Domanda di Odontoiatria

Risposte pubblicate: 7

Ho un perno moncone al sesto superiore da parecchi anni

Scritto da Ciara / Pubblicato il
Ho un perno moncone al sesto superiore da parecchi anni. La radice probabilmente non tiene piu' molto bene e il dente si muove, all'interno la gengiva si sta anche ritirando. Siccome sto provando ad avere un bambino il dentista mi consiglia di estrarre il dente per evitare che magari in gravidanza si verifichi un ascesso e diventi difficile la terapia. Premetto che non ho dolore e mastico tranquillamente ma il dente (finto) e' un po' sceso rispetto alla sua sede. E' corretto effettuare l'estrazione. E soprattutto siccome sono terrorizzata dal dentista e' doloroso estrarre un dente con perno moncone? Grazie mille
Cara Chiara, no non è corretto se il motivo fosse veramente quello che dice! In ogni caso non sarebbe doloroso con una normale anestesia. Il perno moncone non centra niente col dolore! Se il suo Dentista ha queste paure ha visto evidentemente che sono in atto ora, patologie o endodontiche o endoparodontali o parodontali che sa che si aggraveranno perchè non ha intenzione o non le sa evidentemente curare. Queste patologie vanno curate. Ovviamente in linea di massima perchè non la vedo clinicamente ma posso solo presumere per esperienza e per lettura di quello che lei scrive. In ogni caso se anche avesse un aggravamento di queste patologie in gravidanza, si possono curare lo stesso! La gravidanza non è una patologia, ma che razza di ragioneamento e poi se le ha già previste come possibilità la cosa più ovvia e MEDICA è curare dente o parodonto che sia.Cordialmente Gustavo Petti, Parodontologia, Implantologia, Gnatologia e Riabilitazione Orale Completa in Casi Clinici Complessi ed Ortodonzia e Pedodonzia la figlia Claudia Petti, in Cagliari.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Se un dente è talmente rovinato da non essere recuperabile (purtroppo capita ancora oggi nonostante il progresso) va tolto subito (e ben presto rimpiazzato) indipendentemente dai progetti di gravidanza. Non ci si può tenere un dente malato in bocca, nessuno di noi, a qualsiasi età.. O si cura (subito) o si toglie (subito). Il perno che sta dentro non costituisce una complicazione alla eventuale estrazione.

Scritto da Dott. Paolo Passaretti
Civitanova Marche (MC)
Consulente di Dentisti Italia

Salve Chiara, leggo un po' di paura e mi sento di rassicurarla e dirle che i denti van curati sempre e la gravidanza può essere un motivo in più. In generale un dente con un perno moncone è un dente devitalizzato e con una consueta anestesia non sentirà nessun dolore. Naturalmente, non possiamo certo fare diagnosi da quello che lei ci scrive ed è necessaria una visita, una radiografia o altri esami, se occorrono. Un saluto. Bruno Dr. Roberto Tortona

Scritto da Dott. Roberto Bruno
Tortona (AL)

Gentile Sig.ra Chiara, se veramente il dente non è recuperabile va estratto subito a prescindere che lei stia cercando di diventare mamma. Il fatto che vi sia un perno moncone non cambia nulla nella difficoltà dell' estrazione. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Massimo Tabasso
Savigliano (CN)
Consulente di Dentisti Italia

Buongiorno, presumibilmente da quello che dice, il collega che la sta curando ha riscontrato una frattura della radice, per cui se così fosse non c'e altro rimedio che ricorrere all'estrazione. Distinti saluti

Scritto da Dott. Maurizio Tabacchino
Roma (RM)

L'estrazione normalmente non è dolorosa se praticata sotto anestesia. Per rispondere alla sua domanda bisognerebbe visitarla ed avere una immagine radiografica, altrimenti non saprei cosa dirle. Probabilmente il suo dentista giudica da estrarre il dente e vuole evitarle grane in gravidanza.

Scritto da Dott. Luca Boschini
Rimini (RN)
Consulente di Dentisti Italia

Cara Chiara, se il dente si muove all'interno del suo alveolo e il trattamento endodontico è ben eseguito, se non può trattarlo con terapia parodontale perchè lei ha preso questa decisione, non resta altro che estrarlo. Cordiali saluti

Scritto da Dott.ssa Barbara Boniello
Ciampino (RM)