Domanda di Odontoiatria

Risposte pubblicate: 4

Vorrei trovare un compromesso valido, tra il ripristino funzionale e l'estetica

Scritto da Maria / Pubblicato il
Gentili Dottori, Vi illustro la mia situazione, riportando la diagnosi fatta da un dentista poco tempo fa. "Edentulia interarcata superiore (mancano i premolari di destra e sinistra); Morso coperto (i denti anteriori coprono completamente i denti inferiori); Indice di Bolton negativo per via di una microdontia relativa degli incisivi superiori (gli incisivi superiori sono leggermente più piccoli del normale): ciò comporta la presenza di un diastema (spazio) abbastanza accentuato fra gli incisivi centrali superiori e di diastemi meno accentuati fra incisivi centrali e laterali superiori di entrambi i lati. La classe canina e molare è abbastanza corretta (1a classe di Angle)." E aggiunge "Si nota la presenza di un diverticolo del seno mascellare di sinistra, che andrebbe valutato con Dental-Scan ai fini della protesizzazione tramite impianti. All'esame radiografico, si evince la presenza di una spessa spina nasale anteriore. Ad aggravare la situazione c'è anche la microdontia: il problema non è legato essenzialmente alla dimensione dei denti ma a quella delle radici dentali (più corte e più strette: immagine a collo di bottiglia) che in questi casi sopportano ancor meno forze di tipo dislocante (tutto ciò è visibile radiologicamente)." In base a questa diagnosi, la terapia prescrittami è la protesizzazione, parziale (tramite ponti o impianti) o totale (tramite circolari su entrambe le arcate). Mi è stato detto, inoltre, che il diastema non può essere chiuso completamente, e che, in caso di protesizzazione tramite circolari, andrà incontro alla devitalizzazione certa di denti che non mi hanno creato alcun fastidio. Premetto che mi sono sempre preoccupata della mia salute dentale, ma ho sempre avuto problemi, oltre che per l'insorgenza di carie, anche per la frattura di denti perfettamente sani. Ho avuto anche un blocco mandibolare, accompagnato da febbre, e ho provveduto a far asportare gli ottavi inferiori (inclusi). Ho qualche estrusione dentale, che toglie ancora più spazio (per esempio, il molare inferiore sinistro, è stato devitalizzato, ma non è stato possibile mettere una capsula o almeno un intarsio, in quanto una cuspide dell'antagonista si è estrusa fino a togliere tutto lo spazio necessario). Ho un leggero click articolare, a volte ho mal di testa, cervicalgie, dolori articolari. Dal Test di Meersemann, però, secondo il dentista, si evince che il mio assetto mandibolare è"vittima" del mio sovrappeso oltre che di scompensi posturali di varia natura (scoliosi, piede piatto, accentuazione della lordosi lombare). Adesso vorrei trovare un compromesso valido, tra il ripristino funzionale e l'estetica, senza rischiare di incorrere in ulteriori situazioni spiacevoli. Resto in attesa di Vostri consigli. Saluti. Maria
Cara Signora Maria, il primo consiglio è di non far fare implantologia prima che venga confermata una diagnosi ortodontica e gnatologica seria con cefalometria e ceck up ortodontico e da una vaqlutazione diagnostica delle estrusioni e da una pianificazione di una terapia completa odontoiatrica, ortodontica, gnatologica, preprotesica di intrusione o ortodontica o chirurgica parodontale dei denti estrusi. Capirà, mi auguro, che non è assolutamente possibile darle una risposta seria, professionale e costruttiva, senza visitarla. Il Web ha dei limiti, dovrebbe saperlo. Ha bisogno di mani abili nella riabilitazione orale completa in casi clinici complessi! Vedo che parla con "scioltezza" di Indice di Bolton per quantificare le discrepanze dimensionali dentali e di Test di Meersemann che individua le sindromi posturali, particolarmente le discendenti. In tanta "Cultura" sono perplesso che non si sia parlato di Cefalometria, movimento di Bennet terapia estrusiva chirurgica parodontale etcetcetc! Mi ascolti, si faccia visitare se vuole una risposta seria, se no rischia di "cadere dalla padella alla brace". Cordialmente Gustavo Petti, Parodontologia, Implantologia, Gnatologia e Riabilitazione Orale Completa in Casi Clinici Complessi ed Ortodonzia e Pedodonzia la figlia Claudia Petti, in Cagliari
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile paziente, concordo pienamente col dr. Petti, ricordandole che la corretta funzione occlusale si accompagna sempre ad una armonia estetica. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Armando Ponzi
Roma (RM)

Signora, consulti un altro dentista che non sia amico del dottor Messermann, fisiatra. Lei ha qualche estrusione dentale, contro spazi disabitati per estrazione. "Non è stato possibile mettere un intarsio in quanto una cuspide dell'antagonista si è estrusa fino a togliere tutto lo spazio necessario." Info che basta e avanza per capire che lei è sgangherata alla grande. Lei ha un clic, una laterodeviazione, cefalea e dolori assortiti a braccia e collo, quasi tutto il catalogo della "malattia occlusale". Il giochino dei ponti circolari è pericolosissimo. A lei serve una mente coltivata che sappia. A lei servono mani esperte. A lei serve una soluzione semplice, senza consulti perditempo. Soluzione semplice non significa per per semplificazione, ma per complessità risolta. Buona fortuna!
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Sebastiano Carpinteri
Torino (TO)
Consulente di Dentisti Italia

Sig. Maria, lei dice di essersi sempre preoccupata della salute dentale, ma non è certo una persona dedita alla corretta visita semestrale, altrimenti non si troverebbe nella situazione descritta con problemi articolari e mancata riabilitazione di denti mancanti. Non occorrono compromessi, occorrono solo delle cure di un semplice odontoiatra, senza limiti e depistaggi causati dal paziente.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)