Domanda di Odontoiatria

Risposte pubblicate: 8

Secondo voi dopo quanto tempo può dirsi riuscita un apicectomia?

Scritto da anna / Pubblicato il
Salve Gentili Dottori, il 18 marzo ho effettuato un apicectomia all'incisivo destro per una infezione. Io però continuo ad vere gli stessi sintomo che avevo quanto c'era l'infezione. Il mio dentista ha detto che il tempo che è passato dall'apicectomia non è molto e che devo pazientare ancora un pò. Secondo voi dopo quanto tempo può dirsi riuscita un apicectomia?
Cara Signora Anna, beh, forse è ancora troppo presto, le ferite impiegano 21 giorni a guarire e l'osso qualche mese a rimodellarsi. Questo il linea di massima. Di regola però, dopo quasi un mese avere gli stessi sintomi come qualità ed intensità, dovrebbe mettere in allarme il Dentista che dovrebbe non fare supposizioni ma una Diagnosi esatta clinicamente, semeiologicamente e radiograficamente con Rx endorale e se servisse con una più ampia OPT e nel caso con una più dettagliata Cone Beam! Chiede "Secondo voi dopo quanto tempo può dirsi riuscita un apicectomia?" . Rispondo nuovamente come ho risposto nelle precedenti domande sull'argomento. Il problema della terapia è proprio l'apicectomia perchè spesso si confonde apicectomia con retrograda. In sutuazioni simili si deve fare una retrograda con sigillatura certa dell'apice con MTA od Amalgama d'argento Chirurgica Sterile e priva di Zinco perché non sia idroscopica! A questo punto si dovrebbe valutare con una Rx endorale e clinicamente se è stata fatta una retrograda o una semplice apicectomia senza sigillatura dell'apice apicectomizzato. Se fosse così, si dovrebbe valutare se si potesse ancora fare una retrograda con sigillatura del canale! Si deve valutare anche se esiste una endoparodontite o una Parodontite che si maniestano con la formazione di tasche parodontali. La prima solo nel dente in causa. La seconda in tutti i denti di tutta la bocca dove più dove meno. Dico questo da Parodontologo e perché lei ha purtroppo una età in cui la Parodontite incomincia a "colpire" con una frequenza abbastanza alta ed quindi doveroso, e sottolineo che è doverose sempre ed a qualsiasi età, fare una doppia visita Parodontale con sondaggio di sei punti di ogni dente di tutti i denti col sondino parodontale per rilevare le misure di eventuali tasche. Tra le due visita si deve fare, in presenza di tasche, un curettage e scaling e root planing ed Rx endorali complete e modelli di studio e tanto altro. Alla seconda visita, rimosso il tessuto di granulazione dalle tasche parodontali, si potranno avere le reali misure delle tasche stesse non più falsate dal tessuto di granulazione escisso col curettage e scaling e solo allora si potrà fare una Diagnosi, una Prognosi ed una programmazione terapeutica eventuale! Come vede il Discorso clinico è ben altro che una "occhiata" di dieci minuti! La Visita Odontoiatrica è una cosa molto seria e Colta! Insomma si deve fare una Visita Clinica per risponderle, in ogni caso spero di esserle stato utile con queste "nozioni culturali generali cliniche odontoiatriche! Cari saluti
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Ipotizzando che l'intervento sia stato eseguiro a regola d'arte, e che si sia quindi completamente rimossa l'infezione peri-apicale ed ottenuto un corretto sigillo apicale, i sintomi dovrebbero, nell'arco di 2-3 settimane regredire fino a scomparire. Vero che la guarigione completa delle ferite richiede quasi un mese, e l'osso diversi mesi per re-mineralizzarsi, ma, se dopo un mese dall'intervento, avverte davvero gli stessi sintomi che aveva prima, forse, dico forse, qualcosa non è andato per il verso giusto. Una visita clinica approfondita e radiografica da parte del suo dentista dovrebbero comunque chiarirle ogni dubbio in proposito...è vero che la medicina non è certo una scienza esatto e che esistono casi "particolari" restii a guarire pur avendo effettuato interventi corretti, ma credo comunque che il collega dovrebbe valutare quello che lei riferisce.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Giulio Sbarbaro
Zocca (MO)
Consulente di Dentisti Italia

Il tempo è poco, bisogna avere pazienza. Ma una rx per controllare come procede, sarebbe molto utile..

Scritto da Dott. Paolo Passaretti
Civitanova Marche (MC)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile Sig.ra Anna, i tempi di guarigione possono variare da persona a persona, ma nessun segno di miglioramento meritano almeno una rx endorale. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Massimo Tabasso
Savigliano (CN)
Consulente di Dentisti Italia

Dipende da come è stata fatta...

Scritto da Dott. Paolo Gaetani
Lecce (LE)

Sig. Anna, chieda al suo odontoiatra cosa intende per "PO'", mi piacerebbe conoscere quali sono i sintomi.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

Dal punto di vista clinico ( sintomi) 1-2 mesi, radiologico 6 -8 mesi. Cordiali saluti

Scritto da Prof. Marco Finotti
Padova (PD)
Consulente di Dentisti Italia

Non so cosa intende lei per guarigione ma questa inizia dal momento successivo all'intervento. Questo ovviamente deve essere stato seguito correttamente seguendo il protocollo . Se a questo si somma una seduta di laser si evitano le recidive.il tempo di guarigione e di circa trenta gg. Auguri

Scritto da Dott. Antonino Messina
Palermo (PA)