Domanda di Odontoiatria

Risposte pubblicate: 13

Cerco un dentista che possa offrire un'alternativa all'anestesia locale

Scritto da Mirco / Pubblicato il
Buongiorno, ho 25 anni e devo risolvere un grosso problema. Un dente, a causa di una carie mal curata è caduto e ora è sorto un ascesso che ahimè devo assolutamente curare. Ho rimandato perchè, dopo aver girato molti dentisti, non ho trovato nessuno la cui anestesia facesse effetto per poter poi effettuare le dovute cure. Non fa effetto, benchè la dose fosse anche alta. Cosa devo fare??? a causa di un incidente in giovane età, nel futuro dovrò comunque rifare gran parte dell'apparato dentale, ma in queste condizioni come posso??? Cerco un dentista che possa offrire un'alternativa all'anestesia locale, perchè in nessuna forma funziona. Grazie dell'aiuto che potrete darmi, Mirco.
Gentile Sig. Mirco, non esiste alternativa alla anestesia locale. Grazie alla sedazione cosciente o alla sedazione farmacologica si può amplificare il suo effetto, ma va comunque fatta. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Massimo Tabasso
Savigliano (CN)
Consulente di Dentisti Italia

Perfettamente d'accordo col Dr. Tabasso, caro signor Mirco! In ogni caso non è possibile che una anestesia locale non faccia effetto! E' allucinante sentire ancora di anestesie che non hanno sortito il loro effetto. Per i diversi distretti della bocca esistono diversi tipi di anestesia proprio perchè si incontrano situazioni anatomiche o patologiche diverse. Si può dire che ogni dente ed ogni patologia ha la sua anestesia, dalle anestesie per contatto, alle plessiche, alle peripress, alle tronculari, alle regionali per la grossa chirurgia!INSOMMA DAL DENTISTA NON SI SOFFRE! Salvo eccezioni dovute a trascuratezza come per esempio le pulpiti acute! Ma questione di un attimo e l'anestesia agisce anche li.L'unico caso in cui l'effetto potrebbe essere invalidato parzialmente è quando è presente una forte infiammazione perchè il PH locali si abbassa acidificando l'ambiente e l'anestetico libera la sua base attiva in ambiente basico o almeno neutro, non in ambiente acido! Ma in queste situazioni basta risolvere prima l'infiammazione e poi procedere all'anestesia, oppure fare una anestesia regionale, nel senso di tronculare del tronco nervoso che innerva quella particolare "regione" della bocca, da trattare terapeuticamente, anzichè locale! Si potenzia la tronculare (che non è solo la nota tronculare del Nervo Alveolare inferiore) del nervo del distretto in questione,con plessiche, subperiostee, introssee, intrapulpari e stia certa che non soffre! Come vede si trova sempre il modo di non fare sentire dolore, ci mancherebbe anche al giorno d'oggi!!!Cordialmente Gustavo Petti, Parodontologia, Implantologia, Gnatologia e Riabilitazione Orale Completa in Casi Clinici Complessi ed Ortodonzia e Pedodonzia la figlia Claudia Petti, in Cagliari.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Caro Mirco, l'anestesia locale, se fatta nei punti giusti, fa effetto e mi spiace dirti che è poco credibile la tua affermazione "non ho trovato nessuno la cui anestesia facesse effetto". Se vuoi venire a passare qualche giorno nella bella Palermo ti invito nel mio studio per fartelo provare!

Scritto da Dott. Aldo Santomauro
Palermo (PA)
Collaboratore di Dentisti Italia

Beh, ogni tanto capita che l'anestesia non faccia effetto, ma come dice lei mi sembra un po' strano

Scritto da Dott. Giovanni Vergiati
Fornovo di Taro (PR)

Concordo con quanto già scritto dal dr. Tabasso aggiungendo che esiste anche la possibilità di gestire casi odontoiatrici in anestesia totale. Per quest'ultima opzione però deve trovare una clinica, molto probabilmente privata, che determinerà necessariamente un aumento dei costi, pertanto la vedo appropriata solo in casi molto complessi.

Scritto da Dott. Luca Boschini
Rimini (RN)
Consulente di Dentisti Italia

Sig. Mirco controlli se chi le pratica l'anestesia, è iscritto all'ordine dei medici.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

Segua con attenzione Mirco le risposte dei colleghi: innanzitutto l'invito, da parte del dr. Ruffoni, a verificare che si tratti di un dottore laureato (questo perchè un dr laureato dovrebbe conoscere tutte le regole per fare una bella anestesia completa). Ma la situazione sembra molto chiara: come le diceva il dr.Petti se c'è un processo infettivo in atto, prima di toccare il dente, bisogna fare una bella cura potente di antibiotici per farlo sfiammare, sennò il problema è proprio questo: che l'anestesia non fa effetto. Lasci perdere l'idea di una anestesia totale, ma invece provi a cercare un raro professionista che operi con la sedazione cosciente col protossido (numerosi articoli da me scritti in proposito li troverà sul sito). Questa tecnica calma l'ansia e potenzia la anestesia locale.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Paolo Passaretti
Civitanova Marche (MC)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile sig. Mirco, è strano che l'anestesia locale non le faccia mai effetto. Ogni tanto può succedere, e maggiormente all'arcata dentaria inferiore, ma non può essere una costante. L'anestesia locale non può essere sostituita con altro, in caso fosse necessario la si può associare ad una sedazione con farmaci. Cordiali saluti

Scritto da Dott.ssa Rosalba Pavone
Roma (RM)

Carissimo Mirco, il suo problema può essere facilmente risolto ricorrendo ala sedazione profonda. Non avrà dolore e non ricorderà cosa è successo. In caso necessiti di procedure più invasive si può fare anche l'anestesia generale. Se ha piacere nel nostro centro sono disponibili tutte queste tecniche. Cordialmente

Scritto da Dott. Alvise Cappello
Padova (PD)

Impossibile che l'anestesia non vada a buon fine. Potrebbe finire nel posto sbagliato, ma da qualche parte deve pure uscire. Non può sparire. Se non funziona (come ho detto a una bella ragazza) posso provare con la stricnina? Buona fortuna!

Scritto da Dott. Sebastiano Carpinteri
Torino (TO)
Consulente di Dentisti Italia