Domanda di Ortodonzia

Risposte pubblicate: 9

Sono stata informata di un metodo alternativo all'ortodonzia denominato dentosofia

Scritto da GIOVANNA / Pubblicato il
Buongiorno. Sono stata informata di un metodo alternativo all'ortodonzia denominato dentosofia tramite l'uso di un apparecchio mobile in alternativa a quello fisso. Essendo stato proposto per mia figlia di 13 anni, avrei piacere di avere anche un Vs parere in merito a questo metodo. Grazie
Cara Signora Giovanna, buongiorno. Se la programmazione terapeutica ortodontica ( a prescindere dal metodo) è scaturita da una analisi Cefalometrica con lo studio di segmenti di retta ed angoli di punti ben precisi su una Teleradiografia e dallo studio tramite Ceck Up Ortodontico di Modelli di studio Ortodontici, Fotografie del profilo e di Fronte in rapporto 1:1 e ovviamente una Visita Clinica Gnatologica a completamento di quella Ortodontica già descritta, allora va tutto bene, altrimenti no! Per Fare una Diagnosi e programmare una Terapia, occorre tutto questo! Chieda al suo Dentista! Per quanto riguarda la Dentosofia, lasci perdere la Dentosofia! Le esagerazioni e gli eccessi in un senso o nell'altro non sono mai auspicabili e portatori di buone cose! La virtù sta nel mezzo, recita un noto adagio Latino, molto usato dal Grande Poeta e Pensatore Orazio, da far però risalire nientemeno che al Padre della Filosofia Moderna, il Genio Greco Aristotele, declamato in particolare nell'Etica Nicomachea. Eviti quindi gli estremismi. Le consiglio di parlarne apertamente col suo Dentista di Fiducia ed in cui abbia Stima, sempre che il suo "credo" le permetta di avere Stima in qualche Medico od Odontoiatra. Non sempre l'approccio deve essere Olistico ad ogni costo, nella Scienza e nella Vita.Non deve essere neanche esclusivamente Naturopatico o Antroposofico o addirittura Fondamentalisticamente alla Michel Montaud, come sembra essere il suo!"Filosofia che intreccia patologie stomatognatiche con introspezione dell'anima e dell'IO più profondo e natura del Mondo esterno, chiamiamola pure col suo nome appropriato di Dentosofia, o meglio la dentosophie de Michel Montaud" è un argomento affascinante in Teologia, Filosofia, Psichiatria e sicuramente in alcune malattie in cui non si hanno alterazioni organiche ben precise! Ma, la Analisi Scientifica, diciamo tradizionale, trova e deve avere il suo spazio in particolarte nella Scienza Cognitiva oltre che nei fenomeni scientifici! Devo purtroppo rispondere ribadendo per l'ennesima volta concetti "triti e ritriti" e chiedo scusa per questo a tutti i miei colleghi! Evidentemente però non basta mai parlarne se voi pazienti continuate a fare queste domande inqueste situazioni. Ecco che la Diagnosi Ortodontica che è un atto Medico molto serio ed importante e che scaturisce solo da un Ceck up Ortodontico completo e da una analisi Cefalometrica, come spiegato sopra! Le patologie dell’apparato stomatognatico (La bocca nel suo intero) sono complesse e richiedono Cultura, Intelligenza e Capacità Clinica oltre che Terapeutica!bisogna valutare il "discorso miofunzionale e di postura della lingua" e sappia che le valutazioni da fare sono molto più complesse di quanto creda. Oggi esistono esami elettromiografici di superficie per l'analisi funzionale e non solo morfologica che misurano le attività elettromiografiche in occlusione centrica con contrazione di gruppi muscolari specifici in particolari e diverse situazioni contrattili e registrando degli indici ben precisi. Ora esistono anche teleradiografie particolari che permettono di sovrapporre lo scheletro e il profilo fotografico per meglio fare queste valutazioni (stereofotografia che sincronizza il viso del paziente co il volume osseo, quindi, volumetrica). Banalmente forse, per lei, le dico : "Senza tutto questo che le ho spiegato, non posso rispondere, in modo professionale, deontologico e corretto"! Cari Saluti
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Sig. Giovanna, conosco stregoni che dichiarano di aver curato mali incurabili, ma non ci riescono sempre e conosco medici che prescrivono antidolofici alleviando dolori a milioni di persone. Dentosofia è un bel nome ma non è l'ortodonzia che studia e cura il singolo caso; lei è libera di far curare la figlia da chi vuole, ma l'importante, che le mettano per iscritto i risultati.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

