Domanda di Odontoiatria

Risposte pubblicate: 13

Esistono pericoli clinici accertati o è solo una precauzione degli specialisti?

Scritto da alessandro / Pubblicato il
Salve, sono Alessandro M. vorrei sottoporre una domanda, riguardo a mia madre di 59 anni con problemi di osteoporosi che dal febbraio 2007 a dicembre 2008 ha assunto il farmaco ACTONEL 35 MG , quindi sono 3 anni e mezzo passati dall'ultima assunzione del farmaco, e lei avrebbe bisogno di una estrazione dentaria. Il policlinico nuovo di Napoli ha sconsigliato l'estrazione in quanto il principio attivo del farmaco si annida nelle arcata dentaria e puo' provocare necrosi ossea. Vi prego di rispondermi se esistono pericoli clinici accertati o è solo una precauzione degli specialisti. Grazie
Gentile Alessandro, non comprendo come non ha posto la sua domanda direttamente al Policlinico di Napoli che rappresenta il tempio della cultura medica e, comunque, personalmente effettuerei l'avulsione del dente di sua Mamma con una adeguata copertura antibiotica. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Aldo Santomauro
Palermo (PA)
Collaboratore di Dentisti Italia

Caro Signor Alessandro, esistono pericoli clinici accertati in linea di massima di necrosi ossea, ma ovviamente questi variano da paziente a paziente da situazione clinica a situazione clinica, sia locale che generale, quindi la risposta sicura possono darla solo loro che, in ogni caso, devono rispondere ed assumersi le loro responsabilità, mi riferisco ai Colleghi del Policlinico Nuovo di Napoli! Accidenti è un Policlinico, ha fama internazionale, che diano le informazioni in modo dettagliato, non generico ma per quella situazione clinica particolare di sua madre! Cordialmente Gustavo Petti, Parodontologia, Implantologia, Gnatologia e Riabilitazione Orale Completa in Casi Clinici Complessi ed Ortodonzia e Pedodonzia la figlia Claudia Petti, in Cagliari.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Carissimo sig Alessandro la posso tranquilizzare dicendole che sua madre può subire l'estrazione con gli adeguati protocolli pre e postchirurgici visto il lungo tempo di sospensione del farmaco. La nostra casistica nel trattare casi di osteonecrosi e' vasta ed il periodo finestra di sospensione del farmaco preso per via orale e' di 6 mesi. Ci faccia poi sapere. In bocca al lupo per sua madre

Scritto da Dott.ssa Gianna Dipalma
Bari (BA)

Gentile Alessandro, questi farmaci hanno una lunga emivita e quindi rimangono molto tempo nell'organismo, gli studi clinici mostrano basso rischio di sviluppare osteonecrosi quando il farmaco è stato assunto per bocca per il trattamento dell'osteoporosi, il rischio inizia ad aumentare dopo i 4 anni ed inizia ad essere alto dopo i 5 anni, la condizione che presenta sua madre è una condizione di rischio basso, non vuol dire rischio zero però con abbinamento ti terapie come l'ossigeno-ozono terapia di supporto direi che è fattibile l'estrazione.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Carlo Alberto Rossi
Milano (MI)

Gentile Alessandro, bisogna prendere adeguate precauzioni e responsabilità, chieda maggiori delucidazioni ai Colleghi del Policlinico di Napoli. Auguri Dr. T. Martella

Scritto da Dott. Tommaso Martella
Modugno (BA)

Gentile paziente, la necrosi ossea dei mascellari da difosfonati è un evento raro tant' è vero che la ADA (organizzazione americana dentisti) non la considera più un reale problema. I casi registrati fanno riferimento a pazienti con tumori che ricevono i difosfonati per via intramuscolare o endovenosa. Le raccomandazioni sono quelle di una copertura antibiotica, una corretta igiene, colluttorio e monitoraggio nella fase di guarigione; laddove si ritenga il rischio quantificabile. Cordiali saluti
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Armando Ponzi
Roma (RM)

Non conoscendo la specifica molecola non si può esprimere un parere validato. Se necessario, l'estrazione deve essere eseguita in ambiente protetto, come regola per tutti i bisfosfonati. Buona fortuna!

Scritto da Dott. Sebastiano Carpinteri
Torino (TO)
Consulente di Dentisti Italia

Bisogna vedere l'effetto che il farmaco ha provocato alla paziente, ci sono pazienti che non hanno manifestazioni da bifosfonati e pazienti che hanno invece manifestazioni massive. Detto questo, visto che non credo che la mamma tolga i denti tanto per farlo, ma che vi sia una chiara indicazione clinica, si deve allestire una situazione "protetta" (antibioticoterapia, chirurgia pulita, sutura, colluttori e controlli frequentissimi nei primi giorni)e si esegue ugualmente l'intervento. Cordiali saluti.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Davide Colla
Seregno (MB)
Collaboratore di Dentisti Italia

Gentile Sig. Alessandro, il rischio di avere una necrosi ossea nel caso di sua madre è molto basso (purtroppo non zero). Comunque se l'estrazione si esegue sotto copertura antibiotica e si esegue una corretta chiusura del sito tramite punti il rischio è accettabile. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Massimo Tabasso
Savigliano (CN)
Consulente di Dentisti Italia

Caro Alessandro, protocolli specifici e codificati non ce sono, però l'orientamento attuale è quello di effettuare manovre chirurgiche dopo una sospensione del farmaco per almeno tre mesi, riprendendolo a guarigione della ferita avvenuta. Poichè nel Suo caso la sospensione è molto più lunga si presuppone che i rischi siano minimi, anche se la pregressa assunzione del difosfonato è di per se non da sottovalutare. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Aldo Gattoni
Barberino di Mugello (FI)