Domanda di Odontoiatria

Risposte pubblicate: 12

Sono piuttosto disperata perchè dedico attenzione e denaro alla salute dei miei denti

Scritto da Valeria / Pubblicato il
Buongiorno, premetto che lavo i denti ad ogni pasto, uso il filo interdentale (solo di sera però), non mangio dolci, faccio visite di controllo ogni 8/9 mesi e l'ablazione del tartaro ogni anno. Ho dovuto cambiare diversi dentisti per cause di forza maggiore tra cui due cambi di residenza e fine attività del mio primo odontoiatra. Ad ogni modo, tutti mi hanno sempre detto che ho un igiene dentale corretta e la pulizia non va oltre i 15 minuti in quanto, a detta del mio attuale dentista che mi ha in cura da 2 anni, è inutile insistere dove non c'è tartaro. Ciò nonostante, tutte le volte che faccio un controllo, o c'è un'infiltrazione o una piccola carie. In particolare le infiltrazioni, visita dopo visita, hanno costretto a risistemare le otturazioni che diventando sempre più profonde hanno portato a 3 devitalizzazioni. Mi ha lasciata un po' perplessa l'ultima visita dove per errore sono state prese delle lastrine dell'anno prima e lì il dentista si è accorto di essersi dimenticato di curarmi un'infiltrazione. Per fortuna da un'altra lastrina fatta al momento è risultato che la carie non era cresciuta (possibile?). Inoltre, l'anno prima mi aveva consigliato di mettere nei tre denti devitalizzati circa 5 anni fa dei perni in fibra di vetro a sostegno delle radici in attesa di incapsulare. Nell'ultima visita invece, non ha più ritenuto necessario metterli (ma se l'anno scorso l'avessi fatto avrei speso soldi per niente?) e di mettere le capsule senza altro lavoro. Il preventivo dei lavori era un po' fuori le mie possibilità (il dentista ha un personale piuttosto numeroso che ovviamente si paga) e per ragioni economiche mi sono dovuta rivolgere da un altro dentista, rinomato e di altrettanta esperienza, il quale, durante la visita ha trovato una carie molto piccola su un altro molare ma non l'altra segnalata dal precedente. Le mie domande sono due: 1) se ho un igiene orale corretta, perchè ogni 8 mesi viene trovato qualcosa? (e non parlo di piccoli puntini da bloccare sul nascere ma di carie vere e proprie) Può essere un altro problema? Leggevo che la saliva potrebbe essere una causa 2) Dentisti diversi vedono carie diverse...sono difficili da individuare? Forse dovrei fare una panoramica ogni anno per facilitare il loro lavoro ma ne ho fatte già abbastanza e non me la sento di esagerare con i raggi. Sono piuttosto disperata perchè dedico attenzione e denaro alla salute dei miei denti. Ciò nonostante i risultati dimostrano il contrario. Adesso mi vergogno anche un po' di fare i controlli perchè sembra che non li curi abbastanza anche se sono i dentisti stessi a dirmi che sono ben tenuti. Grazie per l'attenzione e per le risposte
Mi rendo conto cara Valeria della confusione e dello sconcerto che sono subentrati in lei a questo punto. Ricordi sempre di controllare se quello da cui va è un laureato o no. Purtroppo in Italia ci sono tanti abusivi. Colpa nostra, dei dentisti laureati, che non siamo determinati a sterminarli, non vostra. Per tornare alle sue domande, la frequenza di tante carie non è solo in relazione con l'igiene: l'alimentazione conta almeno altrettanto se non di più della igiene. Se c'è un eccesso di zuccheri, assunti con frequenza eccessiva nella giornata, non c'è spazzolino che tenga, la carie si presenta puntuale. Quanto alle diverse interpretazioni dei dentisti cui si è rivolta, le dico che la diagnosi di carie (intendo quelle iniziali, non quelle ben visibili e chiare) si fa in diversi modi: visita e occhio e specillo - radiografie, ma non la OPT che vede male le carie iniziali - e oggi c'è un laser diagnostico cui non sfugge nulla e ci dice con certezza se c'è o no una carie. Quanto alle diversità di interpretazione o di diagnosi, non so che dire. Alle volte si va di fretta e qualcosa sfugge. Molto sbagliato, ma ancora è così. Se poi è un abusivo, che vogliamo che ci capisca veramente?? nel suo discorso la cosa però che mi torna di meno è che ha avuto dopo poco tempo otturazioni infiltrate che hanno portato a devitalizzazione. Questo non è affatto normale, comunemente, e fa proprio pensare ad un abusivo, o a altre interpretazioni di scarsa qualità.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Paolo Passaretti
Civitanova Marche (MC)
Consulente di Dentisti Italia

