Domanda di Ortodonzia

Risposte pubblicate: 5

Due settimane fa ho estratto il dente del giudizio inferiore

Scritto da letizia / Pubblicato il
Salve a tutti, due settimane fa ho estratto il dente del giudizio inferiore, operazione durata un'ora e mezza e svoltasi senza problema, ferita perfetta, quasi nullo il gonfiore. Tuttavia ho avuto molto fastidio, prima localmente, con ondate di dolore che partivano dalla sede dell'estrazione alla guancia e alla tempia, poi con emicranie sempre più diffuse (tempia soprattutto) orecchio e gola. Praticamente il dolore non mi ha dato mai tregua, costringendomi ad assumere antidolorifici per tutto il periodo. Oggi il mio dentista non spiegandosi il protrarsi del problema mi ha effettuato una panoramica e ha individuato nel molare superiore, l'origine del mio problema, ovvero un dente cariato e molto mal messo (ha parlato di possibile pulpite) da rimuovere il prima possibile. Scrivo a voi in cerca di pareri per il semplice fatto che la mancanza del mio dentista è stata di non accorgersene prima (nonostante tac e panoramiche) e perchè alla luce delle due settimane appena trascorse un altro intervento mi terrorizza letteralmente. Che garanzie ho poi che l'origine del dolore sia proprio il dente superiore e non l'estrazione dell'inferiore? il male si è scatenato con l'estrazione, è possibile sia solo una coincidenza? inoltre non mi è stato prescritto alcun ciclo antibiotico, leggendo qui e in altri forum, mi sembra sia una prassi vivamente consigliata, quali sono i vostri pareri? vi ringrazio infinitamente
Cara Signora Letizia, buongiorno. "Che garanzie ho poi che l'origine del dolore sia proprio il dente superiore e non l'estrazione dell'inferiore?". Devo ringraziarla veramente molto perché la sua Fiducia e Stima in Noi è ammirevole veramente. Mi dovrebbe spiegare , cara Signora Letizia, come possa io, fare una Diagnosi Differenziale del genere senza neanche visitarla;) Potrei risponderle che non sempre si è al 100/100 delle proprie possibilità e quindi, magari, il suo Dentista non fa fatto caso ad una minuscola "radiotrasparenza" puntiforme sul corpo coronale del dente del giudizio superiore in Disodontiasi e quindi mal visitabile anche visivamente direttamente durante la visita. Certo, volendo essere pignoli, non sarebbe dovuto succedere, ma , via, basta questo per puntare il dito accusatore, come fa Lei, Gentile Signora? E soprattutto era il caso di "puntarlo pubblicamente? Non sarebbe bastato parlarne con Lui, mi riferisco al Suo Dentista Curante? Potrei, ore, per fare bella figura, dare sfoggio di cultura, spiegandole come possa essere possibile che un dolore o infezione o sinalgia, possa scatenare un altro dolore, ma non lo ritengo giusto, né corretto nei confronti del suo Dentista. Stessa risposta per gli antibiotici, non prescritti. Io sono io ed il Collega è un altro Dentista e non è me, come io non sono Lui. Personalmente prescrivo sempre una copertura antibiotica per profilassi di Endocarditi, infezioni locali ed a distanza, Focali. Ma ogni Dentista fa come meglio crede e se il suo, non reputato la necessità di prescrivere antibiotici, è sempre una scelta medica valida e non condannabile assolutamente. Ognuno fa come crede! Evviva la "diversità"! Fossimo tutti uguali, sa che noia mortale? Scusi l'ironia, forse impropria ma era proprio il caso di "informare il mondo intero" di tutto quello che ha fatto o non fatto il Suo Dentista? Non sarebbe bastato parlarne con Lui? No, dentro di Lei c'è la Sfiducia, una caduta della Stima, nel suo Dentista Storico, solo perché non ha visto una carie in un dente dl giudizio in disodontiasi e sottolineo in disodontiasi e sarei curiosi di sapere se parziale o addirittura totale. E sarei curioso di sapere di quanto tempo fa fossero la precedente tac e la precedente OPT, visto che ha deciso di rifarla, altrimenti non ne capirei il motivo. perché ripetere una OPT se ce ne è già una recentissima? Forse non è recente e forse non c'era la carie ed ora invece si! Vede che sto solo facendo supposizioni? Ecco perché ho esordito con la sua frase virgolettata e l'ho ringraziata per la Fiducia "smisurata". Perché, senza visita dovrei fare diagnosi differenziale. Cosa impossibile. Ma perchè , mi chiedo e le chiedo, basta così "poco" per "puntare il dito accusatore"? Se proprio non si fida e non ha Stima nel suo Dentista, vada da un altro a chiedere, pagando la Visita, un Suo Consulto Clinico. Questo è serio, il resto no! Cari saluti
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Partendo dall'ultima domanda. L'antibiotico è una prassi consolidata relativa a procedure chirurgiche estrattive come quella a cui è stato sottoposto, per prevenire una serie di potenziali problematiche post - operatorio (dolore, infezioni etc etc). Il dolore da pulpite può dare dolori riflessi in zone non propriamente corrispondenti al dente dove è presente il problema, quindi può essere concomitante a qualunque cosa (compresa un'estrazione) e appunto essere localizzato in siti generici magari anche lontani dal dente stesso; quando è possibile il dente si cura, non si toglie. Ovviamente senza visitarla né avendo una semplice radiografia endorale del dente sospetto in questione, oltre alla sua panoramica, non posso "garantirle" che effettivamente la causa dei suoi problemi sia quella piuttosto che un processo infettivo post - estrattivo o una parziale lezione neurologica (ad esempio). Se il dente era molto mal messo, sicuramente si sarebbe potuto notare anche prima, ma parliamo sempre di supposizioni. Deve parlare chiaro con il collega che la sta seguendo.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Giulio Sbarbaro
Zocca (MO)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile Sig.ra Letizia, per quanto riguarda la prescrizione dell'antibiotico in effetti la discussione è molto aperta. Alcuni lo prescrivono sempre, altri molto meno asserendo che con la prescrizione massiva di antibiotici si ottiene solo una resistenza. Personalmente se l'estrazione è stata così lunga preferisco prescriverlo. Invece è impossibile capire se vi è anche un dente in pulpite, ci vuole una visita. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Massimo Tabasso
Savigliano (CN)
Consulente di Dentisti Italia

Sig. Letizia, se il molare superiore presenta carie va curato o avulso indipendentemente dall'origine dell'attuale sintomatologia; non è raro che un odontoiatra si fossilizzi solo su alcune parti della bocca senza ispezionarla completamente, questo può succedere quando trova la visita gratuita, ma è fortunata che la svista è stata solo di un dente cariato e non di un tumore come a volte accade.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

La garanzia è legata alla professionalità e serietà del suo curante. Se di lui si fida vedrà che darà il massimo per risolvere il problema. Le tac non evidenziano le carie, le panoramiche poco perchè genericamente imprecise le piccole. Radiografie endorali sono le migliori per evidenziare le carie.
La pulpite è molto dolorosa e necessita di una terapia d'urgenza e sulla pulpite l'antibiotico è quasi ininfluente.
Cordiali saluti
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Prof. Marco Finotti
Padova (PD)
Consulente di Dentisti Italia