Domanda di Ortodonzia

Risposte pubblicate: 6

Non è troppo presto per mettere un apparecchio?

Scritto da paolo / Pubblicato il
Buon giorno, sono Paolo, scrivo da Trento e vorrei avere un Vostro illustre parere su mia figlia Ludovica. Ho portato mia figlia Ludovica di 7 anni (a novembre ne compirà 8) presso il dentista dell'azienda sanitaria provinciale, il quale ha fatto la visita ed ha controllato la dentatura, dove ha riscontrato che i denti dell'arcata superiore non stanno crescendo bene (vogliate scusare la mia scarsa padronanza con il linguaggio medico) e che consiglia un apparecchio per allargare il palato già da subito. Io comunque ho già fissato un appuntamento presso un dentista per poter mettere questo apparecchio a inizio luglio. Vorrei sapere se dalla vostra esperienza professionale non è troppo presto mettere a mia figlia un apparecchio? il sottoscritto dalla sua esperienza personale lo ha portato a 9 anni, negli anni 80 dove c'erano altre tecniche e capisco che ogni caso è una storia a se. Ringrazio anticipatamente per la collaborazione e porgo cordiali saluti Paolo
Sig. Paolo, probabilmente questa è l'età indicata per ottenere movimenti ortopedici che terminata la fase di crescita non sono più attuabili........................................

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

Caro Signor Paolo, buongiorno. No, non è troppo presto e le spiego il perché: la "saldatura" delle suture ossee pterigo-mascellari è un processo che avviene intorno ai sette anni circa e anche prima (prima si inizia la terapia e meglio è, anche intorno ai 5 anni)In ogni caso la sutura palatina media si chiude solitamente intorno ai 12, 13 anni nelle bambine e ai 13, 14 anni nei bambini. Detto questo trovo molto scorretto da parte sua , nei confronti del Suo Dentista, cercare conferme presso altri ed addirittura nel Web! Parli con Lui! Si Fida e lo Stima o no? Consultare così il Web è molto pericoloso! Che brutta abitudine sta ormai dilagando! Non mi piace e purtroppo è figlia di questi tempi "malsani" che stiamo vivendo! Insomma voglio farle capire che noi, almeno io, non siamo qui per confermare o no pianificazioni terapeutiche di Colleghi. Non siamo Giudici, ma Medici Odontoiatri! Il rapporto di Stima e Fiducia Reciproca Medico-Paziente è Fondamentale. Si accerti che sia stata fatta una Diagnosi dopo Esame Cefalometrico Ortodontico! Cari Saluti ed in "Bocca al Lupo" per la Sua "Piccola" :)
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

No va benissimo, se necessario espandere il palato, quindi agire sulle basi scheletriche prima che la sutura palatina si saldi, non è troppo presto, anzi, si potrebbe iniziare anche prima. Il collega le ha detto le cose correttamente.

Scritto da Dott. Giulio Sbarbaro
Zocca (MO)
Consulente di Dentisti Italia

Se una piantina di un fiore bellissimo (sua figlia) non cresce dritta (malocclusione, denti storti etc), prima si mette un bastoncino che faccia da tutore (l'apparecchio ortodontico) e meglio è. Se poi il fiorellino diventa una sontuosa pianta di fiori, chi la raddrizza più??? Io per le mie convinzioni scientifiche dico che è .... tardi!!!!

Scritto da Dott. Paolo Passaretti
Civitanova Marche (MC)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile Sig. Paolo, no non è affatto presto. Per riuscire ad allargare il palato la sutura palatina non deve essere chiusa, altrimenti spingi....spingi ma non si allarga nulla. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Massimo Tabasso
Savigliano (CN)
Consulente di Dentisti Italia

Non conosciamo il caso di Lodovica e potrebbe essere necessario usare l'espansore rapido del palato. Le do per certo tuttavia che negli ultimi anni sta dilagando la moda dell'ERP. Si esagera, a mio modo di vedere, con l'uso il più delle volte spropositato di questo strumento. Non si fanno i dovuti accertamenti nè ad esso segue una vera terapia ortodontico. Viene tenuto anche per un anno, creando una errata posizione della lingua che viene obbligata a posizionarsi bassa. Un'altra considerazione è andare alla mutua per fare un accertamento importante come questo per la propria figlia.A Trento ci sono ottimi specialisti ortodontisti, mentre la mutua sta facendo economie. A Lecco, dove risiedo, il medico specialista ortodontista prende in cura il piccolo paziente solo formalmente e quando veramente è l'ora di trattarlo lo invia nel proprio studio. Se potesse venire a Verona me lo faccia visitare e le potrò dire se è veramente utile questa terapia. Cordialmente
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Edmondo Spagnoli
Lecco (LC)
Consulente di Dentisti Italia