Curettage e Scaling. Da casistica del Dr. Gustavo Petti e Dr.ssa Claudia Petti Parodontologi di Cagliari
Cara Signora Valeria, come risponderebbe a questa domanda: " Vado ogni sei mesi dal Cardiologo, mi fa l'elettrocardiogramma e non ho niente, va tutto bene, però ho avuto un infarto. Mi sono curata, ho fatto le visite periodiche ed ho avuto un altro infarto ed allora a che serve fare le visite dal Cardiologo?". Beh, più o meno succede la stessa cosa per le carie ed altre patologie orali. Il fare i controlli, il curare l'igiene, non annulla la possibilità di avere carie così come le visite dal Cardiologo e il controllo con l'ECG non annullano certo la possibilità di avere un infarto! E potrei proseguire col Diabete, patologie oncologiche e tante altre malattie! Provi a fare un ragionamento:" Come sarebbe la sua bocca, evidentemente soggetta ad essere colpita dalla carie, se non avesse fatto i controlli e mantenuto una buona igiene orale domiciliare? Avrebbe probabilmente una bocca distrutta!" Quindi è servito e serve fare quello che ha fatto! Le preciso che una Pulizia dei Denti Professionale all'anno, dal Dentista non è sufficiente a "salvarla" dalla Placca batterica! Non posso dire con esattezza quante volte bisogna andare dal Dentista per mantenere una eccellente Igiene orale, perchè non conosco la sua situazione clinica e soprattutto Gengivale e Parodontale e se sono presenti taschine Parodontali iniziali o no! In ogni caso, di solito la ablazione del tartaro va fatta almeno due volte l'anno, meglio tre ed ancora meglio ogni tre mesi e bisogna valutare se accompagnarla ad un curettage e scaling ogni volta o a volte alterne se ci fossero false tasche o piccole vere tasche parodontali non superiori ai 4-5 mm perchè se no andrebbero curate chirurgicamente! Deve sapere che la placca batterica si forma in circa 3-4 ore e l'igiene orale domiciliare serve per controllarne la formazione non certo per eliminarla totalmente. Ecco perchè la pulizia dei denti professionale dal Dentista serve sempre periodicamente. Faccia una prova: compri in farmacia le pasticchette rivelatrici di placca, ne sciolga una in bocca passando la saliva e la lingua su tutti i denti, sulla faccia esterna. interna e sopra masticante e si guardi allo specchio. Se vedrà colore su denti, colletti, gengive, lingua, quella è placca batterica! Solo se non vedesse colore significherebbe che non ci sarebbe placca. allora passi uno scovolino tipo cotonfioc nei solchi gengivali e veda se si colora perchè allora la placca sarebbe lì! Faccia la prova e poi mi dica! Ricordi anche di pulire il dorso della lingua dove si annida la placca con dedocati spazzolini piatti che trova in farmacia! Si ricordi poi che non esistono bocche senza placca batterica.Per l'igiene orale ricordi che non è il dentifricio che pulisce i denti ma l'azione meccanica dello spazzolino e spero di farle cosa gradita spiegandole come si puliscono i danti a casa. Per lo Spazzolamento dei denti non esiste niente di meglio del normalissimo spazzolino manuale, per l'igiene orale,ci sono delle pasticche colorate da sciogliere in bocca che evidenziano col loro colore la placca batterica non rimossa dallo spazzolino,spazzolino che deve essere in setole artificiali, a testa medio piccola, duro, e usato con la cosiddetta tecnica di Bass modificata,ossia orientato verso le gengive a 45° e usato con movimenti di rotazione, vibrazione e verticali che terminano con un movimento circolare deciso.