Domanda di Odontoiatria

Risposte pubblicate: 9

Ho 21 anni e ho continui problemi di carie ai denti

Scritto da noemi / Pubblicato il
Salve ho 21 anni e ho continui problemi di carie ai denti. In circa due/ tre anni ho dovuto togliere un molare, devitalizzare 4 o 5 denti, farmi impiantare un perno con dente in porcellana, ricostruire almeno tre denti e curare non so più quante carie e buchi con conseguenti otturazioni. Praticamente tutti i molari e premolari! Non so più cosa fare ogni anno sto dei mesi dal dentista e quando penso di aver finito dopo qualche mese mi rispuntano altre carie ovviamente dolorose per non parlare dei denti del giudizio che stanno crescendo storti e che pian piano mi stanno spostando i denti. Il dentista non mi sa dare una spiegazione x questi problemi e mi sorge il dubbio che forse lui non ha saputo farmi un ottimo lavoro. Chiedo un consulto a voi se riuscite ad aiutarmi a capire il perchè di tutti questi problemi. La possibilità economica va a scarseggiare e anche il dolore è una cosa che non riesco a sopportare purtroppo lo soffro parecchio. So che non è una causa ereditaria (nonostante anche i miei familiari abbiano questi problemi) ne mancanza di igiene perchè li lavo. Se potete aiutatemi nel capire il perchè e cosa dovrei fare, vi ringrazio.
Cara Signora Noemi, evidentemente lei soffre di una patologia che si chiama "Policarie" per la quale, come dice il nome stesso, il paziente soffre in continuazione di attacchi della carie su più denti! Deve avere pazienza e si deve far curare. Deve fare controlli periodici con ciclicità da stabilire in sede Specialistica dal suo Odontoiatra che le darà anche le istruzioni per una sana alimentazione ed una sana igiene personale ed Orale domiciliare e Professionale in Studio Dentistico! Facendo co0sì la situazione si tiene benissimo sotto controllo e si mantengono in bocca i propri denti fino a tardissima età! Quindi stia serena! E' una malattia come tante! Seccante ma curabilissima!Cordialmente Gustavo Petti, Parodontologia, Implantologia, Gnatologia e Riabilitazione Orale Completa in Casi Clinici Complessi ed Ortodonzia e Pedodonzia la figlia Claudia Petti, in Cagliari.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile Noemi, lava i denti tre volte al dì? usa il filo interdentale? osserva le visite semestrali da un dentista iscritto all'Ordine? La carie non è ereditaria anche se vi è una predisposizione nel 3% della popolazione mondiale.

Scritto da Dott. Aldo Santomauro
Palermo (PA)
Collaboratore di Dentisti Italia

E gli zuccheri?? Se c'è una alimentazione sbagliata, le carie escono fuori fatalmente. Bisogna analizzare in maniera molto critica l'alimentazione perchè le fonti di zuccheri cariogeni sono tantissime e sottovalutate. C'è mica reflusso gastroesofageo? In ogni caso da dove vengono tutti questi dolori?? Se vengono dai denti curati o devitalizzati non è tanto normale. Una cura fatta bene risolve per lunghissimo tempo ogni fastidio. Provi da dr. Santomauro nella sua regione che è un professionista preparatissimo..
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Paolo Passaretti
Civitanova Marche (MC)
Consulente di Dentisti Italia

Sig.na Noemi la carie è la patologia più ricorrente tra le varie del cavo orale, all'ereditarietà di questa patologia credo poco perché una predisposizione del 3% della popolazione mondiale è una percentuale troppo bassa per poter parlare di "predisposizione". Quello che posso dirle per mio conto che lei sicuramente necessita di controllo odontoiatrici più frequenti, e poi fare una visita con più calma e andare a togliere tutto ciò che può essere una causa della patologia come ad esempio le abitudini alimentari e le modalità di igiene e profilassi. A Messina ci sono ottimi odontoiatri si rivolga al suo di fiducia o al policlinico dove c'è un ottimissima equipe. Cordiali saluti resto a sua disposizione per qualunque chiarimento. Dr. Luca Rappa
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Benedetto Luca Rappa
Palermo (PA)

Gentile Sig.ra Noemi, può essere che sia particolarmente soggetta alle carie. In questo caso l' igiene deve essere scrupolosa. Lavarsi 3 volte al giorno i denti con tecnica corretta per almeno 3 minuti e poi passare il filo interdentale. Ovviamente poi bisogna effettuare visite di controllo almeno ogni 6 mesi. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Massimo Tabasso
Savigliano (CN)
Consulente di Dentisti Italia

Evidentemente lei è un soggetto cariorecettivo. Bisogna che tenti di mantenere il ph della bocca sempre tamponando (con igiene domiciliare, sciacqui con colluttori fluorati e, all'occorrenza, gomme da masticare non zuccherate con xilitolo e bicarbonato). Ovviamente controlli periodici serrati e tanta pazienza. Se ha dubbi sull'operato del suo dentista provi a farsene consigliare un altro.

