Domanda di Ortodonzia funzionale

Risposte pubblicate: 12

Sono disperata, ho bisogno di esperti professionisti che possano aiutarmi a risolvere il mio problema.

Scritto da vincenza / Pubblicato il
Salve sono una donna di 59 anni soffro da oltre 16 anni di maloccusione peggiorata dal momento in cui mi furono molati i molari ds e sn dell'arcata inferiore con applicazione di ponti protesici e con molaggio selettivo dei molari di entrambe le arcate superiori all'epoca senza aver avuto questa diagnosi. Dopo anni di sofferenza e dopo aver seguito per anni più di un dentista ( senza che nessuno abbia apportato alcun miglioramento) mi sono stati molati definitivamente anche i premolari e i molari superiori, il lato destro mi sono stati estirpati premolari e molari e applicati due perni per poter reggere insieme all'ultimo molare il ponte di resina provvisorio. Ora quindi mi ritrovo con quattro ponti provvisori e instabili che mi continuano a provocare dolori posturali, lombari, cervicali indolenzimento/dolori ai denti, ai perni varie fasi di infezione e/o infiammazione della mucosa della bocca. Mi rivolgo a Voi per aver indicazioni per risolvere questo grave ed ormai insopportabile problema che mi provoca una pessima qualità della vita. Ps. Il mio ultimo dentista ritiene che l'ultimo tentativo che può fare per far migliorare la situazione del 20/30% sia quello di fare tutte le arcate dentarie con due circolari che renderebbero la situazione più stabile ma non mi garantisce che questo possa portare a far sparire i dolori che sono diffusi e cronici. Sono disperata ho bisogno di esperti professionisti che possano aiutarmi a risolvere il mio problema. saluti. Vincenza
Diversi tipi di Bite ed Arco facciale di trasferimento in una visita Gnatologica e riabilitativa totale. Da casistica del DR. Gustavo Petti e della Dr.ssa Claudia Petti di Cagliari
Cara Signora Vincenza, capisco la sua grande sofferenza e mi permetto di raccogliere il suo accorato appello di aiuto, dicendole anzichè vane parole, parole concrete: venga da me a Cagliari e faremo il possibile per curarla, il recapito lo troverà cliccando il mio nome ed entrando nel mio profilo. Non può e non deve rimanere con protesi fissa provvisoria in resina perchè si altera la dimensione verticale della bocca, a lungo andare e si forma malacia dei monconi o carie e li può "perdere". Bisogna valutare attentamente Gnatologicamente il suo articolato e la sua articolazione, le disclusioni e protezioni canine ed incisive e in relazione centrica e riprogettare eventualmente, dopo valutazione parodontale la protesi e tutto questo lo può fare solo un Dentista Specialista in Riabilitazioni orale complete in casi clinici complessi, dove Protesi, Gnatologia, Disfunzioni ATM, Endodonzia, Conservativa, Parodontologia, Ortodonzia si intersecano e diventano una cosa sola: L'Odontoiatria riabilitativa complessa! Cordialmente Gustavo Petti, Parodontologia, Implantologia, Gnatologia e Riabilitazione Orale Completa in Casi Clinici Complessi ed Ortodonzia e Pedodonzia la figlia Claudia Petti, in Cagliari.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile paziente, le sono moralmente vicino, ma è l'unica considerazione che posso fare. La sua storia clinica è piena di tentativi infruttuosi e deludenti, il cui unico risultato è stato di farle spendere soldi e salute. Potrà risolvere il suo problema rivolgendosi ad un professionista serio che si occupi di gnatologia e che abbia a cuore anche la sua salute, oltre che il portafoglio. Cerchi uno gnatologo e ci faccia sapere. Non è la sede per fare nomi. Se desidera, mi mandi una mail: sarò felice di darle l'indirizzo di qualche valido collega nella sua zona. Altrimenti cerchi nel nostro data base: troverà sicuramente un professionista in grado di aiutarla. Cordialmente.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Giuseppe Scandale
Roseto degli Abruzzi (TE)

Gentile Vincenza la sua storia così raccontata sembra un triller con estirpazioni di denti a ripetizione con peggioramento sequenziale della situazione. E' molto probabile che alcune delle estrazioni siano state necessarie poiche' i denti erano distrutti dalla carie. Mi è molto difficile credere che più medici abbiano effettuato in maniera assai disinvolta estrazioni senza alcuna necessità, Forse la sua situazione iniziale non era molto confortante e alcune estrazioni forse obbligatorie. Se così invece non fosse cambi immediatamente dentista; non è accettabile che i denti vengano estirpati sani. Si possono tranquillamente recuperare dei denti con corona distrutta se la radice è sana e sono semplici operazioni che un dentista deve saper fare. Provi a cercare un professionista che possa aiutarla anche utilizzando questo sito. Sicuramente troverà dei dentisti affidabili. Cordialmente
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Tersandro Savino
Tivoli (RM)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile e sfortunata Signora, non mi trova concorde col suo ultimo dentista: non si applicano due "circolari" prima di aver risolto i problemi di malocclusione! Se ho ben capito, lei ha quattro ponti latero-posteriori provvisori in resina a tutte e quattro le emiarcate dentarie. E' in questa fase che si può intervenire efficacemente sulla malocclusione! Anche parlare di miglioramenti del 20/30% mi sembra abbastanza improprio, come dire:" vediamo che succede, peggio non va, quindi un po' dovrebbe migliorare...!". Però oltre queste povere osservazioni non me la sento di andare, perchè non si può parlare di un caso come il suo a distanza e senza conoscere minimamente la sua situazione. Spero che i dentisti che l'hanno tenuta in cura fino ad oggi siano veri professionisti iscritti all'Ordine dei Medici e degli Odontoiatri. La patologia malocclusiva che lei ha, credo che possa essere trattata da qualsiasi bravo dentista che si occupa di protesica e ortognatologia. Altrimenti cerchi lei un bravo gnatologo della sua città e si affidi a lui. Cordiali saluti.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Angelo De Fazio
Casalnuovo di Napoli (NA)
Consulente di Dentisti Italia

