Domanda di Ortodonzia

Risposte pubblicate: 6

Il nostro dentista ha proposto la placca di cervera

Scritto da Maria / Pubblicato il
Buon giorno, mio figlio di 25 anni vive all'estero e tornerà temporaneamente in Italia tra qualche giorno. Ha riscontrato un cambiamento nell'assetto dei suoi denti per il quale il nostro dentista di fiducia ha proposto la placca di cervera (diagnosi fatta per ora sulla base di radiografie e contatto visivo via skype) e possibile estrazione per dare spazio a una bocca con tutti i suoi denti e palato stretto. Il trattamento è doloroso? Ha senso parlarne a questa età? grazie Maria
Cara Signora Maria, buongiorno. Ovvio che non è una Diagnosi questa ma solo un primo approccio. Dalla terapia proposta immagino, perché non lo dice, che si tratti di una terza classe scheletrica. La Sua Riflessione, cara Signora Maria, è pertinente e giusta! Aggiungo che le Disgnazie possono essere dento dentali o dento scheletriche. Sappia che le disgnazie di terza classe scheletrica, ossia la terapia ortopedica di avanzamento del mascellare è molto più efficace prima che avvenga la "saldatura" delle suture ossee pterigo-mascellari processo che avviene intorno ai 7 anni circa e anche prima, quindi un progenismo va corretto di regola prima dei 5 anni, con vari apparecchi tra cui la maschera di Delaire con cui si ottiene un avanzamento del mascellare superiore con trazioni elastiche posizionate tra un arco intraorale ed una apparecchiatura extraorale o con le SIM (Elastici interni tra arcate dentarie). La PCF, acronimo di Placca Funzionale di Cervera Bracco è forse da preferire essendo in assoluto la migliore esistente anche perché è stata studiata, derivandola da quella di Cervera, da una delle più prestigiose Scuole di Ortodonzia che è quella del Professor Bracco dell'Università di Torino. Però sempre coi limiti di inizio terapia ideale, prima dei 5 anni. Ora, come posso risponderle senza visitarlo, dato che ha 25 anni ed il suo "Scheletro" è ormai definitivamente "stabilizzato", per così dire! Ora, Le posso solo dire che la terapia è solo Chirurgica a meno che non ci si accontenti di un compromesso regolarizzando di più i rapporti dento dentali, valutazione che è solo clinica e dopo aver fatto un ceck up e cefalometria ortodontica e valutata la fisiopatologia della lingua! la diagnosi Ortodontica è cosa seria e dipende da una infinità di problemi da valutare con accurato check up ortodontico e cefalometria che misura delle semirette che individuano dei piani e degli angoli in base a cui si fa una diagnosi e si prospetta una terapia ortodontica e che è compreso in più visite, rilievi di dati e soprattutto uno studio a "tavolino" dei problemi da correggere; è come una progettazione matematica di una espressione, di un problema che la cui soluzione è in una sequenza di espressioni , numeri e dati e, chiedere quello che chiede lei per l'ortodonzia, sarebbe come chiedere ad un matematico il risultato di un problema senza fargli fare tutti i "passaggi" che lo possano portare alla soluzione richiesta. Vede, siamo entrati in concetti complessi! Come posso risponderle, Professionalmente, quindi? Il suo Dentista invece può?
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile Sig.ra Maria, la placca di Cervera a 25 anni non mi sembra una soluzione. Un contatto visivo via Skype e lastre non precisate non mi sembra un percorso diagnostico corretto. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Massimo Tabasso
Savigliano (CN)
Consulente di Dentisti Italia

Concordo con il collega. Chiaramente sarebbe bene avere una diagnosi precisa basata su analisi radiografica, modelli e una visita completa. Non è ben precisata la problematica di suo figlio (che solo come da sopra si può ottenere) ma nemmeno io mi sentirei di proporre una placca di cervera a 25 anni. Cordialmente

Scritto da Dott.ssa Barbara Villani
Tricesimo (UD)

Una placca di Cervera non si può impostare attraverso un percorso tanto anomalo quanto quello che è stato intrapreso da suo figlio. Quando sarà di fronte al suo dentista verrà fatta diagnosi, eseguiti gli esami di routine e deciso sul da farsi. Che cosa possiamo fare noi a distanza e on line per migliorare questo percorso anomalo? Non possiamo aggiungere niente. Mi spiace e non parli di estrazioni! Cordialmente

Scritto da Dott. Edmondo Spagnoli
Lecco (LC)
Consulente di Dentisti Italia

La diagnosi via skype è assurda come è assurdo togliere i denti nell'adulto perché c'è il palato stretto. Senta una seconda opinione e scelga un dentista che fa la diagnosi dopo aver visitato il figliolo.

Scritto da Dott. Daniele Tonlorenzi
Carrara (MS)

Sig. Maria, mi sa che c'è un po' di confusione! Stiamo parlando della salute di suo figlio che non si gioca in internet con dei nomi di apparecchio. Suo figlio deve essere visitato clinicamente e sottoposto ad accertamenti diagnostici poi con diagnosi certa si stabiliscono le cure.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)