Scritto da Dott. Luca Boschini
Rimini (RN)
Consulente di Dentisti Italia

Salve Noemi purtroppo la sua cariofilia va combattuta su più fronti. Innanzitutto le abitudini alimentari vanno modificate non solo cercando di ridurre gli zuccheri nei pasti principali ma anche evitando piccoli spuntini o bevande zuccherate (caffè zuccherati, coca cola, thè zuccherati ecc) tra i pasti. Segua naturalmente una scrupolosa igiene domiciliare, il che non significa che lei non lavi i denti ma è possibile che non li lavi con una tecnica abbastanza efficace che include l'uso del filo interdentale ed eventualmente quello dello spazzolino elettrico. Una volta terminata l'igiene domiciliare usi delle pastiglie rivelatrici di placca, la aiuteranno a capire dove eventualmente debba insistere di più. Infine cosa più importante di tutte si faccia aiutare dal suo dentista e/o dalla sua igienista per valutare i suoi progressi e laddove le visite semestrali non siano sufficienti le trasformi in trimestrali. Tutto questo è profilassi ed è sicuramente una cosa che necessita di costanza e impegno ma la ripagherà con un minor dispendio economico a lungo termine e soprattuto con una maggiore salute orale. Auguri
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Massimo Scalas
Cagliari (CA)

Gentile Noemi, evidentemente lei è molto ricettiva alla carie. Le cause di questa sua ricettività possono essere molteplici. Innanzitutto il principale fattore da considerare è il tipo di placca batterica che ciascuno di noi ha in bocca. La composizione batterica della placca varia da persona a persona. Se nella sua vi è un'alta percentuale di batteri capaci di produrre acido a partire dagli zuccheri del cibo, già questo è un grosso fattore negativo, perchè sono le sostanze acide che materialmente "bucano" il dente e danno inizio alla carie. Anche la saliva ha la sua importanza:se è abbondante e fluida ha più capacità di allontanare gli acidi, il contrario succede se è scarsa e viscosa. Se contiene buona quantità di sostanze tamponi, cioè sostanze che annullano l'acidità,protegge dalla carie, il contrario succede se non ne ha. Tutti questi fattori non sono influenzabili dal paziente, perciò chi li possiede in negativo non può fare altro che rassegnarsi. I fattori su cui invece il paziente può influire sono la dieta e la pulizia domiciliare. La presenza di molti zuccheri nella dieta è un falso problema, perchè si può mangiare ciò che si vuole, purchè subito dopo ci si vada a lavare i denti. In definitiva quindi la sua attenzione deve essere dedicata soprattutto alla pulizia domiciliare. Dire che ci si lava i denti non basta. Più o meno lo fanno tutti. Bisogna vedere COME ci si lava,quali sono i movimenti che si compiono con lo spazzolino, quanto tempo si dedica quotidianamente, e se si usa il filo interdentale. Buona norma sarebbe anche usare le pastiglie rivelatrici di placca, che l'aiuterebbero a capire su quali punti insistere di più. Detto questo però aggiungo che non ho mai avuto a che fare con pazienti che (uso la sua espressione) ogni anno passano mesi dal dentista! Di più non posso dirle senza una visita. Resto comunque a disposizione, vista la vicinanza, per ulteriori chiarimenti in merito. Cordiali saluti
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Alessandro Francini
Messina (ME)

Sig. Noemi, "Il dentista non mi sa dare una spiegazione x questi problemi", se è vero, controlli se è iscritto all'ordine dei medici. Lei ha 21 anni, se avesse sempre eseguito la visita semestrale dai 6 anni in poi con delle corrette istruzioni, date da un igienista dentale abilitato, oggi non avrebbe carie e conserverebbe tutti i suoi denti sani, con una spesa irrisoria.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)