Domanda di Odontoiatria

Risposte pubblicate: 7

Circa una settimana fa mi è stata sostituita una vecchia otturazione in amalgama

Scritto da DEBORA / Pubblicato il
Buongiorno, circa una settimana fa mi è stata sostituita una vecchia otturazione in amalgama in quanto si era rovinata ed avevo una infiltrazione che mi provocava a tratti dolore durante la masticazione. Da allora mi è sorto dolore a tutto il tratto gengivale dell'arcata superiore destra, non ho dolore al dente curato ma alle gengive, inoltre mi fa male la mandibola, da prendermi anche l'orecchio e mal di testa (solo tempia destra). Nell'arcata inferiore sempre a destra ho un dente del giudizio uscito in parte con una piccola carie, che il dentista mi ha consigliato di estrarre, può essere lui la causa di tutti questi problemi pur essendo a basso? o forse mi è stata rifatta male l'otturazione? ho già estratto i due denti del giudizio sopra e sotto sul lato sinistro, quindi mi sorge il dubbio di avere occluso il dente del giudizio anche nell'arca superiore. Sto usando il collutorio con regolarità e ieri ho preso anche un antinfiammatorio ma il dolore non si placa, cosa può essere? Inoltre la prossima settimana dovrei sostituirne un'altra ma visto che al momento non mi crea problemi forse è il caso di non farmela toccare. grazie mille per l'aiuto. Saluti. Debora.
Cara Debora, lei descrive purtroppo un quadro molto confuso dal quale non è possibile desumere una risposta certa. Le possibili cause del suo dolore potrebbero essere dentali, parodontali, occlusali per cui le consiglio di rivolgersi ad un curante in grado di stabilire la vera origine di ciò che la affligge e che sia in grado di effettuare in tempi brevi una corretta diagnosi ed una terapia efficace. Esprima tutto ciò all' attuale curante e se prende tempo senza indicare una via d'uscita cerchi un parere più competente. Michele Lasagna.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Michele Lasagna
Bereguardo (PV)
Collaboratore di Dentisti Italia

Cara Signora Debora, bisogna semplicemente che venga fatta una corretta diagnosi, che non mi sembra una cosa così "straordinaria", ma normalissima "amministrazione"! Bisogna tenere presente che esistono dei sintomi detti Sinalgie, ossia una serie di Sintomi che sembra che ora partano da un punto ora da un altri e così via. Le Sinalgie sono sintomi che, praticamente, per incapacità del nucleo caudato del cervello a cui arrivano tutti gli stimoli dolorosi di una metà della bocca, possono provenire non dal dente in causa ma da denti o parodonto anche lontano. Quindi bisogna fare una accurata visita Odontoiatrica completa ed accurata. Poi una visita Gnatologica e conservativo-endodontica accurata ed una visita Parodontale e stia certa che si arriva ad una diagnosi. Tenga inoltre presente che la visita Odontoiatrica deve essere totale.Questa plurispecialità, ripeto e non mi stancherò mai di ripeterlo, della visita che comprenda anche un sondaggio parodontale totale e completo, deve essere parte costante in qualsiasi Visita anche solo Generica Odontoiatrica per qualsiasi motivo sia stata fatta e che in genere non viene mai fatta, invece, purtroppo, specie nei centri Low Cost! Per il dente curato, bisogna valutare se abbia o no patologie pulpari in atto. Si potrebbe trattare di una iperemia attiva per sofferenza arteriosa, del tutto reversibile dovuta allo stress traumatico del peduncolo vascolare del dente e della sua polpa (nervo)provocando un danno arterioso che scomparirebbe! Se invece si trattasse di iperemia passiva, ossia di un danno venoso, che porterebbe alla pulpite e quindi a dover curare endodonticamente il dente (devitalizzazione),basta fare delle normalissime prove termiche con visita clinica e strumentale del dente in causa e dei denti vicini ed antagonisti e si arrivva alla Diagnosi, Prognosi e Terapia!Se ha un dolore deve essere valutato accuratamente!Cordialmente Gustavo Petti, Parodontologia, Implantologia, Gnatologia e Riabilitazione Orale Completa in Casi Clinici Complessi ed Ortodonzia e Pedodonzia la figlia Claudia Petti, in Cagliari
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Pur con i limiti di un consulto online, da quanto racconta può darsi che il dente che le è stato otturato abbia il nervo infiammato e quindi necessiti di essere devitalizzato. Faccia presente la cosa al dentista. Il dente del giudizio non dovrebbe essere la causa dei suoi problemi. Inutile l'uso del collutorio. L'effetto dell'antinfiammatorio è solo sintomatico, cioè le può togliere (ma non sempre succede) il dolore ma non la causa scatenante, cioè l'infiammazione del nervo ((in termine tecnico "pulpite") che si elimina solo devitalizzando il dente. Cordiali saluti
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Alessandro Francini
Reggio Calabria (RC)

Se i problemi che accusava prima del trattamento erano minori di quelli che accusa dopo, è molto probabile che la causa sia proprio il trattamento. Attenzione, non vuole dire che sia un trattamento male eseguito, ma che potrebbe trattarsi di un tentativo non riuscito di conservare la vitalità del dente che invece non sta andando a buon fine, oppure che il restauro non sia stato correttamente verificato in masticazione. Per tutte e due le possibilità è meglio che torni dal suo dentista al più presto per trovare giovamento ai suoi problemi. Cordiali saluti.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Davide Colla
Seregno (MB)
Collaboratore di Dentisti Italia

Il dolore può originare dal dente che aveva il restauro infiltrato e che forse adesso dovrebbe essere devitalizzato...il dente del giudizio se è in disodontiasi è da estrarre ma non per una piccola carie...quando si programma di sostituire un'otturazione ci devono essere dei motivi...

Scritto da Dott. Cristoforo Del Deo
Teramo (TE)
Consulente di Dentisti Italia

Si, la causa può essere ascritta sia all'uno che all'altro. Non so che patologia abbia il dente del giudizio, ma se la domanda è riguardo i sintomi, ebbene questi sintomi descritti possono essere dovuti sia all'uno che all'altro. Rx e visite appropriate diranno di chi è la vera colpa.

Scritto da Dott. Paolo Passaretti
Civitanova Marche (MC)
Consulente di Dentisti Italia

Sig. Debora, se il dolore persiste basta telefonare allo studio e prendere un appuntamento al più presto, poi li le verranno chiariti anche tutti i suoi dubbi.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)