Domanda di Ortodonzia

Risposte pubblicate: 7

Può esserci una correlazione tra apparecchio ortodontico e questo disagio all'occhio?

Scritto da Anna / Pubblicato il
Buongiorno, Sono mamma di un ragazzino di 13 anni che da giugno del 2015 porta un apparecchio ortodontico X raddrizzare arcata superiore e inferiore. Ho notato che da quando l'ha messo tende a strizzare l'occhio sinistro. Abbiamo fatto visita oculistica tradizionale con verifica diottrie, fondo oculare e pressione ed è risultato tutto nella normalità (non porta occhiali).L'oculista ha escluso che si tratta di un tic nervoso e ha detto che passerà senza prescrivere alcuna terapia. La mia domanda é: "Può esserci una correlazione tra apparecchio ortodontico e questo disagio all'occhio? Se si, che consiglio mi date?". Ringrazio anticipatamente e porgo cordiali saluti.
Gentile Sig.ra Anna, per dare un parere bisognerebbe conoscere con esattezza che tipo di terapia ortodontica è stata prescritto a suo figlio. Spero comunque che oltre alla visita oculistica ha posto gli stessi dubbi al suo ortodontista. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Massimo Tabasso
Savigliano (CN)
Consulente di Dentisti Italia

Cara Signora Anna, Buongiorno. Come si può rispondere cara signora senza una Visita Clinica, senza sapere che Disgnazia si stia curando con l'Ortodonzia e senza conoscere la Psico-neurologia del suo bambino? Di regola accade il contrario, ossia una errato allineamento dei denti ed un rapporto gnatologico "sbagliato" tra loro può anche causare una situazione di Stress che a sua volta può essere alla base di Tic Nervosi! Possiamo dire che certi Tic, scompaiono con l'Ortodonzia, non il contrario. Ma come si può escludere non potendo valutare niente della Clinica di suo Figlio? In ogni caso la cosa più probabile è che il Bambino si trovi in una Situazione intimistica di Ansia, di Stress e che sia preoccupato per tutto ciò che gli sta accadendo, tic per primo oltre che un "disamore" per l'apparecchio ortodontico. Insomma il Tic dovrebbe essere la manifestazione e l'espressione di un Disagio Psicologico ( per disagi dell'Io più profondo) o Neurologico per alterazione di neurotrasmettitori specifici a livello della "biochimica" della "messaggistica" tra Neuroni! La prima cosa da fare è quindi avere una Diagnosi differenziale che chiarisca se ci possa essere una alterazione di questi neurotrasmettitori, facendo Visitare il Bimbo da un Neuropsichiatra infantile. Se Egli escludesse questa patologia, allora il Bimbo deve essere Visitato da uno Psicologo Clinico Infantile o da uno Psicoanalista! Detto questo senta anche cosa le dice il Suo Ortodontista che conosce la situazione Ortodontica pregressa ed attuale di suo figlio! I linea di massima, prendendo le parole di una Nota Psicologa, la dottoressa Francesca Santarelli, "Il tic rappresenta il modo che il bambino trova per sfogare una tensione emotiva"! Spero di esserle stato utile e mi dispiace ma a distanza non posso fare di più se non dirle di stare tranquilla perché questi tic se ne vano da soli così come sono venuto, molto spesso! Ciò non la esime però dal chiedere i Consulti degli Specialisti consigliati se il Tic non dovesse scomparire in qualche mese! Come posso dirle di più? Non so neanche se questo "Tic" che poi bisogna valutare se è un vero Tic, si accompagni ad altri, come smorfie, emissioni di suoni, movimento della spalla e tanto altro che potrebbe far pensare a patologie più "serie" come la Sindrome di Gilles de la Tourette in cui si associano e sovrappongono una serie di Tic! Come posso allora non dirle di far Visitare il Suo bimbo Da un Neuropsichiatra e poi eventualmente da uno Psicoanalista? Cari saluti e stia serena, trasmetta amore con naturalezza a suo figlio senza "pressarlo o fargli notare il problemino" Ok? Felice anno a Lei Gentile Mammina e al Suo Bambino! Vedrà che non è niente di serio, di solito è così :) :) :)
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Sig. Anna, anche se ci fosse una correlazione la cura ortodontica andrebbe fatta comunque, per cui attenda tranquillamente l'evolversi..........

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

Il suo piccolo giovanotto è incappato in un tic o ticchio, molto frequente nella macchina umana, forse come reazione ad una irritazione posturale indotta dalla presenza estranea alla bocca dell'apparecchio ortodondico. Tutti noi siamo preda di moltissimi tic, eccetto i grandi attori che hanno un controllo perfetto del loro corpo. Gli attori comici invece li esagerano, quando imitano un personaggio noto per i suoi tic manifesti, e tanto basta per fare riconoscere il bersaglio comico a tutta la platea televisiva. Le cito soltanto la sindrome delle "gambe senza riposo", dunque in altro distretto della macchina umana, che appare con tanta frequenza che lei potrebbe riconoscerla in qualcuno del suo vicinato. Suppongo che se lei insisterà troppo per estinguere un piccolo tic, potrebbe innescare un nuovo tic da insofferenza parentale. Le suggerisco invece di interpellare il dottor Daniele Tonlorenzi da Massa-Carrara, presente anche su facebook, che secondo tutti i cultori è il nostro massimo esperto italiano di anatomia trigeminale. Spendo il nome di questo personaggio, non tanto per i suoi meriti di scienza e coscienza, quanto per i suoi grandi valori di umana simpatia. Buona fortuna!
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Sebastiano Carpinteri
Torino (TO)
Consulente di Dentisti Italia

Si. Se si tratta di un apparecchio fisso messo allo scopo di correggere difetti scheletrici può succedere. Un conto è se il fisso sposta denti affollati. È un conto è se forza la articolazione temporo mandibolare.

Scritto da Dott. Paolo Passaretti
Civitanova Marche (MC)
Consulente di Dentisti Italia

Personalmente non ho mai sentito parlare di tic scatenati da una terapia ortodontica, ma tutto è possibile a riguardo. Da valutare comunque se non sia più un discorso psicologico o ri-collegabile ad altri fattori.ntenga conto comunque, come scritto dai colleghi, che se la terapia ortodontica è da fare, cominque va fatta, tic o meno scatenante (a condizione ovviamente che si tratti di un approccio ortodontico adeguato al caso clinico, aspetto che noi non possiamo sapere con gli elementi forniti).
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Giulio Sbarbaro
Zocca (MO)
Consulente di Dentisti Italia

In tanti anni di attività non ricordo di una correlazione di questo tipo. Naturalmente non ci metterei la mano sul fuoco anche se cercherei le cause in situazione diverse ( perchè no lo stress dell'apparecchio ). 

Scritto da Dott. Costantino Volpe
Salerno (SA)