Domanda di Odontoiatria

Risposte pubblicate: 5

Corro dei rischi per l'estrazione con la patologia che ho?

Scritto da Massimo / Pubblicato il
Buonasera, ho 46 anni,  sono stato colpito da un mieloma multiplo. Per ora non faccio nessuna terapia. Ora mi fa male il dente del giudizio di sopra a destra, è uscito fuori, non è storto ma si è rotto e sto prendendo antibiotici. Il mio dentista mi ha detto che non può tirarmelo perchè ho una patologia del sangue, ho la PTT molto alta, anemia e difese immunitarie depresse. Mi ha consigliato di andare in ospedale, in reparto odontoiatrico. Vi chiedo. Corro dei rischi per l'estrazione con la patologia che ho? grazie e cordiali saluti
Caro Signor Massimo, no, stia tranquillo, il tempo di tromblopastina parziale indica solo un disordine della coagulazione che può essere corretto con farmaci appropriati e tranquilli. Avrà certamente un Ematologo che la tiene sotto controllo per il mieloma. Bene si devono parlare il Dentista e l'Ematologo. Tutto qui. L'ematologo le darà una piccola terapia o varietà quella che eventualmente assume e il Dentista può fare tranquillamente tutte le estrazioni e terapie chirurgiche ed odontoiatriche che deve fare! Possibile che si sia ancora in questa fase di incomunicabilità tra due specialisti? Quello che le sto dicendo avrebbe dovuto dirglielo il suo Dentista e prendere contatto con l'ematologo!Un minimo di Professionalità e che diamine!Cordialmente Gustavo Petti, Parodontologia, Implantologia, Gnatologia e Riabilitazione Orale Completa in Casi Clinici Complessi ed Ortodonzia e Pedodonzia la figlia Claudia Petti, in Cagliari.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile paziente, il mieloma multiplo è una condizione tra l'altro caratterizzata da un certo grado di anemia e da una depressione del sistema immunitario. L'estrazione in fase di compenso della malattia è possibile e, come segnalato dal collega, è utile un dialogo dentista-ematologo. E' sempre opportuno, in malattie come la sua, un controllo radiologico dell'area sede dell'estrazione. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Armando Ponzi
Roma (RM)

Gent.mo sig. Massimo, non biasimerei il collega che la indirizza presso l'ospedale per un maggior monitoraggio delle sue condizioni sistemiche. Sia che decida di farla in uno studio odontoiatrico che presso una struttura pubblica, è necessaria un'approfondita anamnesi per valutare il suo stato generale. Le auguro una pronta guarigione.

Scritto da Dott.ssa Antonella Scorca
Bari (BA)

Gentile Sig. Massimo, può fare le cure odontoiatriche del caso. L'unico accorgimento è una collaborazione tra l'ematologo che la segue e il dentista. Insieme troveranno la strategia più appropriata al suo caso. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Massimo Tabasso
Savigliano (CN)
Consulente di Dentisti Italia

Sig. Massimo, il fatto che lei non stia assumendo terapie in questo momento non significa nulla, perchè se l’avessero sottoposto a chemioterapia con Zometa, lei sarebbe tra i soggetti a rischio per osteonecrosi. Le consiglio di farsi scrivere una bella lettera di accompagnamento e presentarsi nel reparto indicato dal suo odontoiatra.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)