Gentile Signora, sono più di otto anni che ho introdotto la Dentosofia nella mia attività di Studio, e inizialmente ho sperimentato personalmente la terapia e con i miei figli, con OTTIMI risultati, così come i pazienti in seguito. Chiaramente è un tipo di terapia in cui il paziente deve seguire attivamente le indicazioni che gli vengono date. Non posso ovviamente dirle senza vedere la boccanull'altro, però Le consiglio di leggere "Denti & Salute", libro scritto dal Dottor Miche Montaud, edito in italiano da Terranuova Editore. Troverà certamente risposte alle sue legittime domande. Buona lettura
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Giampiero Bonazzi
Milano (MI)

Ne ho sentito parlare ma mai per l'ortodonzia, alcuni aspetti della dentosofia stimolano il mio interesse ma, signora cara, senta il parere di un bravo ortodontista poiché non sempre si risolve una malocclusione solo con terapia "mobile". 

Scritto da Dott. Valeriano Capone
Roma (RM)

Non dobbiamo escludere quello che non conosciamo bene... Tempo fa Giordano Bruno disse che la terra era sferica e lo misero al rogo. Tuttavia l'ortognatodonzia è una scienza che studia i bambini caso per caso, con cosgtruzione di apparecchi molto personalizzati, caso per caso. Questa è scienza olistica, non fare apparecchi che vanno bene in qualsiasi bocca non fatti su misura etc.

Scritto da Dott. Paolo Passaretti
Civitanova Marche (MC)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile signora la dentosofia, alla quale personalmente non credo, non è una tecnica ortodontica ma un approccio terapeutico che può essere o meno condiviso. Mi pare che il problema non sia però legato all'approccio ma allo strumento che le è stato proposto. Il rapporto medico paziente è di natura fiduciaria e se manca la fiducia nel professionista cui si è appoggiata è meglio cambi professionista. Ricordi che l'errore che l'utente commette troppo spesso è confrontare i diversi professionisti con lo stesso atteggiamento con cui confronta il prezzo dello stesso paio di scarpe visto in due negozi. Le prestazioni mediche e odontoiatriche raramente sono confrontabili con questo criterio. Chiarisca i suoi dubbi col professionista che segue la sua figlia e poi decida cosa ritiene sia il meglio per lei.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Alvise Cappello
Padova (PD)

Car sig. Ra Giovanna la "dentosofia" non è stregoneria ma una parte dell'ortodonzia effettuata con apparecchiature miofunzionali che intercettano parafunzioni ( es. deglutizione atipica = posizionamento dello lingua tra i denti durante la deglutizione) che impediscono il corretto sviluppo dei mascellari! È difficile poter dare una risposta poiché non si può fare terapia senza diagnosi ! Attualmente se ne parla molto .... Dando questo fascinoso nome , ma esiste da decenni . Condivido quanto detto dal mio collega : importante è che le venga assicurato il risultato. Cordiali saluti Dottssa e.antonelli
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott.ssa Elisabetta Antonelli
Roma (RM)

Per evitare di ripetere quanto già detto è importante sapere che vi sono terapie che possono essere fatte solo con apparecchi mobili funzionali ed altre con apparecchi fissi e quindi non è possibile per nessuno "scegliere" se si vuole ottenere il risultato corretto. E' necessario stare molto attenti nella scelta del professionista e nella sua professionalità ed esperienza.
Cordiali saluti

Scritto da Prof. Marco Finotti
Padova (PD)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile sig.ra vedo che c'è molta confusione anche tra i mie colleghi, e la storia ci insegna che le rivoluzioni scientifiche, non sono prese molto bene dal mondo dominante, io voglio solo dirle che è una questione di scelta, tra un modo di fare ortodonzia, quello tradizionale, il cui scopo è unicamente mettere i denti " dritti" con prima classe scheletrica e dentale ( spesso non riuscendoci) ma comunque i denti dritti specie quelli davanti, ed un altro approccio il cui scopo è trovare un equilibrio armonico globale ( posturale, mio funzionale etc) non considerando la bocca come una cosa a se stante, però, c'è un però, un bravo dentosofista se si accorge che nel sistema" corpo" è è necessario mantenere una seconda classe scheletrica e dentale, oppure un affollamento dentale e quindi " denti leggermente storti davanti" li deve, così, lasciare, non sono possibili compromessi altrimenti non si fa ne l' una ne l' alta cosa, detto questo a lei la scelta, specificando che comunque molto spesso forma e funzione spesso coincidono
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gianluca Pucci
Roma (RM)