aspettative dal trattamento! - da prendere in considerazione per la migliore scelta terapeutica. In ogni caso mi pare che una scelta sia già stata operata e le estrazioni nell’arcata inferiore siano già state fatte, per cui un dubbio questo punto del trattamento non è utile, proceda tranquillamente affidandosi al suo ortodontista e parlando con lui direttamente di eventuali ulteriori dubbi o quesiti, in maniera che la terapia sia più costruttiva e chiara possibile. Cordiali saluti
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott.ssa Stefania Mazzitelli
Como (CO)

Concordo con le risposte dei colleghi, in particolare quella della iperdivergenza. Tutto il tuo viso è quello (peraltro molto carino e simpatico) della cosiddetta facies adenoidea, dovuto alla lunghissima respirazione orale. Questa ha determinato una evidente ipoplasia del mascellare superiore e una prominenza relativa della mandibola. Infatti se la respirazione è orale e non nasale, la lingua ha una postura bassa errata ed è un motore potentissimo (più di qualsiasi apparecchio fisso al mondo..) che spinge sotto, sulla mandibola, invece che sul palato che quindi non si espande e rimane stretto. Di qui l'affollamento per mancanza di spazio. Le cose che hai letto in internet sono credo esatte. Si tratta quindi di una conformazione scheletrica che si è modificata sotto queste forze naturali (lingua, funzione respiratoria etc) molto potenti. La funzione errata ha determinato posizioni ossee errate.L'apparecchio fisso non è in grado di modificare minimamente la posizione della base ossea. Potrebbe farlo un apparecchio funzionale oppure la chirurgia ortodontica, a questa età.. Bisogna fare una diagnosi celafometrica molto precisa e agire dove bisogna agire. Leggi gli articoli che ho scritto sui casi come il tuo, in questo sito.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Paolo Passaretti
Civitanova Marche (MC)
Consulente di Dentisti Italia

Caro Marco, è davvero difficile poter esprimere già solo un'opinione senza averla visitata e senza vedere delle rx, si immagini poter effettuare una diagnosi! L'unica cosa che posso dirle è che la tipologia facciale che lei descrive può essere influenzata dalle problematiche che ha esposto, non è "una teoria" così strana!In ogni caso ora è in cura e il suo ortodontista ha già iniziato ad eseguire il suo piano di trattamento, per cui si affidi a lui con serenità. Cordiali saluti
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott.ssa Marta Muscettola
Roma (RM)

A quanto detto dai colleghi con i quali concordo, aggiungo che non amo fare estrazioni perchè modificano il sorriso. Mi spiego, un bel sorriso (secondo i canoni attuali dell' estetica) è bello perchè si "vedono" molti denti, quando si estraggono 4 premolari si vedono appunto 4 denti in meno!!! Ciò non toglie che, mio malgrado, quando sono necessarie vanno eseguite. Si affidi al suo curante, e vada sulla mia scheda a guardare il sorriso della paziente trattata con estrazioni! Cordialmente
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gabriele Stirpe
Priverno (LT)

Sig. Marco, recriminare il passato serve poco, ora sono già stati avulsi 2 denti e altri 2 saranno tolti a breve, ogni cura ha i suoi pro e i suoi contro che lei già conosce, per cui affronti serenamente la cura che darà un risultato estetico definitivo.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

Caro Marco, ti faccio una premessa: esistono diverse scuole di pensiero in ortodonzia come in tutti i campi, in particolare per le estrazioni spesso alcuni casi sono border-line ossia si possono risolvere sia con estrazioni che senza ed allora il medico che segue la scuola estrattiva, estrae ed il medico che segue la scuola non estrattiva, risolve senza estrazioni. Tu dirai: come è possibile questo? Ed io ti rispondo: è possibile perchè le estrazioni non sono altro che un modo per recuperare spazio cioè per risolvere quella discrepanza che c'è tra quantità dentale e quantità di osso. Mi spiego meglio: se il tuo osso è tale che per metterli ben allineati c'è spazio solo per 12 denti e tu invece di denti ne hai 14 questo vuol dire che c'è discrepanza; è logico che i due denti in più creeranno un affollamento oppure tutti i denti si inclineranno verso l'esterno (overjet aumentato) per farsi spazio. Sono solo due esempi, ma spero di averti chiarito che la discrepanza porta a malocclusione. La discrepanza si può risolvere in diversi modi; L'ortodontista durante lo studio del caso calcola la discrepanza di spazio (lo spazio necessario) e valuta come recuperarlo. L'estrazione di certo ci fa recuperare in media dai 5 ai 7 mm per dente estratto ma altri mm si recuperano con l'espansione dell'arcata, con la vestibolarizzazione dei denti, con il lee way space nel bambino (spazio recuperato durante permuta), con lo streepping. Insomma come avrai capito il calcolo è complesso. Talvolta la discrepanza di spazio è tale che a seconda della tecnica utilizzata dall'operatore si decide per estrarre o meno. Credo che questo sia il tuo caso. Premesso ciò e dando sempre per scontato che i medici a cui ti sei rivolto siano validi ed onesti cerco di rispondere alle tue domande: Non conoscendo il caso devo rispondere alla prima domanda che probabilmente il tuo era un caso "border line" che il primo collega ha deciso di risolvere senza estrazioni (vista anche la tua giovane età) e che qualche fattore è intervenuto per cui non c'è stata risoluzione della malocclusione, oppure c'è stata ma poi ha recidivato, questo non l'ho capito bene. Devo anche tener conto che se oggi hai 21 anni probabilmente hai messo l'apparecchio la prima volta durante la pubertà avanzata cioè durante il picco di crescita scheletrica, anche le ossa che sostengono i denti crescono in quel periodo e non sempre è possibile prevedere nè la quantità nè la direzione di crescita. Argomento correlato è quello della seconda domanda: qui la risposta è tutta muscolare: Devi sapere che la crescita ossea è guidata dai muscoli, i nostri denti sono nella posizione in cui si trovano per un equilibrio di forze tra lingua (un insieme di muscoli) e guance e parte interna della labbra. Qualunque fattore vada a disturbare questo equilibrio, soprattutto durante la crescita, crea malocclusione. La respirazione orale, così come la suzione, la scorretta fonazione e deglutizione, le abitudini viziate ecc. sono tutti fattori che modificano posizione di lingua e labbra e creano malocclusione. Risolvere la malocclusione senza correggere anche il fattore scatenante porta a recidiva certa. L'argomento è molto complesso ma spero di averti dato qualche direttiva. In bocca al lupo per la tua terapia.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott.ssa Elisa Macchiarulo
Tivoli (RM)