Domanda di Odontoiatria

Risposte pubblicate: 8

E' possibile che in 7 mesi si sia sviluppata una carie tanto grave da generare questo dolore?

Scritto da sabrina / Pubblicato il
Salve, chiedo gentilmente un parere vista la mia attuale disperata situazione. Ho da 2 giorni un dolore fortissimo al/ai molare/i superiore sinistro (non so se il problema sia di un dente o piu di uno) che mi è esploso improvvisamente. Premetto che tra questi denti dolenti ce ne è uno devitalizzato nel 2004, ma che non mi hai mai dato più di tanto fastidio se non durante la masticazione di cibi particolarmente duri (essendo cmq chiuso sì, ma vuoto dentro); uno apparentemente sano,e uno a cui manca l'antagonista inferiormente. Ora, preciso anche che lo scorso venerdì sono uscita a piedi a fare un giro e, a causa del freddo tremendo, durante la mia passeggiata, oltre ad avvertire il freddo come insopportabile, ad un tratto ho proprio avvertito una morsa sulla testa, una sensazione (soprattutto al livello degli zigomi) di pressione e stretta forte..che mi è durata qualche minuto. Il giorno dopo, ieri appunto, ho notato un fastidio al dente devitalizzato (quello dei 3 "incriminati") che è andato pian piano crescendo..fino a diventare un dolore insopportabile. Ora, da due giorni, ho un mal di denti mai provato prima in vita mia (ho 32 anni...esperienze con devitalizzazioni eseguitemi senza anestesia da "macellai" e mal di denti atroci causati da granulomi e dolori da apparecchio.. ma un dolore così forte non l'ho mai avuto). Inoltre, in aggiunta al dolore ho le gengive di quei tre denti (premolare, molare e secondo molare sinistri, appunto) arrossate e leggermente gonfie. E da ieri prendo antibiotico, toradol da 20 mg e cortisone come antinfiammatorio (il paracetamolo non mi fa effetto e l'oki non lo prendo per problemi di bruciore gastrico..)ma il dolore non accenna ad andare via ne' a calmarsi..o meglio si calma per 2 ore e poi ritorna insopportabile come prima. Specifico ancora che ad aprile scorso ho fatto una panoramica e non avevo alcuna carie da nessuna parte...nè in questi 3 denti doloranti ne' negli altri. Ora la mia domanda è:è possibile che in 7 mesi si sia sviluppata una carie tanto grave da generare questo dolore atroce, che non va via con niente? E, il freddo, ha avuto una sua parte in questo? Nel senso, visto che il dolore non va via, posso pensare si tratti di una vera e propria nevralgia (del trigemino o di un altro nervo facciale) che ha coinvolto anche il dente..."leggermente" cariato? Come mai non mi passa?? Specifico ancora che oltre al dolore avverto un fastidio sullo zigomo sinistro..che si irradia alla parte inferiore dell'occhio, alla tempia e all'articolazione temporo-mandibolare e ai denti inferiori, ovviamente...come accade sempre in questi casi..e questo fastidio è un misto tra pressione, bruciore e l'indolenzimento che si avverte dopo che si sono eseguite operazioni ai denti, al risveglio dall'anestesia, quali devitalizzazioni o estrazioni. Spero mi possiate aiutare. Grazie per l'attenzione.
Il dolore che lei accusa in particolare sul dente che ha avuto la terapia canalare potrebbe far supporre una incrinatura radicolare che va indagata a fondo con una visita clinica, sondaggio parodontale, radiografie endorali da eseguirsi in almeno due proiezioni e solo in caso di dubbio, anche con una TAC Cone Beam mirata. Inoltre la sua storia clinica odontoiatrica consiglierebbe di tenere in massima considerazione la prevenzione con visite di controllo periodiche da un dentista preparato.