è bene usare degli idropulsori che completano l'opera di igiene domiciliare e il filo interdentale, presentando nello spazio interdentale sempre una nuova parte mai usata ed abbracciando il dente come per lucidarlo! Infine esistono degli scovolini per chi avesse spazi interdentali un po' più larghi e lo spazzolino piatto per pulire il dorso della lingua che è grande ricettacolo di placca batterica e quindi di microbi. Detto questo se poi uno è "diversamente abile" o affetto da pigrizia immane, va bene anche lo spazzolini elettrico usato però come da istruzioni allegate! Stia tranquilla, non ha niente di eccezionale ma solo normalissima Routine!Ma il suo Dentista non gliele spiega queste cose? Il fatto poi che una carie venga vista o non vista da Dentisti diversi, dipende dal fatto che carie molto piccole o infiltrazioni molto piccole per alcuni sono da curare comunque, per altri si può attendere se valutassero che la fresa del trapano potrebbe fare più danni della carie stessa. Mi spiego meglio: se la arie è puntiforme e scura e lo specillo non penetra in essa ma scivola dimostrando che la sua attività cariogena è talmente lenta da poterla considerare quasi ferma e il paziente fa le visite di controllo periodicamente e tiene una accurata e corretta igiene orale, il Dentista può decidere di non curarla perchè la cavità che si dovrebbe aprire per curarla potrebbe essere4 molto più grande della carie stessa, molto più distruttiva della carie stessa e magari questa carie è situata in un punto del dente che renderebbe questa cavità una cavità di "indebolimento del dente stesso", per esempio di una cuspide, o sotto una cuspide etc! Queste valutazioni sono solo cliniche e, come tutto in Medicina, è lasciato alla decisione valutativa del Medico e c'è chi interviene e chi preferisce non intervenire in questo stadio che può durare anche molti anni, ma attendere, tenendo il paziente sotto controllo! Ecco che la quantità di carie può variare da un Dentista all'altro e questo vale per altre patologie orali e della Medicina totale sistemica del corpo umano! Lei cosa deve fare allora? Una sola cosa!!! Rimanere col Dentista di cui ha Fiducia e Stima ed affidarsi a Lui senza incominciare a "girare"!Ora si tranquillizzi e si fidi del Dentista di cui ha "a pelle" Stima e Fiducia, ripeto!Le lascio un Poster di Igiene orale con anche Curettage e Scaling.Cordialmente Gustavo Petti, Parodontologia,Implantologia, Gnatologia e Riabilitazione Orale Completa in Casi Clinici Complessi ed Ortodonzia e Pedodonzia la figlia Claudia Petti, in Cagliari
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Cara Valeria, porti pazienza fino verso i 30/32 anni e vedra' che le carie si ridurranno. La domanda e': cosa sarebbe successo se non avesse avuto cura dei suoi denti? Probabilmente ne avrebbe meno e gli altri sarebbero in cattivo stato. Si e' mai domandata perche' ci sono persone che con un panino ingrassano e altre mangiano come dei leoni e restano magre? Non siamo tutti uguali, c'e' chi e' piu' cariorecettivo e chi meno. Sempre dando per scontato che i colleghi da lei interpellati abbiano fatto le cose a regola d'arte
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Giovanni Vergiati
Fornovo di Taro (PR)

