Domanda di Ortodonzia

Risposte pubblicate: 9

La situazione disastrosa dei denti può essere stata causa di paresi?

Scritto da Virginia / Pubblicato il
Mi e' stata disgnosticata Lunedi' 16 u.s. una paresi facciale destro VII nervo. Poiche' ho diverse capsule ai denti e soprattutto una nel lato destro con gengiva sempre infiammata, dolorante e gonfia....puo' essere causa di paresi??? Tra l' altro proprio lato destro ho un ponte inferiore con tre capsule che mi ha comportato - dopo l'estrazione dentale di un molare - uno scatto alla mandibola che non e' piu' andato via da 7 anni. Dal lato sinistro invece poiche'si e' staccata una capsula inferiore e non ho provveduto in tempo e' successo che pian piano si e' rotto il moncone del molare ed e' rimasta solo la radice, per cui durante la masticazione spesso faccio pressione sul lato destro. La mia domanda è questa: la situazione disastrosa dei denti puo' essere stata causa di paresi tra l'altro in questo momento con il labbro superiore contorto da una settimana non saprei se' consigliabile correre dal dentista, Cosa mi consiglia? Poi un dubbio che mi assilla da 6 anni :prima dell'estrazione del molare inferiore non avevo nessun problema di scatto alla mandibola e'iniziato dopo il secondo giorno dell'estrazione al risveglio poi' e' diventato cronico- Ricordo solo che il dentista per estrarlo ha sudato sette camicie e mi disse che non voleva lasciarmi la radice, giuro che stava con il piede appoggiato al muro per far forza ad estrarlo con doppia anestesia e sono convinta che ha grosse responsabilita x questo scatto tra l'altro ho saputo che subito varie denunce per lavori male eseguiti (purtroppo per me era gia' tardi) La prego di consigliarmi sul da fare grazie e buona giornata. Rimango in attesa.
Sig. Virginia, le cause della paresi del facciale non ha origini odontoiatriche, lei può sottoporsi alle cure odontoiatriche e quello che è passato è passato.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

Cara Signora Virginia, buongiorno. Signora mia cara, non è così semplice come pensa Lei. Anzitutto Bisogna valutare se si tratta di Paresi o di Plegia. Poi bisogna valutare se è controlaterale od omolaterale ai nuclei del nervo Facciale. I Nuclei infatti sono Due per ogni lato, uno Superiore ed uno inferiore. Il superiore innerva bilateralmente il Volto, l'Inferiore invece innerva monolateralmente ed esattamente monolateralmente. La Paresi, se Paresi fosse, può essere Centrale o Periferica e come detto, incompleta e controlaterale della zona inferiore del volto se di Etiopatogenesi Centrale e Completa ed Omolaterale se di Origine Periferica. Occorre quindi una attenta e capace valutazione Diagnostica da Parte di un Neurologo che richiederà anche gli esami opportuni per fare Diagnosi Differenziale. Poi e solo poi si valuta tutto anche Odontoiatricamente e si sentirà anche l'Opinione di un Chirurgo Maxillo Facciale se il Dentista lo Ritenesse Necessario!! "la situazione disastrosa dei denti", come dice Lei, deve essere intanto, comunque ed a prescindere, valutata in modo totale Parodontale, Conservativo, Gnatologico, Protesico, Riabilitativo dal Medico Odontoiatra! Quindi: Neurologo e Dentista ed eventualmente Chirurgo Maxillo Facciale! Preparati però! Cari saluti
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Lo scatto della mandibola dice che la giunzione di questo osso è fuori dai gangheri, cioè sgangherata. Posso tranquillizzarla che la sua vita non è in pericolo, caso mai sarà in pericolo la qualità della sua vita quando la connessione andrà in artrosi degenerativa. Il problema del giorno - stando solo a cosa scrive - sarebbe l'infezione cronica che i suoi denti marciti sotto le capsule alimentano dentro la sua bocca. Questo problema è oggi. Tenga presente che per la folle guerra dei prezzi la qualità delle cure dentistiche è scaduta enormemente, e ora trovare un dentista che lavori bene e onestamente per non guadagnare è quasi impossibile. Due scelte possibili. Prima scelta: lei va dal dentista più economico per togliere sradicare eliminare le infezioni. Soluzione finale: una dentiera bellissima, che essendo mobile è la più igienica delle protesi. Seconda scelta. Si cerchi un altro dentista che sia persona amabile, dalle mani esperte e dalle mente arguta e coltivata. Questa persona deve riunire tutte le competenze che fanno al caso suo (gnato orto taglio neuro psico) liberando la sua mente dal labirinto diagnostico. Quando avrà trovato questa competenza rara, ami la persona con tutto il cuore, ma non da rovinafamiglie. Buona fortuna!
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Sebastiano Carpinteri
Torino (TO)
Consulente di Dentisti Italia

