Domanda di Ortodonzia

Risposte pubblicate: 5

All'età di 9-10 anni mi è sorto il problema di un'avanzata malocclusione.

Scritto da Floriano / Pubblicato il
Salve a tutti! Vi racconto brevemente la mia storia clinica riguardante i denti e spero che qualcuno mi possa dare qualche consiglio utile: - Sono nato l'8/12/1992 (ora ho 17 anni) - All'età  di 9-10 anni sorge il problema di un'avanzata malocclusione che m'impedisce di tagliare il cibo (fra incisivi superiori e inferiori  circa 1 cm di spazio). Il mio dentista di fiducia mi dice che per risolvere questo problema, prima di mettere l'apparecchio, è necessario estrarre 2 denti premolari per arcata, visto l'affollamento e la mancanza di spazio che c'è. - Non volendo estrarre 4 denti, mi reco, su consiglio di un amico, da un altro dentista che mi promette di "mettere tutto a posto" senza estrarre alcun dente. Inizio il trattamento per 1 anno con apparecchio mobile, 5 anni con apparecchio fisso e 1 anno e 1/2 con contenzione. Una volta "rilasciati" i denti, però, tutto ritorna esattamente come prima. - Passa qualche mese e ritorno dal dentista, il quale si giustifica dicendomi che non aveva calcolato che i denti del giudizio avrebbero potuto guastare il lavoro già  fatto. - Passa ancora qualche mese e questo dentista mi richiama dicendo di poter rimediare all'errore in "un annetto". - Vado da un altro dentista e mi dice che devo obbligatoriamente estrarre tutti e 4 i denti del giudizio e mi garantisce di addrizzare i denti. Mi sottopongo all'intervento per estrarre gli ottavi superiori, soprattutto perchè ho 2 cisti follicolari. Non mi faccio estrarre però i denti inferiori. - Mi reco da un altro dentista e mi dice di estrarre 2 premolari per arcata per riuscire a recuperare spazio e addrizzare i denti. - Proprio oggi sono andato da un altro dentista ancora, che mi ha detto di riuscire a recuperare spazio nell'arcata inferiore effettuando uno stripping, mentre per l'arcata superiore mi ha dato 2 possibilità : (1) tirare due premolari e portare indietro i denti o (2) mettere un particolare apparecchio per scalare l'arcata di un dente, cioè far occupare ai molari il posto degli ottavi e così via a scalare. Quest'ultima possibilità  ha detto che, però, potrebbe portare a una leggere instabilità  dei denti. Adesso vi chiedo: 1) Come è possibile che questo dentista, che non è riuscito a fare nulla in oltre 7 anni, riesca a riparare il danno in "un annetto"? Mi devo fidare, considerando che quest'anno faccio 18 anni e non posso perdere più altro tempo? 2) Voi cosa mi suggerite di fare? E' possibile addrizzare i denti tirando solo gli ottavi, i premolari o entrambi? E' sufficiente lo stripping o bisogna estrarre alcuni denti anche sotto? Vi prego di aiutarmi perchè sono in una situazione davvero disperata: c'è chi dice una cosa, chi l'altra...ormai ho perso fiducia con tutti i dentisti! Allego telecranio e panoramica (effettuate qualche mese fa). E' tutto uguale, l'unica differenza è che non ci sono gli ottavi superiori. Volendo posso anche allegarvi la TC Cone Beam. ==RADIOGRAFIE==  http://img402.imageshack.us/img402/2482/telecraniodenti.jpg  http://img704.imageshack.us/img704/9779/panoramicadenti.jpg =============== Grazie, arrivederci e buon lavoro!
Ortodonzia della Dr.sssa Claudia Petti...in corso di esecuzione, esempio clinico
Caro Signor Floriano...beata "ingenuita"...lei pretende da noi una soluzione via Web ...guardando solo una latero laterale non a grandezza naturale ed una OPT...quando dei Dentisti con visita clinica, non sono riusciti a "combinare niente"...le posso dire di sicuro due cose:1-i denti del giudizio inferiore (confermando questo però clinicamente) sembra non abbiano spazio per erompere e quindi bisogna estrarli...quelli superiori non si vede...e non si può valutare ma sembrerebbe che lo spazio forse ci sarebbe...in ogni caso estraendo gli inferiori i superiori poi si troverebbero senza antagonista (ma va confermato anche questo clinicamente ) e quindi andrebbero estratti anche essi...2-poi sappia che l'Ortodonzia è una Scienza particolarmente complessa e si deve fare uno studio cefalometrico dei piani e degli angoli che "passano" per formazioni anatomiche precise dello scheletro e dei tessuti molli...che si studiano di regola con una radiografia latero laterale ...modelli di studio e tanto altro ancora...questo si chiama check up ortodontico che è il solo che permette di fare una corretta diagnosi ed impostare una altrettanto corretta terapia...quindi vada da un buon Ortodontista e risolverà i suoi problemi.......se non ne trova venga pure da me, si occuperà di lei mia figlia Claudia che è appunto Ortodontista....... Cordialmente, Gustavo Petti, Parodontologo in Cagliari, Ortodonzia e Pedodonzia (la figlia Claudia Petti)
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Sig. Floriano l'ortodonzia è un’ottima scienza che può dare risultati incredibili ma non duraturi, specialmente se non si rimuovono le cause che hanno creato la mal occlusione e soprattutto se non si raggiunge un equilibrio stabile. La deglutizione atipica potrebbe essere una delle cause della sua mal occlusione, forzare le decisioni di un odontoiatra che richiede determinate avulsioni, significa non raggiungere l'equilibrio, sicuramente esistono molti altri fattori da considerare che non sono possibili da elencare. Probabilmente tutti gli odontoiatri da lei consultati hanno le idee ben chiare e tutti potrebbero arrivare al buon esito della cura, la scelta è difficile, di norma il professionista che non scende a compromessi con il paziente è il più serio e si assume le proprie responsabilità. Maggior fiducia potrebbe essere data al professionista che oltre a muovere i denti considera anche i muscoli della bocca. Questi sono i miei personali e semplici consigli, che forse le confonderanno ancora di più le sue considerazioni.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

