ricerca nel sito Cerca il Dentista nella tua città Cerca in
(area promo)

domande di odontoiatria

Ricerca nelle domande di Odontoiatria

   
Ricerca per categoria:  Ricerca parole chiave:

Domanda di Odontoiatria


Scritto il 28-07-2011


Potete consigliarmi ospedali, strutture o dentisti convenzionati in Roma e provincia?

Cristina
Salve, ho prenotato una visita odontoiatrica per una carie presso la mia ASL (ASL RM/H che si trova ad Albano Laziale), e dopo aver aspettato tre mesi per questa visita e pagato il ticket aumentato mi hanno detto che non potevano intervenire perché le cure erano troppo lunghe e importanti. Mi hanno detto di rivolgermi ad un privato e quindi PAGARE per la prestazione o andare in un centro o una struttura ospedaliera. Escluso il policlinico di Tor Vergata a cui già mi sono rivolta e mi hanno detto che ora le prestazioni sono tutte a pagamento,ed escluso che possa pagare cifre esorbitanti per le cure, potete consigliarmi ospedali, strutture o dentisti convenzionati in Roma e provincia a cui mi posso rivolgere per curare i miei denti e far visitare la mia famiglia pagando solo il ticket o tariffe agevolate? Ho già fatto ricerche su internet ma con scarsi risultati. Grazie!


Le risposte dei medici

Pagine: 1
Risultati trovati: 7
Pubblicato il 28-07-2011
Temo che non sia facile.. Nel nostro Paese ora hanno aumentato i ticket per cui ad esempio uno screening generale con una analisi del sangue è diventato nella nostra regione più conveniente farlo privatamente a pagamento che col SSN... Di questo dovremmo ricordarci quando andiamo ad esprimere una preferenza elettorale. Tuttavia dobbiamo anche pensare che il nostro paese è (grazie alla eredità dei governi della prima repubblica di estrazione cattolica) uno dei più avanzati al mondo in fatto di welfare ed assistenza sanitaria gratuita al cittadino. Ti faccio un esempio Cristina. Mia figlia ora sta a New York per studio e a causa dell'aria condizionata fortissima ha bronchite e necessita di augmentin. Le hanno chiesto 160 dollari per la visita dal dr che sta dentro la farmacia e 250 per il farmaco. Questo pagherebbe qualsiasi cittadino americano privo della assicurazione privata costosissima. Come lei che è straniera, tale e quale. Quindi sostanzialmente non possiamo proprio lamentarci.. Loro hanno farmaci che costano cifre impazzite. Da noi con 10 euro ce la saremmo cavata.

Scritto da Dott. P. Passaretti
Civitanova marche alta (MC)
Consulente di Dentisti Italia
Pubblicato il 28-07-2011
Cara Signora Cristina, sottoscrivendo quanto dice l'amico Dr. Passaretti, preciso che può trovare certamente Dentisti adeguatamente preparati, privati, a cifre non esorbitanti. Anche se il concetto di esorbitante è relativo, lo so. Vada per il sentito dire ed in ogni caso ricordi che, anche se non sempre vero, quasi sempre, "chi più spende meno spende". Le racconto un aneddoto: tempo fa è ritornato a visita un mio paziente per una infiltrazione ad una otturazione. Bene la terapia totale della sua bocca,di chirurgia parodontale, otturazioni e protesi era stata fatta da me circa 30 anni fa. Poi è andato all'estero e non l'ho più visto. Quando è tornato da me, ho riconosciuto tutte le mie otturazioni, protesi e risultato degli interventi parodontali e lui mi ha detto: Dr. Petti, ho speso relativamente molto 30 anni fa, ma infine ho risparmiato un sacco di soldi perchè i suoi lavori li ho ancora in bocca e vanno benissimo ed ha fatto anche una battuta: " Le converrebbe lavorare meno bene se no alla fine non avrà più pazienti perchè tutti curati!" Stia tranquilla che alla ASL o nei centri Low cost, se somma tickets e spese a basso costo per 30 anni, dovendo curare in continuazione i denti e le gengive e l'osso per rimediare ai problemi che continuamente si presenterebbero, alla fine si accorgerebbe di aver speso nel tempo una cifra enormemente più alta di quella che avrebbe speso curandosi da un noto Dentista privato. Non solo ma non avrebbe neanche più tutti i suoi denti in bocca. Quindi mediti, mediti!Cordialmente Gustavo Petti, Parodontologia, Implantologia, Gnatologia e Riabilitazione Orale Completa in Casi Clinici Complessi ed Ortodonzia e Pedodonzia la figlia Claudia Petti, in Cagliari.

Scritto da Dott. G. Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia
Pubblicato il 28-07-2011
Sig. Cristina, non possiamo pretendere che il servizio sanitario nazionale assorba anche le spese odontoiatriche, per cui può trovare strutture accreditate, dove ha l'illusione di pagare solo dei ticket, poi questi versamenti anticipati, possono corrispondere se non superare le tariffe di un semplice odontoiatra privato di periferia. Cerchi su questo portale uno studio semplice monoprofessionale, con limitato personale, meglio se familiare, che si trovi in periferia, dove i costi sono minori, non troverà laser e microscopi intraoperatori, ma troverà chi le praticherà delle semplici cure essenziali, che potrà pagare con comode rateazioni. Grossi centri con tariffe agevolate si trovano difficilmente, perchè ci sono grossi costi che devono rientrare che sono caricati sulle cure dei pazienti.

Scritto da Dott. D. Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Pubblicato il 28-07-2011
Legga le risposte precedenti e così faccia

Pubblicato il 28-07-2011
RILEGGA le risposte precedenti e così faccia...... BUONASERA

Pubblicato il 29-07-2011
Nel Lazio non mi risulta che ci siano grandi convenzioni. In Lombardia dove lavoro il Ssn riconosce alcune agevolazioni sulle cure ad esempio esenzioni in base al reddito o se si e' disoccupati le protesi gli impianti gli apparecchi sono a pagamento a tariffe leggermente piu' basse ma a pagamento.

Pubblicato il 29-07-2011
Gentile Cristina, mi trovo assolutamente d'accordo con le risposte dei colleghi, peraltro molto esaustive. Il detto che invece conosco e utilizzo io è al contrario: "chi meno spende più spende". e le assicuro che è davvero così. La soluzione di un piccolo studio in periferia potrebbe essere buona e attuabile, ma non potrà mai pretendere di spendere 20 euro per una otturazione, se non vuole spenderne altri 20 il mese dopo e altri 20 il mese dopo ancora... L'unica cosa che posso aggiungere, esercitando a Roma, è che se il suo è un reale problema di indigenza, certificabile, può rivolgersi a delle onlus accreditate. Non sono molte, e spesso le liste di attesa sono piuttosto lunghe, ma in compenso posso garantirle che i colleghi che vi esercitano sono molto bravi e molto umani. se ne ha bisogno le comunico gli indirizzi. Sperando di esserle stata utile le faccio i miei migliori auguri, Dott.ssa Marta Muscettola

Pagine: 1
Risultati trovati: 7