Visita specialistica da un neurologo e da uno stomatologo per fare una diagnosi differianzale

Scritto da Dott. Domenico Ancona
Fasano (BR)

Gentile Sig.ra Virginia, la sua situazione orale difficilmente può provocare la paresi del VII. Comunque va sanata al più presto. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Massimo Tabasso
Savigliano (CN)
Consulente di Dentisti Italia

Non conosco la origine della paralisi del nervo. Spero tanto che lei sia stata da un neurologo. Se la diagnosi è veramente questa, i denti credo che c'entrino poco. Invece i suoi denti vano curati. Le consiglio di trovare un bravo dentista di famiglia, affidabile nel tempo. Chissà se la diagnosi di paralisi del nervo può avere come diagnosi differenziale i disturbi cranio mandibolari da disfunzione della ATM? Quanto all'estrazione con i piedi puntati nel muro, io qualche volta per non fare questo, sono costretto a chiamare il giardiniere indiano che vive da me e mi faccio aiutare da lui... In due alla dine ci si riesce.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Paolo Passaretti
Civitanova Marche (MC)
Consulente di Dentisti Italia

La paralisi del nervo facciale, di solito è dovuta ad un colpo di freddo, ed è generalmente, salvo rare eccezioni, transitoria. Non è causata da problemi dentari, ma bensì dal fatto che il nervo facciale passa attraverso un rigido canale osseo, nella rocca petrosa dell'osso temporale, a causa del colpo di freddo il nervo si infiamma e si gonfia e resta strozzato in questo canale rigido, ciò produce una sofferenza neuronale ed ecco che si ha la paralisi. Una buona terapia medica a base di cortisonici ed antinfiammaori e farmaci neurotropi, di solito risolve la paralisi nel giro di circa tre / quattro settimane. Lo specialista da consultare è il neurologo.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Floriano Petrone
Torino (TO)
Collaboratore di Dentisti Italia

Da quello che Lei descrive vi è un quadro di malocclusione grave, l'estrazione degli ottavi inferiori spessissimo causa un trauma dell'articolazione temporo-mandibolare, bisogna valutare se le sue protesi sono funzionali o stanno contribuendo alla sua disfunzione neuro-muscolare, le consiglio una visita non da un dentista generico, ma un dentista che sappia valutare la sua occlusione, meglio un dentista gnatologo bravo, avrà delle risposte certe, auguri

Scritto da Dott. Paolo Mantarro
Catania (CT)

Il VII nervo cranico, il facciale, non trova attinenza con i denti. È talvolta temporaneamente "bloccato" per infezioni virali che possono attivarsi con il freddo; si parla infatti di paralisi a frigore. Comunque in tal caso la patologia recede senza dover fare nulla di particolare. Mantenga informato il suo medico di base sulla situazione così che possa consigliarle al meglio. Per quanto riguarda i denti e lo scatto della mandibola, può essere che le manovre cruente dell'estrazione abbiano causato un qualche danno alla articolazione oppure semplicemente che l'assenza abbia comportato lo scatto. Sarebbe utile che andasse da un dentista per le opportune cure del caso.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Luca Boschini
Rimini (RN)
Consulente di Dentisti Italia