Gentile Paziente, l'unica cosa certa che ho rilevato in tutto il suo racconto è che nessuno dei precedenti terapeuti le ha mai fatto una analisi cefalometrica con relativa diagnosi, o perlomeno lei non lo dice. Credo che per poterle dire qualcosa di concreto ci sia la necessità assoluta di teleradiografie del cranio calchi in gesso e di una accurata visita, altrimenti, oltre a quanto dettole dal Caro Petti circa i denti del giudizio, si possono fare solo ipotesi. Cordialità Gustavo De Felice sapri (sa)
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo De Felice
Sapri (SA)

Caro Floriano, certamente condivido con il collega, via web non è possibile fare una corretta diagnosi. Quel poco che si riesce ad evincere dal telecranio e che per guadagnare spazio ti hanno portato tutti i denti in fuori. Condivido con i colleghi che ti hanno consigliato le estrazioni dei premolari. Purtroppo spesso quando chi, come me che mi occupo di ortodonzia, propone le estrazioni il risultato è questo! I pazienti scappano, vanno dal primo collega, sperando che sia tale e non sia un odontotecnico, che promette di risolvere tutto senza le estrazioni. Ti consiglio di rivolgerti personalmente da qualcuno di qualificato che con radiografie, foto e quant'altro possa valutare nel miglior modo il piano di trattamento che per quel poco che riesco a vedere dovrebbe comprendere certamente le estrazioni dei denti del giudizio e probabilmente l'estrazione di 4 premolari. Spero di esserti stata utile
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott.ssa Daniela Sardone
Mola di Bari (BA)

Caro Floriano, è difficile dare una soluzione al suo problema valutando solo la panoramica e la teleradiografia; le ricordo che un ortodonzista serio valuta il caso mediante la visita clinica,la realizzazione dei tracciati cefalometrici, la valutazioni dello spazio sui modelli, le valutazioni estetiche sulle foto......io mi farei curare solo da chi ha eseguito almeno questi esami. Un consiglio..........una volta scelto il professionista deve affidarsi alle sue cure senza avere dubbi, altrimenti se non crede nella terapia proposta può solo andare incontro a degli insuccessi. Distinti Saluti
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Massimo Scalas
Cagliari (CA)