Domanda di Ortodonzia

Risposte pubblicate: 5

Mio figlio di 5 anni appena compiuti, all'età di 2 cadde sbattendo l'incisivo centrale superiore.

Scritto da andrea / Pubblicato il
Mio figlio di 5 anni appena compiuti, all'età di 2 cadde sbattendo l'incisivo centrale superiore. Da qualche mese è apparsa una piccola macchia rossastra in corrispondenza della gengiva, mentre il dente appare leggermente più scuro. Poi da alcuni giorni la macchia si è trasformata in una specie di bolla che ha continuato a crescere. Portato dal dentista questi ha consigliato l'estrazione del dente ma, vista la mia perplessità, si è preferita un'incisione dell'ascesso con assunzione di antibiotico (amoxicillina) ogni 12 ore (non sarebbe meglio ogni 8ore ?). Se la cosa dovesse non funzionare per calmare l'ascesso, sono consigliate alternative per salvare il dente fino alla sostituzione naturale con dente definitivo (devitalizzazione)? Sarebbe necessaria una radiografia per vedere l'ubicazione del dente definitivo? Nel caso di estrazione va senza dubbio collocato il mantenitore di spazio? Mi scuso per le molte domande. Grazie.
Signor Andrea, il dente di suo figlio manifesta mobilità? Se si vista una rx endorale si potrebbe anche optare per l'estrazione di un'elemento compromesso che presto verrebbe sostituito dal suo omologo definitivo. Per il resto il suo dentista mi pare non abbia alternativa ad una terapia canalare. Cordialmente Orazio Ischia

Scritto da Dott. Orazio Ischia
Lipari (ME)
Consulente di Dentisti Italia

Caro signor Andrea...mi lascia perplesso ... c'è un ascesso, un iscurimento del dente = il dente è in necrosi...lo si accerta facilmente con prove termiche e con percussione e con una Rx endorale e poalpazione dell'alveolo e processo osso per escludere eventuali fratture dello stesso...si deve procedere a curare la radice...ma lo deve fare un dentista pedodontista...o almeno il suo dentista...che mi pare molto indeciso...a quanto dice lei...deve avere nozioni precise sulla pedodonzia, perchè non è procedura semplice curare endodonticamente un bambino...è semplicissimo nelle mani giuste...Cordialmente, Gustavo Petti, Parodontologo in Cagliari, Ortonzia e Pedodonzia (la figlia Claudia Petti)
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

La valutazione radiografica è indicata, in caso di avulsione a 5anni, che forse è indicata vista la situazione, il mantenitore di spazio può essere eccessivo

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

Caro signor Andrea, una radiografia endorale è quantomai necessaria per decidere qualsiasi tipo di terapia; in linea di massima, vista l'età di suo figlio, la "rizalisi", cioè il riassorbimento radicolare del dente da latte, potrebbe essere già in atto, rendendo molto complessa la terapia canalare. Probabilmente la migliore terapia da consigliarsi è l'estrazione senza successivo mantenitore di spazio. Cordialmente

Scritto da Dott. Massimo Cultrone
Calcinaia (PI)

Signore Andrea, quello che descrive è un piccolo ascesso in seguita alla necrosi del dente. Un dente necrotico presenta un’infezione, che non può rimanere nella bocca di un bambino. La soluzione sarà scelta dopo l’esecuzione di una piccola radiografia endorale, che valuterà la radice del dente. Se il dente sta per cadere nei sei mesi seguenti, allora lo si può togliere senza collocare un mantenitore di spazio, perché il semplice atto di togliere il dente di latte velocizzerà l’arrivo del dente permanente. Se il dente è destinato a cadere fra più di un anno, sarebbe preferibile fare il trattamento endodontico del dente, che cosi rimarrà nella bocca e servirà da “mantenitore di spazio naturale”. Nel caso in cui la possibile caduta si colloca tra i 6 e i 12 mesi, allora possiamo scegliere una di queste due alternative. In ogni caso, ci sono altri trattamenti locali che possono essere usati al posto del trattamento sistemico con l’antibiotico, per fare sparire l’ascesso al livello della gengiva. Cordiali saluti. Annelyse Garret Bernardin
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott.ssa Annelyse Garret Bernardin
Roma (RM)