Domanda di Ortodonzia

Risposte pubblicate: 7

Malocclusione di 2 classe con morso profondo in ragazzo di 21 anni

Scritto da giacomo / Pubblicato il
Salve a tutti... sono un ragazzo di 21 anni.. nel 2004 a seguito di una malocclusione di 2 classe con morso profondo il mio dentista mi fece mettere un apparecchio fisso nell'arcata superiore combinato con un apparecchio di contenzione mobile nell arcata inferiore e sul palato x risolvere il problema... tolto l'apparecchio fisso nel 2006 ancora oggi devo portare i'apparecchio di contenzione.. ora i miei denti si sono di nuovo spostati e secondo il mio dentista devo rimettere l'apparecchio fisso... eppure la cura aveva funzionato ma come mai in cosi poco tempo sono ritornato al punto di partenza?? Distinti saluti
Sig. Giacomo, la recidiva in ortodonzia è contemplata tra le complicanze. Non conosco il suo caso clinico, ma a fine crescita non sempre è possibile ortodonticamente correggere una seconda classe scheletrica, ma sono possibili degli spostamenti dentali che potrebbero compensare le eventuali discrepanze.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

Terapie Ortodontiche:esempio di cura in atto, della Dr.ssa Claudia Petti
Caro Signor Giacomo...è sicuro di aver portato costantemente l'apparecchio di contenzione e nel modo spiegato dal suo dentista?...se la sua risposta è no, questa è la risposta...se è sì... è possibile che qualcosa non sia andata bene nella cura...lei tra l'altro parla di 2° classe ma non specifica se sia canina che molare che a dx e a sin.....poi via web si può rispondere quasi a tutto ma non a patologie ortodontiche: mi scusi sa ma non è assolutamente possibile dare risposte sensate e Professionali senza vederla clinicamente...la diagnosi Ortodontica è cosa seria e dipende da una infinità di problemi da valutare con accurato ceck up ortodontico e cefalometria che misura delle semirette che individuano dei piani e degli angoli in base a cui si fa una diagnosi e si prospetta una terapia ortodontica ... .....Cordialmente Gustavo Petti, Parodontologo, Ortodontista (la figlia Claudia Petti) e Riabilitazione Orale Completa in Casi Clinici Complessi , in Cagliari
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

La II classe ed il morso profondo NON si curano, secondo la mia scuola, che è una delle migliori al mondo (accetto qualunque sfida) con apparecchio fisso, se non in casi molto lievi. Ma con apparecchiature ortopediche e funzionalizzanti che modificano permanentemente la struttura ossea e neuromuscolare, funzione linguale compresa (è mai stato da un foniatra o logopedista?), rispettando, anzi guarendo la articolazione temporomandibolare. Tutto questo va preceduto da diagnosi cefalometrica adeguata, come descrivo nel mio articolo su questo sito. Ed è forse per tutto questo che recidiva..
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Paolo Passaretti
Civitanova Marche (MC)
Consulente di Dentisti Italia

Sig. Giacomo.... bisogna vedere da dove si partiva!!! La II classe è dentale, scheletrica o dento-scheletrica? Se scheletrica è di origine mascellare, mandibolare o combinata? Il morso profondo... quanto è profondo? Come dice il dott. Petti l'Ortognatodonzia è una scienza molto complessa che si basa su una diagnosi precisa. Non è possibile quindi risponderle in maniera esaustiva, ma posso dirle che in alcuni casi la contenzione è per sempre! Cordialmente

Scritto da Dott. Gabriele Stirpe
Priverno (LT)

Lo spostamento dei denti è funzionale. Cioè, i denti si spostano a seconda di come funzionano e molto spesso la posizione in cui noi li mettiamo potrebbe non essere quella più consona alla funzione anche se esteticamente valida, e questi, se non bloccati dalla contenzione, ricercano una posizione più funzionale. La funzione crea l' organo ! Distinti saluti dott. Gino Perna

Scritto da Dott. Gino Perna
Roma (RM)

Caro Giacomo, è molto difficile curare seconde classi con morso profondo a fine crescita con la solo ortodonzia, senza avere recidive: l'engramma neuromuscolare cercherà di riporterà la situazione al punto di partenza in pochi anni se non si porta sempre una contenzione fissa e non si cambia lo schema che l'ha generata (purtroppo impossibile nella maggior parte dei casi, perchè avremmo indotto una mutazione, e ciò non rientra nei compiti dell'ortodonzia) Cordialmente Dr Angelo Beghini Cassano D'Adda MI e Comazzo LO
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Angelo Beghini
Cassano d'Adda (MI)

Sig. Giacomo, le consiglio di leggere il caso clinico da me presentato Ortodonzia Ortopedica Miofunzionale Bass: "Morso Coperto" Cordiali saluti

Scritto da Dott. Maurizio Serafini
Chieti (CH)