Sig. Vincenza, non conosco il suo caso clinico ma da quello che descrive, forse occorre un approccio multidisciplinare. Parli con il suo odontoiatra se non fosse il caso di avere una valutazione gnatologica con corretta diagnosi, supportata anche da fisioterapista dedicato, la valutazione dei tessuti molli infiammati potrebbe essere valutata da un patologo orale.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

Gent.ma Sig.ra Vincenza, non pretenda da Noi delle certezze! Purtroppo Lei ci manca in carne ed ossa per poterLe dare un vero aiuto. In ogni caso,se fossi in Lei, non ci penseri neanche per scherzo di farmi fare due circolari con l'aspettativa di vedere migliorata le situazione del 20/30%. La priorità la darei alla salute dei suoi denti che dovranno sopportare i carichi futuri; una volta raggiunta una situazione stabile, con ponti provvisori, bite, rialzi occlusali e tutto quanto chi la tratterà riterrà opportuno usare, cercherei di raggiungere una situazione di miglioramento della condizione delle articolazioni temporo-mandibolari e della muscolatura. Solo a questo punto - infine - prenderei in considerazione di stabilizzare con dei ponti definitivi le nuove situazioni raggiunte. Ogni Bene.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Giancarlo Bottonelli
Merano (BZ)

Gentile Sig.ra Vincenza, le consiglio di rivolgersi ad un collega esperto in gnatologia. Cordialmente

Scritto da Dott. Aldo Santomauro
Palermo (PA)
Collaboratore di Dentisti Italia

Temo che ci siano stati molti passaggi nocivi nella sua storia. Bisogna ripristinare una occlusione corretta tramite delle protesi (qualunque esse siano, fisse, mobili, su impianti etc) dopo aver eliminato denti o gli impianti non più affidabili, se ce ne sono. Passare per le fasi dei provvisori, ma in modo transitorio per "puntare" al più presto ai definitivi corretti. I provvisori dovranno però già essere fatti con principi adatti a ripristinare già da questa fase la occlusione corretta che allievi i suoi disturbi "cranio-mandibolari", cioè tutti i dolori che lei descrive, anche quelli lontani dalla bocca, come la schiena etc. Infatti c'è una relazione precisa fra come chiudono i denti e come combaciano e i disturbi descritti. Questo squilibrio occlusale deve essere risolto o con ortodonzia (ma non mi sembra più il suo caso) o con un tipo di protesi corretta che possa permetterle di masticare, sorridere e dia sollievo ai suoi disturbi. Molto dipende anche da stress e ansie, ma da quello che lei descrive, questo stress viene proprio da come sta la sua bocca (oltre forse da altri motivi). Anche un byte potrà essere di aiuto, un apparecchio notturno che mette a riposo le articolazioni. Può darsi che siano necessarie anche fasi di ricondizionamento della articolazione tramite questo byte o come dicevo, tramite i provvisori. Può darsi che una brava osteopata possa esserle di gradissimo aiuto, anzi, oggi molti dentisti credono fermamente nella relazione che c'è fra odontoiatria (protesica o ortodonzia) e osteopatia e studiano le protesi e l'ortodonzia in collaborazione con l'osteopata. C'è in sostanza la necessità di trovare il professionista adatto a fornirle un vero aiuto, Questo dentista va cercato con molta attenzione fra dottori laureati ed appassionati, stando davvero accorti a non cadere nella terribile trappola degli abusivi delinquenti fuorilegge o degli ambigui centri low cost. O peggio da dentisti extracomunitari che attirano all'estero ignari cittadini in studi di infima qualità. Insidie che ormai sono ovunque .. E non creda che bisogna essere come il Presidente del Consiglio per permettersi una buona salute orale: le spese saranno oneste come il dr. che troverà.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Paolo Passaretti
Civitanova Marche (MC)
Consulente di Dentisti Italia

Si rivolga ad un valido, rinomato e stimato professionista. Se anche dovesse spendere qualcosa in più ,almeno avrà risolto il suo problema. Se poi il problema è anche economico si rivolga ad una struttura universitaria dove troverà competenza e affidabilità senza spendere grosse cifre, ma si prepari a lunghe liste di attesa.

Scritto da Dott. Giuseppe Barassi
Torremaggiore (FG)

Gentile Paziente, dispiaciuto delle sue vicende le porgo tutta la mia comprensione; per quanto riguarda darle dei consigli è difficile senza una seria documentazione del caso e senza rx, se vuole può trovare il mio indirizzo mail su questo portale. Cordialmente Gustavo De Felice sapri sa.

Scritto da Dott. Gustavo De Felice
Sapri (SA)