Scritto da Dott. Paolo De Carli
Majano (UD)

Cara Signora Sabrina Buongiorno. Intanto premetto che i "macellai" evidentemente li ha scelti Lei. Anziché andare in una "macelleria" vada in uno Studio Dentistico Privato a Gestione mono od oligo- Professionale, di certa competenza. Se ne accorge da tanti particolari. Diffidi di chi non fa pagare la Visita, dei Centri Low Cost, di chi fa visite brevi basandosi magari solo su panoramiche, magari fatte gratis o sotto costo. Serve un Dentista che conosca tutta la Odontoiatria e non "pezzi" di essa! Parlando in modo diretto e comprensibile! Questa, oggigiorno, è una figura Professionale molto rara! La Visita Clinica si compone di due visite intervallate da una preparazione iniziale con curettage e scaling e serie completa di Rx endorali, modelli di studio e tanto altro. Visite con sondaggio parodontale in sei punti di ogni dente di tutti i denti e tanto altro e seconda visita di rivalutazione con risondaggio delle tasche che ora indicheranno la reale profondità delle stesse perché è stato escisso il tessuto di granulazione presente!Solo così si arriva ad una Diagnosi e ad una pianificazione terapeutica. Tramite la Visita Clinica e le Rx endorali, oltre a valutare visivamente il parodonto profondo, si valuta la eventuale sofferenza periradicolare o periapicale di tutti i denti. E' sempre più prudente che la visiti un Dentista, meglio se Parodontologo. Tenga inoltre presente che la visita Odontoiatrica deve essere totale. Legga, ripeto,nel mio Profilo "Visita Parodontale" che poi è la Visita Odontoiatrica che io Parodontologo ma anche Odontoiatra ed anche Medico faccio sempre, così come mia figlia Claudia, per qualsiasi motivo un paziente venga da noi! Serve una Diagnosi Differenziale e non procedere per "tentativi". Non è stato fatto un Sondaggio Parodontale per rilevare la presenza di Tasche Parodontali, non è stata fatta una Visita Completa a tutti i Denti e soprattutto non è stata fatta una Diagnosi Differenziale e Semeiologica. Per fare questo però, bisogna avere il sospetto Diagnostico e questo lo si ha se si Conosce bene la Patologia Orale in tutte le sue "Sfaccettature"! Non si può fare Diagnosi di un qualche cosa che non si sa che esiste per il semplice fatto che non si può avere il sospetto diagnostico, dato che non si è consapevoli della sua possibile esistenza. La Visita deve essere Totale e "spaziare " su tutte le Specialità Odontoiatriche. I sospetti diagnostici sono molteplici. e vanno da una Nevralgia a Frigore del Trigemino a una osteolisi periapicale del dente vivo e non vitale (devitalizzato), ad una patologia pulpare da iperemia attiva arteriosa o passiva venosa, ad una endo - parodontite, ad una Parodontite, ad una Gengivite e tanto altro. Tenga presente poi che esistono sintomi detti Sinalgie, ossia una serie di Sintomi che sembra che ora partano da un punto ora da un altri e così via. Le Sinalgie sono sintomi che, praticamente, per incapacità del nucleo caudato del cervello a cui arrivano tutti gli stimoli dolorosi di una metà della bocca e del massiccio cranio-facciale, possono provenire non dal dente in causa ma da denti o parodonto anche lontano o da altri organi. Che dirle. Occorre solo un Buon, normalissimo e "Medio" Odontoiatra. Tutti qui! E' normalissima routine fare una Diagnosi nel suo caso. In ogni caso le dico, se le potesse essere utile, che basta seguire la "Vox Populi" o cercare su questo portale in "Trova Dentista " in Home page digitando la città e leggendo i curricula fino a trovare un buon Dentista . Poi digiti il nome del Dentista su un motore di ricerca e se il Professionista è uno studioso, troverà curriculum, foto di interventi, corsi, congressi, pubblicazioni. Non sarebbe indispensabile avere tutto questo, ma almeno sa che sta recandosi da un Dentista colto e che fa cultura, il ché è già un buon inizio! Poi diffidi di che esordisce in una Visita per un dolore come il suo non facendo una semplicissime e velocissima Rx endorale ma facendo una OPT od OPM o Panoramica che dir si voglia che è inadatta allo scopo per la deformazione dell'immagine, la mancanza di dettagli ed il sovrapporsi dei piani, cosa che invece non avviene nella Rx endorale!Ricordi il Detto " Chi meno spende più spende". Non esiste qualità a costi bassi! La visita Odontoiatrica, ripeto , è un atto medico essenziale e "carico della cultura del medico e non può non essere fatta "pagare" con un giusto Onorario! Diffidi di chi la fa "gratis" e magari pubblicizza anche questo suo comportamento, per attirare pazienti "sprovveduti"!Una visita Odontoiatrica è un atto medico importante e colto che richiede almeno un'oretta oltre un'altra mezzoretta per informare il paziente (consenso informato). Cari saluti e stia tranquilla. La sua Diagnosi differenziale è semplice e rientra nella normale routine di tutti i giorni
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Sig. Sabrina, la visita corretta è semestrale, qui sono passati sette mesi... Non faccia cose non corrette assumendo farmaci tossici a casaccio inventandosi delle diagnosi, ma corra da un semplicissimo odontoiatra.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

