Domanda di Odontoiatria

Risposte pubblicate: 9

Ho sulla gengiva superiore, molto in alto, a destra qualcosa che sembra un brufolo

Scritto da Fabrizia / Pubblicato il
Salve. Ho sulla gengiva superiore, molto in alto, a destra qualcosa che sembra un brufolo. Prima della sua uscita avevo la zona leggermente dolorante se premevo. Il laterale e il canino destro sono incapsulati da qualche anno. La punta è bianca, proprio come un brufolo. Qualche tempo fa mi è successa una cosa molto simile ma un pò più grande (non mi ricordo se nello stesso punto però) che è rimasto lì per un pò. Mi ricordo solo che alcune volte l'ho spremuto proprio come si fa per un brufolo che diventa maturo. Non mi ricordo se poi è andato via da solo o dopo averlo spremuto. Non ho dolori e faccio degli sciacqui con un colluttorio. Mi devo preoccupare o andrà via da solo e non occorre farlo vedere? Grazie
Gentile Fabrizia, dal suo racconto sembrerebbe trattarsi di una infezione apicale dei denti incapsulati per cui Le consiglio di rivolgersi urgentemente al suo dentista di fiducia. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Aldo Santomauro
Palermo (PA)
Collaboratore di Dentisti Italia

La descrizione è fortemente suggestiva per la presenza di una fistola; il colluttorio è totalmente inefficace in questo caso, deve invece recarsi da un collega per valutare mediante rx e un esame clinico se l'infezione sia da riferirsi all'apice di qualche dente (uno o entrambi i denti incapsulati, o un altro ancora)e per fare una diagnosi differenziale con altre patologie. Cordialmente

Scritto da Dott. Andrea Balocco
Paruzzaro (NO)

Cara Signora Fabrizia se è quello che penso non va via da solo. E' un ascesso in formazione con una probabile fistola per una infezione periapicale della radice per necrosi Dentale! Va semplicemente diagnosticata (per differenziarla da patologie parodontali) clinicamente dal Dentista e curata la radice con una terapia canalare in Necorosi o la cura delle gengive! E' normale amministrazione, stia tranquilla! Cordialmente Gustavo Petti, Parodontologia, Implantologia, Gnatologia e Riabilitazione Orale Completa in Casi Clinici Complessi ed Ortodonzia e Pedodonzia la figlia Claudia Petti, in Cagliari.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Si tratta sicuramente di una fistola che proviene da una infezione interna dei denti. Non si può lasciar stare perchè va in peggio e potrebbe riacutizzarsi e perchè la presenza di pus nella bocca non fa bene alla salute, anche in generale, cuore, fegato, sangue.. Per risolvere bisogna fare rx e vedere come si può curare meglio quel dente..

Scritto da Dott. Paolo Passaretti
Civitanova Marche (MC)
Consulente di Dentisti Italia

Si tratta di una fistola, ossia di un drenaggio dell'infezione che con molta probabilità origina dai denti incapsulati che potrebbero essere andati in necrosi durante la protesizzazione o potrebbero essere devitalizzati in maniera incompleta. L'assenza di dolore è normale perchè la fistola nelle fasi acute dell'infezione permette il drenaggio del pus all'esterno.

Scritto da Dott. Paolo Fulgenzi
Pescara (PE)

Gentile Sig.ra Fabrizia, quello che lei descrive sembra una fistola dovuta ad una infezione. In questi casi bisogna fare una rx endorale, diagnosticare l' origine della infezione e curarla. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Massimo Tabasso
Savigliano (CN)
Consulente di Dentisti Italia

Sig. Fabrizia, certo che si deve preoccupare, per cui anticipi la corretta visita semestrale.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

Molto probabilmente si tratta di una fistola. Serve capire il dente che la determina per operare i giusti trattamenti (in genere devitalizzazione o ritrattamento endodontico). Non esiti a contattare il suo dentista.

Scritto da Dott. Luca Boschini
Rimini (RN)
Consulente di Dentisti Italia

Probabilmente si tratta di una fistola per una recidiva se i denti sono stati devitalizzati, o per la necrosi pulpare. Nel primo caso bisogna fare un ritrattamento canalare o un'apicectomia ( a seconda del livello della lesione), nel secondo caso la terapia canalare. Purtroppo, tranne nel caso dell'apicectomia, la corona deve essere sostituita o comunque perforata nella parte posteriore per trovare la via d'accesso al canale radicolare. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Marco Bianchini Ciampoli
Roma (RM)