Gentile Valeria, purtroppo il fatto di avere una igiene orale accurata e di ricorrere a controlli periodici dal suo dentista non la pone al riparo da eventuale formarsi di carie o di infiltrazioni su vecchie otturazioni. Molto probabilmente la sua condizione sarebbe ben peggiore oggi se non fosse stata così attenta. La sua condizione è comune a molte altre persone che nonostante si prodighino come lei ogni tanto debbono ricorrere alle cure odontoiatriche. Cordialmente

Scritto da Dott. Tersandro Savino
Tivoli (RM)
Consulente di Dentisti Italia

Cara Valeria Le risposte alle due domande le ha già formulate La sua cura x l apparato stomatignatico in toti( denti gengive mucose orali) la preserva da danni che sicuramente sarebbero stati maggiori!! Ci sono pazienti che non si curano x decenni ( visti realmente!!) con bocche devastate dal tartaro che alla visita una volta rimosso non presentano alcuna carie se non differenze parodontali che a distanza di un mese si risolvono , ci sono pazienti che come lei si sottopongono a visite continue e presentano infiltrazioni nuove carie e a volte anche terapie endodontiche da eseguire!!! Non siamo tutti uguali, ognuno è una storia a se stante, un patrimonio genetico differente e x quanto tale merita visite ad hoc Le cause sono multi fattoriali a partire dalla struttura dello smalto con la sua funzione di protezione per passare poi alla composizione salivare più o meno acida che viene influenzata da fattori esterni( fumo patologie professionali esposizioni radianti ecc ecc) abitudini alimentari!!! Le consiglio senz altro di continuare su questa strada e ove esistano perplessità vale sempre il consiglio del secondo parere Cordialità Dr Endrio Tisano
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Endrio Tisano
Milano (MI)

L'eccesso di zelo è pericoloso anche nella cura della persona e dei denti. Riparare una carie iniziale ha un costo biologico bassissimo. Non si disperi per ombre che portano diversi dentisti a pareri discordanti. Anche con i denti cariati la sua vita non è in pericolo. Lei ha sempre bisogno di trovare un dentista da amare e che la ricambi (non pensi male!), che sia scrupoloso e affabile, studio con molta luce e buoni odori, tanto che non avrà più la tentazione di cercare sul web. Valeria cerchi e cerchi, consumando le scarpe. Buona fortuna!
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Sebastiano Carpinteri
Torino (TO)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile Valeria, proviamo a vedere il problema da un altro punto di vista. Se ha carie così frequenti potrebbe essere un problema di alimentazione, si informi. Potrebbero essere causate dalla presenza di acidosi tissutale: il nostro organismo vuole un ph 7,4, ogni volta che si instaura un' acidosi si mobilizza calcio dalle ossa e dai denti per ristabilire l' equilibrio. Non è solo dalla saliva che si deduce il valore, perchè è una misurazione un pò restrittiva. Può chiedere al suo dentita delle applicazioni di fluoro mediante ionoforesi da ripetersi ogni 3 mesi, per un certo periodo di tempo. Non si aspetti risultati miracolosi, ma è una valida pratica. Se desidera informazioni più dettagliate veda la mia pagina su fb o mi scriva.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott.ssa Emma Castagnari
Torino (TO)

Gentile Sig. Valeria, purtroppo l’igiene è solo uno dei fattori che causano le carie. Vi è anche l’alimentazione, il potere tampone della saliva, un deficit di salivazione, la diversa flora batterica, ecc. L’importante è che non si scoraggi e continui a pulire bene i denti ed effettuare visite di controllo. Non posso dare un parere sul fatto che diversi dentisti hanno fatto diagnosi diverse. Dovrei conoscere in dettaglio il loro giudizio. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Massimo Tabasso
Savigliano (CN)
Consulente di Dentisti Italia

Cara Valeria, un igiene scrupolosa,visite periodiche, infiltrazioni che appaiono e scompaiono, più denti già devitalizzati nonostante tutto ciò! Se devo darle il mio parere c'è un qualcosa che non mi torna. Forse sarà un eccesso di ''zelo'' da parte dell'operatore? Diagnosi approssimative? Se le hanno prescritto un'altra panoramica per i suoi problemi sarà meglio rivolgersi ad un più affidabile professionista. Cordiali auguri, Michele Lasagna.

Scritto da Dott. Michele Lasagna
Bereguardo (PV)
Collaboratore di Dentisti Italia

Gentile paziente, si chiama Cariorecettività, è una predisposizione a sviluppare carie più frequentemente rispetto agli altri. Le cause possono essere le più disparate: Composizione della saliva, struttura dello smalto, tipo di alimentazione, igiene orale non corretta, tecnica di spazzolamento etc..... Molti dentisti/odontoiatri commettono l'errore di fare una prima visita molto sommaria, non ponendo attenzione a controllare ogni lato del dente, non facendo un sondaggio per valutare la presenza o meno di tasche e non facendo gli opportuni esami radiografici, ecco perchè qualche volta incappano in qualche errore. La cosa che mi sento di consigliarle e di affidarsi ed un solo Professionista, magari quello che le sembra più competente e che le esprime fiducia, e lasciarsi curare da lui.... anche se lavora lontano da casa sua! Cordialmente
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gerardo Cafaro
Campagna (SA)