Domanda di Odontoiatria

Risposte pubblicate: 11

SEGUITO ALLA DOMANDA: Ho notato nel palato superiore una 'linea' bianca

Scritto da MONICA / Pubblicato il

Buon pomeriggio e scusate se disturbo di nuovo, (nella domanda precedente mi sono scordata di dire che sono fumatrice) sono appena tornata dal mio odontoiatra che mi ha ispezionato la "linea" è ha detto trattasi di una leucopatia che si trova nella zona di giunzione (credo tra palato duro e palato molle), mi ha detto che per il momento non va fatta la biopsia e che bisogna controllarla. Però su internet ho letto che una leucopatia è comunque una forma pre-cancerosa e che il tempo (anche 1 settimana) a volte è fondamentale. Allora mi chiedo è giusta questa attesa? Cos'altro potrei fare? Usare un collutorio può aiutare? Vi chiedo gentilmente consiglio perchè sono nel panico totale. Grazie

 

Precedente:

http://www.dentisti-italia.it/dentista_domande/odontoiatria/4341_leucoplasie.html

Lichen ruber planus complicato da formazioni penfigoidi.
Cara Signora Monica, vorrà dire Leucoplasia. Stia tranquilla il suo Dentista sa riconoscere una Leucoplasia che è una displasia benigna da una degenerazione anaplasica di essa, tra l'altro molto rara. Anche se come localizzazione è molto più frequente sulla parte interna posteriore delle guance. La diagnosi differenziale va posta piutosto con con il lichen ruber planus, assolutamente benigno che però può essere fastidioso e con eczemi, eritemi polimorfi, micosi, candida, Herpex, malattie dermatologiche come il Pemfigo, Diabete, anemie (la carenza di ferro può essere importante) e poi vedere se simili patologie le ha anche altrove, per esempio nella vagina, nella vulva soprattutto. Cordialmente Gustavo Petti, Parodontologia, Implantologia, Gnatologia e Riabilitazione Orale Completa in Casi Clinici Complessi ed Ortodonzia e Pedodonzia la figlia Claudia Petti, in Cagliari.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile Monica, mi trova assolutamente d'accordo con il consiglio del suo dentista. cordiali saluti

Scritto da Dott. Aldo Santomauro
Palermo (PA)
Collaboratore di Dentisti Italia

Gent.ma Sig.ra Monica, buonasera. Innanzitutto è corretto che il suo dentista abbia definito una lesione di aspetto bianco come Leucoplachia, che in effetti vuol dire appunto lesione bianca, ma NON aggiunge e NON specifica assolutamemnte nulla dal punto di vista patologico e diagnostico. Correttamente se la parte bianca NON viene via col semplice passaggio di una garzina inumidita ( il che è segno di Candidosi Orale -infezione fungina ) allora la lesione si deve definire una Ipercheratosi. Il protocollo corretto delle lesioni bianche della mucosa orale definite come Ipercheratosi è il seguente. Innanzitutto una lesione Bianca deve essere considerata come "DUBBIA" dal punto di vista della pericolosità, mentre una lesione Rossa, o Mista( bianca e Rossa) deve di solito mettere in allerta il professionista. Bisogna fotografare la lesione alla prima visita, poi rivederla dopo 15 gg senza che il paziente faccia uso di farmaci a base di cortisone ( tipo cortifluoral )altre soluzioni da mettere in bocca ), e se la lesione NON è scomparsa è d'obbligo la biopsia Incisionale ( che vuol dire che si asporta una parte della lesione e non tutta ) per porre la corretta diagnosi istologica . Come già detto da altri colleghi le lesioni bianche sono di vario tipo, ma se non vengono correttamemnte diagnosticate con l'esame istologico, NON si potrà mai sapere quali protocolli, anche solo di monitoraggio nel tempo ( per esempio per un Lichen Planus)andranno adottati. Cordiali saluti
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Giuseppe Lazzari
Cernusco sul Naviglio (MI)

Gentile Signora, si fidi del suo dentista. Cordialmente, Dr Angelo Beghini Cassano D'Adda MI

Scritto da Dott. Angelo Beghini
Cassano d'Adda (MI)

Sig.ra Monica buonasera di nuovo. Mi scusi ma ho notato che nella foto che ha allegato, le cose non corrispondono a quello che ha descritto nella sua prima mail. Lei parla di "linea bianca che parte dal palato, ma io vedo invece una "lesione" che parte dalla commissura labiale della guancia destra e si porta posteriormente verso il trigono retromolare . Questa lesione , a prima vista , potrebbe essere compatibile con la cosiddetta " linea morsicans" cioè con la zona della guancia interna, che per vari motivi viene suzionata e traumatizzata durante la masticazione, magari per alcune alterazioni morfologiche dei denti , per loro malposizionamento o per restauri protesici e c/o conservativi anomali. Faccia valutare anche questa ipotesi al suo dentista. Cordialmente
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Giuseppe Lazzari
Cernusco sul Naviglio (MI)

L'abitudine di molti pazienti di accedere ad internet per informarsi sulle proprie presunte malattie, invece di essere un modo per meglio comprendere il proprio stato di salute, diventa sempre più spesso un modo per suscitare ansia e stress. Quello che il collega le ha detto appare assolutamente appropriato. E per farle capire che cosa sono le lesioni precancerose le faccio l'esempio dei nei della pelle. Anche queste formazioni sono potenzialmente delle lesioni precancerose, ma questo non vuol dire che i suoi nei (sicuramente ne avrà qualcuno)si trasformeranno in tumori. Stia tranquillo e si fidi. Cordialmente
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Bruno Cirotti
Roma (RM)

Sig. Monica, non tutti gli odontoiatri sono degli esperti di patologia orale, ma sanno discriminare le lesioni serie da quelle meno importanti. Perciò può stare tranquilla, ma il mio consiglio è: che una lesione non regredisce spontaneamente in 20 giorni deve essere accertata soprattutto in un fumatore, se non vi è regressione, una visita presso un ambulatorio di patologia orale non è da escludere.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

Se presente il sospetto di leucoplachia, è sempre bene affidarsi ad un centro universitario specialistico (dove la casistica di patologia orale è indubbiamente maggiore rispetto a qualunque odontoiatra privato) dove verrà valutato se effettuare o meno una biopsia. la biopsia di per sè è un esame piuttosto semplice e non particolarmente invasivo, e,  soprattutto, le risolverà ogni dubbio!

Scritto da Dott. Giulio Sbarbaro
Zocca (MO)
Consulente di Dentisti Italia

Tutti i colleghi le hanno risposto in modo rassicurante. Il Dr. Lazzari ha dato degli elementi assolutamente preziosi di diagnosi differenziale fra le varie possibili cause. Il punto è questo: gli odontoiatri privati normalmente non sono molto allenati a riconoscere queste lesioni (ma la leucoplachia è abbastanza ben riconoscibile), ed allora ci vogliono i chirurghi orali ospedalieri. Io ad esempio, quando mi capitano queste situazioni mi confronto subito con il mio collega che è ospedaliero nel reparto del capoluogo della mia regione e viene da me tutte le settimane per la chirurgia più complessa. Lui ha esperienza perchè passano tutti da lui.. Secondo me è una morsicatura o un mughetto o candida. La leucoplachia è diffusa ma rara ..
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Paolo Passaretti
Civitanova Marche (MC)
Consulente di Dentisti Italia

Si fidi del suo dentista

Scritto da Dott. Alessio Battistini
La Spezia (SP)