Domanda di Odontoiatria

Risposte pubblicate: 12

E' possibile curare un sovraffollamento dentale a 40 anni?

Scritto da paolo / Pubblicato il
Buongiorno volevo sapere se è possibile curare un sovraffollamento dentale dell'arcata superiore con fuoriuscita dalla sede di uno dei due denti frontali in virtù della mia età (40 anni) ed eventuali complicazioni collegate. Grazie!
Vista dalla foto, la sua non sembra un affollamento solamente ma una II classe severa. Cioè i denti "in fuori", e i superiori ben più avanzati degli inferiori. Se è così come mi sembra di vedere, bisogna studiare quanto sia severa la componente scheletrica- ossea. Perchè questa non si può cambiare molto alla sua età. Un po' si, ma se il mascellare sup e inf stanno in rapporti molto alterati fra loro, come si modifica lo scheletro di un adulto?? Per questo si diventa "adulti" a 15 anni.. Da questo che dico, lei capisce che l'unico possibile serio approccio al suo guaio, è di fare una diagnosi fatta bene bene. Quindi, in questo campo, una cefalometria, che ci svela lo stato delle componenti ossee. Veda bene sui miei numerosi articoli qui nel sito di che si tratta, e diffidi di chi le dà pareri.. "ad occhio". In base a questa analisi si saprà se si può ottenere una correzione si, o no. PRELIMINARMENTE, senza fare vani e faticosi SEMPLICI TENTATIVI. Inoltre bisogna valutare bene lo stato del parodonto, gengive ed osso per vedere se va bene fare il trattamento ortodontico
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Paolo Passaretti
Civitanova Marche (MC)
Consulente di Dentisti Italia

Un trattamento ortodontico in età adulta richiede spesso il ricorso a compromessi. La foto non è molto indicativa, ma con una valutazione dell'entità dell'affollamento e del profilo l'ortodontista che l'avrà in cura potrà valutare se ottenere risultati accettabili tranquillamente, con procedure di distalizzazione dei molari (il loro arretramento) o con l'estrazione dei premolari per guadagnare spazio. Le possibilità di trattamento sono differenti, ma solo una visita approfondita può indicare quale sia la migliore. In ogni caso non potrà correggere problemi scheletrici, ma solo dentali, per cui i risultati saranno sempre da considerare un compromesso!
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Umberto Tersigni
Palermo (PA)

Gentile Sig. Paolo, dalla foto che ci invia pare che non soffra solo di sovraffollamento, ma di una II classe. Pertanto è difficile darle una risposta senza una visita e un tracciato cefalometrico. Sicuramente si potrà ottenere un miglioramento, ma di quanto è difficile dirlo. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Massimo Tabasso
Savigliano (CN)
Consulente di Dentisti Italia

Ortodonzia fissa in età infantile per Disgnazia Dento Dentale. Da casistica della Dr.ssa Claudia Petti di Cagliari
Caro Signor Paolo, esistono due grandi famiglie di Disgnazie (patologie e discrepanze ortodontiche), quelle dento-dentali e quelle dento-scheletriche. In parole povere quelle in cui lo scheletro è "giusto" come forma e dimensione e la disgnazia è dovuta solo ad alterazione della posizione in esso dei denti e quelle in cui i denti sono fuori posizione perchè l'osso non ha la forma e le dimensioni giuste. Nel primo caso si può intervenire ortodonticamente in qualsiasi età. Nel secondo caso si può intervenire solo in età infantile. Si può intervenire anche in età adulta, nel secondo caso, con la chirurgia supportata dalla Ortodonzia valutando anche il suo stato Parodontale e gnatologico. Bisogna solo visitarla e fare una diagnosi in base ad un tracciato cefalometrico. Cordialmente Gustavo Petti, Parodontologia, Implantologia, Gnatologia e Riabilitazione Orale Completa in Casi Clinici Complessi ed Ortodonzia e Pedodonzia la figlia Claudia Petti, in Cagliari.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile Sig. Paolo, concordo con la risposta del Dott. Tersigni aggiungendo che alla sua età è solo possibile migliorare il rapporto dentale ma non quello scheletrico a meno che non ricorre alla chirurgia ortognatodontica. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Aldo Santomauro
Palermo (PA)
Collaboratore di Dentisti Italia

Sig.Paolo, è possibile correggere il suo caso anche a 40 anni, sicuramente dovrà anche affrontare interventi chirurgici di ortognatodonzia e ripristinare gli eventuali denti mancanti.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

Si è possibile vada a farsi curare tranquillamente

Scritto da Dott. Alessio Battistini
La Spezia (SP)

Gentile sig. stia tranquillo e si affidi ad un ortodontista perchè il suo problema non è complesso. Cordialmente

Scritto da Dott. Edmondo Spagnoli
Lecco (LC)
Consulente di Dentisti Italia

Vada con fiducia da un buon ortodontista che saprà consigliarla sul da farsi: oggi con l'ortodonzia con o senza chirurgia, si ottengono ottimi risultati. Cordialmente, Dr A. Beghini, Cassano D'Adda, MI

Scritto da Dott. Angelo Beghini
Cassano d'Adda (MI)

Caro Paolo, l'età non è una discriminante per fare le terapie ortodontiche, ma altre componenti, quali lo stato di salute del parodonto e la tipologia di movimenti che necessitano i denti per essere nella loro posizione ideale, sono i fattori da analizzare. Nel caso suo, dalla foto, sembra ci sia una severa II classe scheletrica che può essere corretta idealmente solo con la chirurgia. In ogni caso la terapia deve discernere da un'attenta analisi dello stato di salute della sua bocca e da un tracciato cefalometrico per fare una corretta diagnosi ortodontica. Da questo scaturisce la terapia ortodontica che può essere anche un compromesso che si avvicini all'ideale se non vuole fare interventi chirurgici. Cordiali Saluti
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Giuseppe Cerbone
Afragola (NA)