Domanda di Ortodonzia

Risposte pubblicate: 6

E' necessario rimettere l'apparecchio fisso?

Scritto da Achille / Pubblicato il
Salve, mi chiamo Achille e sono un ragazzo di 19 anni. Il mio problema riguarda i 4 incisivi dell'arcata superiore che sono leggermente sporgenti (ma abbastanza perché si noti, e la cosa non mi piace) e con un leggero diastema fra i 2 frontali. Urge una precisazione: io ho terminato la fase dell'ortodonzia con apparecchio fisso già da due anni, attualmente porto le contensioni fisse per l'arcata inferiore (splintaggio mi pare si chiami) e con apparecchio mobile da portare la notte per l'arcata superiore; ho i denti perfettamente dritti e non accavallati e un'occlusione di prima classe con ogni dente perfettamente nella cuspide. Prima di iniziare l'ortodonzia avevo diversi denti accavallati, una malocclusione di seconda classe, sorriso gengivale (che ho eliminato quasi del tutto) ma nessun diastema (quello è venuto a crearsi in seguito mentre avevo l'apparecchio fisso, e portavo baffo ed elastici per creare spazi fra i denti e poi portali nella giusta posizione). Ora nonostante io abbia risolto il problema del sorriso gengivale e della malocclusione, i 4 incisivi rimangono sporgenti e continuo ad avere questo leggero diastema. Le mie domande sono: com'è possibile questa cosa? È risolvibile con le contensioni o con un qualche altro tipo di apparecchio mobile, o è necessario rimettere quello fisso? Mi rivolgo a voi per avere un secondo parere esterno, dal momento che il mio dentista quando gli pongo queste domande non mi da mai risposte chiare, nè soluzioni convincenti. Grazie delle risposte che vorrete darmi e perdonatemi per la lunghezza della domanda. P.S. Per chiudere lo spazio tra i due incisivi frontali il mio dentista applicò, quando ancora portavo l'apparecchio fisso, un elastico fisso che tirava i denti uno verso l'altro. Nonostante secondo me non si fosse ancora chiuso del tutto, lui sostenne che il piccolo spazio rimanente fosse dovuto semplicemente alla forma dei denti e mi tolse l'apparecchio. In realtà poi dopo poche settimane, con tutte le contensioni, lo spazio è aumentato di nuovo, seppur non fosse ampio com'era prima di applicare l'elastico fisso.
Caro Signor Achille, buongiorno. Mi dispiace ma la invito, per non ripetermi a leggere la risposta precedente alla sua che ho dato alla Signora Angela, intitolata "E' necessario affiancare al trattamento ortodontico una valutazione e riabilitazione logopedica?"! Quanto detto vale anche per Lei! La invito anche a Leggere la risposta prima della Sua data alla Signora Sabrina dal Titolo "SEGUITO ALLA DOMANDA: HO UN PONTE DA 30 ANNI FORMATO DA 4 ELEMENTI" dove mi "addentro" nel "Concetto" che non è solo il Dentista o il Professionista in Senso Lato che debba avere "Correttezza Deontologica" verso il Suo Paziente ma è anche il Paziente che la deve avere verso il Proprio Dentista! Aggiungo ! E' essenziale che nel rapporto Medico-Paziente ci sia una base di Stima e Fiducia reciproca. Venuta meno questa "base", non ha più senso il "Rapporto" Medico -Paziente. Se proprio non ha Fiducia nel Suo Dentista abbia il Coraggio e il "Pudore" di dirglielo "in faccia". Abbia il coraggio di parlare con Lui! Altrimenti abbia il "pudore" di Chiedere un Consulto Clinico presso un altro Professionista, pagando il Giusto Onorario per la relativa Visita! E' suo Diritto, anche se biasimevole! Si chiederà e vi chiederete, allora perché sto "dedicando il mio tempo prezioso a rispondere"?! Perché trovo giusto e di mia competenza fare anche "Educazione Culturale Odontoiatrica e Medica e Generale di Buon Comportamento Deontologico"! E' assurda la assoluta mancanza di Rispetto che ha per chi, come il suo Dentista mette al suo "servizio" la sua Intelligenza, Cultura, maestria Chirurgica per darle "salute"! Questo al di là del fatto che la Terapia abbia o non abbia ottenuto tutti gli obiettivi Prefissati! Cari Saluti e non se la "prenda con me" se mi sono permesso. Mi scuso con Lei ma ho ritenuto importante "Lanciare questo messaggio di Correttezza" non solo a Lei ma a Tutti i Pazienti in Generale! Spero e mi auguro di non essere frainteso e che tutto questo serva a fare una profonda Meditazione da parte Sua! In ogni caso sappia che le Disgnazie si dividono in Due Grandi Gruppi Principali: le Disgnazie Dento-Dentali e le Disgnazie Dento - Scheletriche. Angle pui ha Enunciato una Classificazione Precisa:Le Classi Dentali di Angle, a livello dei primi molari e dei canini, I Cl.Dentale, II Cl. Dentale (e se in I o in II Divisione), III Cl., per fare Diagnosi bisogna procedere a fare un Ceck up Ortodontico con analisi Cefalometrica che misura delle semirette che individuano dei piani e degli angoli in base a cui si fa una diagnosi. Senza questo non posso neanche Risponderle Professionalmente, a prescindere da tutto il Discorso Fatto! Ancora Cari Saluti :)
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Sig. Achille, terminata la cura ortodontica non si deve stare 2 anni senza fare visite di controllo! Le visite dopo la cura inizialmente sono mensili poi trimestrali e poi semestrali per sempre. Ritorni al più presto dal suo odontoiatra e stia alle sue istruzioni.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

Mi dispiace ma, non sapendo praticamente nulla del suo caso clinico (modelli di studio pre e post trattamento, fotografie pre e post trattamento, cartella clinica etc etc) dirle se "è normale" o "non è normale" mi è un po' difficile. Ovviamente, quando il trattamento ortodontico viene definito come terminato, non dovrebbe esserci disturbi funzionali né inestetismi residui (a meno che non si sia concordato prima con il paziente a riguardo); sicuramente è importante, anzi fondamentale, la contenzione per evitare recidive. Tenga conto che, alla sua età, dato che lo sviluppo scheletrico è ormai completato, se vuole ulteriormente modificare il suo sorriso e la sua posizione dentale, l'unico strumento non protesico (capsule e faccette estetiche) è un dispositivo ortodontico fisso.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Giulio Sbarbaro
Zocca (MO)
Consulente di Dentisti Italia

Egr. signore, Dal suo racconto deduco che il trattamento a cui è stato sottoposto è stato impegnativo per entrambi, paziente e professionista. In questi casi possono residuare piccole alterazioni di posizione di alcuni denti che possono essere corretti in seguito con ad esempio l'applicazione di attacchi linguali e quindi invisibili oppure con mascherine trasparenti. Cordialmente, 

Scritto da Dott. Claudio Cirrincione
Firenze (FI)

Sarà il suo ortodontista, che le ha fatto la precedente cura e che lei afferma con ottimi risultati, a decidere sul da farsi. Le suggerisco la tecnica invisalign. Cordialmente

Scritto da Dott. Edmondo Spagnoli
Lecco (LC)
Consulente di Dentisti Italia

Mi spiace ma non sono in grado di dare una risposta con gli elementi a disposizione, deve necessariamente fare riferimento al suo ortodontista. 

Scritto da Dott. Costantino Volpe
Salerno (SA)