Il dolore irradiato può essere dal dente devitalizzato, da una sindrome dell'articolazione temporo mandibolare, o il dente del giudizio, in ogni caso è necessaria una visita specialistica accurata ed approfondita e non prenda medicine non prescritte da un medico. Saluti

Scritto da Dott. Domenico Ancona
Fasano (BR)

Purtroppo la scelta "sbagliata" dei dentisti è anche responsabilità sua, ormai da anni sia tramite passa-parola che tramite web può trovare studi dentistici di livello medio - alto senza spostarsi più di tanto da dove abita. Premesso questo, sicuramente la sua situazione clinica va analizzata nel dettaglio, non è possibile né corretto risponderle tramite messaggio scritto senza visitarla. Sono necessarie radiografie endorali mirate sul dente / denti ritenuti responsabili del suo problema, visita clinica approfondita, sondaggio parodontale, valutazione dell'ATM etc etc: il problema può essere legato al dente devitalizzato, può essere causa di una frattura radicolare, può essere causato dal dente del giudizio. Si affidi ad uno studio valido e conosciuto della sua zona, senza tergiversare e vedrà che il problema verrà identificato dal collega con una diagnosi corretta e risolto con una terapia adeguata.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Giulio Sbarbaro
Zocca (MO)
Consulente di Dentisti Italia

Caso clinico semplicissimo. Servono mani esperte, e la soluzione è possibile e rapida. In un raggio di venti chilometri da casa, e non di più di venti, si rivolga ad un dentista che sia il più caro, solo apparentemente il più caro. Il Toradol meglio riservarlo ai malati terminali. Il bravo dentista non scrive ricette, quasi mai. Il bravo dentista è quasi infallibile in quello che fa. Il bravo dentista le farebbe anche una telefonata la sera dopo cena, per sapere come va e per sapere se dormirà serena. Vista la sua "attuale disperata situazione", se lo trova lo ami, e lo ami tanto tanto, ma non da rovinafamìglie. Buona fortuna!
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Sebastiano Carpinteri
Torino (TO)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile Sig.ra Sabrina, pare che il problema derivi dal dente devitalizzato. Non capisco cosa vuol dire che tale dente è "cmq chiuso sì, ma vuoto dentro". Non può essere vuoto. Vada da un bravo dentista e si affidi alle sue mani. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Massimo Tabasso
Savigliano (CN)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile Sabrina, deve fare una radiografia e una devitalizzazione, eventualemente fare anche un ritrattamento, auguri

Scritto da Dott.ssa Maria Grazia Di Palermo
Carini (PA)
Consulente di Dentisti Italia