Domanda di Odontoiatria

Risposte pubblicate: 3

SEGUITO ALLA DOMANDA: Due mesi fa ho iniziato ad avere dolori a un dente devitalizzato pochi anni fa

Scritto da emanuela / Pubblicato il

Ringrazio tutti i medici per le risposte. La diga non è mai stata usata e quando ho parlato di membrana osmotica l'assistente mi ha detto che eventualmente si poteva fare un buchino nella pasta. Ora credo di avere perso completamente la fiducia nel dentista. Ho due domande, 1) cosa faccio col mio dente? Lascio finire il lavoro o lo lascio sospeso a metà? 2) Con che criterio scelgo un altro dentista? Devo fare alcune domande specifiche su come lavora? Cordiali saluti.

 

Precedente:

http://www.dentisti-italia.it/dentista_domande/devitalizzazione/8476_due-mesi-fa-ho-iniziato-ad-avere-dolori-a-un-dente.html

Scelga un collega di rinomata esperienza della sua zona eviti di perdere ulteriormente tempo. Cordiali saluti

Scritto da Prof. Marco Finotti
Padova (PD)
Consulente di Dentisti Italia

Sig Emanuela questa era la mia precedente risposta: "controlli se chi opera su di lei è iscritto all'ordine dei medici, se lo trova iscritto gli consigli d'iscriversi gratuitamente anche a questo portale, qui troverà molti colleghi che le daranno la soluzione per il suo caso" Ora lei non chiarisce la mia risposta e pretende d'insegnare a un odontoiatra come si effettuano le cure (diga e membrana osmotica, ecc.). L'assistente che conosce molto bene le dimensioni dei batteri saprà dire anche di che dimensione deve essere il foro, NON SCHERZI stiamo parlando della sua salute, lei sta rischiando di passare a un invalidità masticatoria se continua in questo modo. Occorre parlare con il dottore e richiedere per iscritto: Diagnosi, diario clinico e prognosi con tutte le possibili complicanze, così lei sarà informata come prescrive la legge vigente e capirà molte cose che spesso tra odontoiatra e paziente spesso non si capiscono e creano questi disguidi. Se il professionista avesse delle difficoltà operatorie, queste non dovranno essere chiarite da lei che non conosce la materia, ma dovranno essere discusse e integrate dai i colleghi che sono sempre pronti a dare una mano in caso di difficoltà. Se cambia odontoiatra, probabilmente non avrà più un unico responsabile delle sue cure, ma uno scarica barile tra due professionisti, per cui le consiglio di mettere in comunicazione telefonicamente i due professionisti tra di loro prima di intraprendere nuovi trattamenti in modo di non compiere altri errori per non conoscenza dei precedenti trattamenti.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

La famosa utilissima se non indispensabile relativamente parlando diga di gomma. Da casistica dei Dottori Gustavo e Claudia Petti Odontoiatri di Cagliari
Cara Signora Emanuela, nella mia risposta del 09-12-2013 le ho spiegato tutto. Ora le dico due cose: 1- Non si "fissi" su dettagli la cui mancanza può essere dovuta a mille circostanze che non hanno niente a che vedere con la qualità della prestazione o la Cultura del Dentista. Mi riferisco alla Diga di Gomma e al materiale da chiusura provvisoria che funziona simil membrana osmotica. Ho detto Simil-Membrana osmotica, non che è una membrana osmotica. Questo dimostra quanto sia "pericoloso" internet. Basta capire non bene un concetto che "crolla tutto" :( Per quanto riguarda la diga di gomma è la stessa cosa. E' ovvio che bisogna usarla ma è anche vero che ci sono situazioni anatomiche locali o contingenti che possono far preferire l'uso di altri tipi di isolamento del dente. Un conto è la teoria. Un altro conto è la cruda realtà! Dire quindi che la diga di gomma va sempre usata in ogni caso e comunque è una "mistificazione" della realtà e della quotidianità della Professione Odontoiatrica! E' "ipocrita" come affermazione assolutistica! Poi il buco nel materiale non serve perchè i microbi entrano. E' come se la medicazione non ci fosse! Anche qui, non è mai in senso assolutistico ma deve, il tutto, relazionarsi con la realtà clinica, che non conosco. Capisca quindi bene quanto dico e mai in senso assolutistico. Detto questo è palese che bisogna dare un messaggio da questa rubrica, ossia che la diga di gomma vada sempre usata, ma poi, se la si possa sempre usare lo decide il Dentista. Ecco un altro pericolo di internet. Il paziente legge certe nozioni e non si rende conto che dietro tutto questo ci sono anni ed anni di Studi, una Laurea, una o più Specializzazioni, un Percorso di Continua Educazione ed Aggiornamento, una continua attività culturale, didattica, di ricerca. Certi concetti quindi il paziente, come lei dimostra, non li può capire nel modo in cui dovrebbe! Altra cosa, le ho detto di non farsi estrarre il dente e di non sostituirlo con un impianto. Anche questo non deve essere recepito in modo assolutistico ma solo come concetto base, poi la realtà clinica potrebbe smentire tutto questo. Le dico tutto questo rivolgendomi a tutti Voi pazienti per farvi capire quanto sia limitata internet come mezzo di comunicazione tra medico e paziente su tematiche cliniche e discuterne senza una visita diretta! Dobbiamo però pur rispondere nel migliore dei modi e nei termini più utili a voi pazienti. E' un compito difficile. Il consiglio è sempre quello di prendere tutto proprio come solo, appunto, un consiglio relativo e non in modo "assoluto"!Lei vuole abbandonare il suo Dentista perchè non ha usato la diga di gomma, perché non ha usato una chiusura adeguata alla situazione. Mi lasci dire che è sbagliato tutto questo. Ne parli con Lui ed abbia più rispetto. In ogni caso se volesse cambiare Dentista, questa sarebbe una Decisione solo "SUA" cara Signora. E' troppo comodo ed ingiusto per tutti, demandare a noi questa scelta! Non ne abbiamo neanche il diritto non conoscendo la sua realtà clinica! Ed anche la conoscessimo, siamo Medici, non Giudici! Esiste una Deontologia Professionale da rispettare sia nei confronti del Paziente sia nei confronti del Collega la cui Versione dei fatti non conosciamo. I fatto li conosciamo solo attraverso Lei e come vede ha già travisato diversi concetti basilari, figuriamoci una intera terapia! Attenzione quindi e mi scusi se mi sono permesso di soffermarmi su questi temi in questi toni. Sono sicuro che da molti purtroppo non verranno "compresi", confermando che dire certe cose complesse su internet è pericoloso, come detto! Cordialmente Gustavo Petti, Parodontologia, Implantologia, Gnatologia e Riabilitazione Orale Completa in Casi Clinici Complessi ed Estetica Dentale e del Sorriso e Pedodonzia la figlia Claudia Petti, in Cagliari.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia