Domanda di Odontoiatria

Risposte pubblicate: 18

Soffro tantissimo per un dolore ai denti di cui non si riesce a individuare la causa.

Scritto da eleonora / Pubblicato il
Spero che più pareri possano aiutarmi a decidere. Un anno e mezzo fa dopo 6° e 7° basso sx cariati sono andata dal dentista quando ormai neanche più il toradol mi faceva passare un dolore insopportabile che arrivava sino al braccio. Mi è stato solo curato il 7° dicendo che sarebbe stato devitalizzato in un secondo momento se si rendeva necessario. il 6° è stato devitalizzato e incapsulato. dopo qualche mese mi si riapre il 7° e si apre anche il 5°. di nuovo dolore forte. corro dal dottore e mi ricura il 7°, mi devitalizza il 5° e mi riapre il 6° dicendo che vi era una forte infiammazione. queste ultime cose sono successe esattamente 2 mesi fa. terminato il lavoro mi sono resa conto sin da subito di non aver risolto il problema ma per problemi familiari non sono potuta andare dal dentista perchè è il suo studio è fuori paese. il dolore è aumentato e si è reso di nuovo insopportabile anche se riesco ancora a controllarlo con antidolorifici. avevo finalmente preso appuntamento dal medico quando tante persone mi hanno convinto ad andare da un altro medico. piccola premessa: il primo medico vuole togliere il dente del giudizio inf sx perkè dice che è quello la causa. poi nell'eventualità devitalizzare anche il 7 e avere 5-6-7° devitalizzato. aggiungo che il dolore è talmente forte e ampio (sale sino all'occhio e scende fino al braccio, ti stordisce) che è difficile capire quale sia il dente che realmente mi fa male ma a me sembrerebbe il 6 che è devitalizzato , può un dente devitalizzato portare un dolore così forte con la masticazione e a volte anche all'improvviso, più il gelarsi con cose ...diciamo fredde????? cmq il secondo dentista mi ha detto che il problema è in realtà il 7° anche se chiuso è cariato e quindi da devitalizzare. ma la devitalizzazione in quel punto dice che è difficile (probabilmente per la mia bocca molto piccola o forse per la mia struttura ossea in quella zona...non saprei precisare) ma che ci vuole cmq provare. in alternativa estrarre il 7 che è ormai andato in modo che il dente del giudizio finisce di uscire e prenda il suo posto. non so a chi dare retta. io sono tentata di togliere direttamente il dente se davvero risolvessi il problema. ma se lo tolgo e ho ancora dolore perchè magari il dolore è causato da altro? aiutatemi a capire cosa fare per piacere. non voglio di nuovo arrivare a fare le siringhe per un dolore ormai fisso che non va via. grazie
Gentile Sig.ra Eleonora, dalla visione dell'OPT fra l'altro poco chiara sembrerebbe che la causa del suo dolore sia determinata dal 7° che è consigliabile salvare con una terapia canalare e l'8° che è più opportuno estrarre anche perchè non c'è l'antagonista ed è l'unico dente del giudizio presente nella sua bocca. Cordiali saluti.

Scritto da Dott. Aldo Santomauro
Palermo (PA)
Collaboratore di Dentisti Italia

Dente con osteolisi periapicale, sfondamento del pavimento  e tasche parodontali infraossee di terza classe della forcazione curato ed in bocca da 30 anni circa. Da casistica del Dr. Gustavo Petti di Cagliari
Cara Signora Eleonora, dalla OPT si vede una terapia canalare corta in 35, corta anche in 36 e con una osteolisi periapicale nella radice distale, un 37 con una otturazione che provoca probabilmente sofferenza al cornetto pulpare mesiale e un 38 in disodontiasi, che sembra impegnato parzialmente sotto la branca montante della mandibola e con immagini di pericoronite in particolare distale! Tutte patologie "normali" e curabilissime! Non capisco perchè non si riescano a curare. Per fare una Diagnosi basta fare una Rx endorale in diverse proiezioni se necessaria...ed una visita clinica accurata con percussione assiale e trasversale...una analisi occlusale-gnatologica del dente e stia sicuro che si arriva ad emettere una diagnosi certa ed a formulare una terapia idonea........................ovviamente si deve procedere alle prove termiche si fanno con il caldo e con il freddo...esistono liquidi che spruzzati su un batuffolino di cotone con cui toccare il dente abbassano la temperatura improvvisamente da 37° a -4° e le garantisco che se c'è patologia pulpare...la si scopre....il dente risponde con un dolore immediato: 1- se dura qualche secondo, il processo è reversibile e si aspetta, 2- se dura molti minuti, il dente è in Pulpite e bisogna devitalizzarlo subito. 3- Se non risponde al dolore vuol dire che il dente è in necrosi, è morto per infezione e bisogna devitalizzarlo in un modo particolare subito sotto protezione antibiotica! 4- Se non risponde al freddo ma risponde allo stimolo con "guttaperca" molto calda, allora significa che il dente è in necrosi, ma non completa..qualche zona di polpa vicino all'apice è ancora vitale (si chiama sintomatologia radicolare della polpa) e il dente va devitalizzato. I denti con terapie corte vanno ritrattati e chiusi all'apice. Il dente del giudizio, bisognerebbe accertarlo clinicamente, ma ha tutte le caratteristiche per essere avulso (estratto). Cordialmente Gustavo Petti, Parodontologia, Implantologia, Gnatologia e Riabilitazione Orale Completa in Casi Clinici Complessi ed Ortodonzia e Pedodonzia la figlia Claudia Petti, in Cagliari.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile Eleonora, la radiografia inviata non è molto chiara. Si può rilevare comunque, come già indicato dai colleghi che mi hanno preceduto, una ampia e profonda otturazione sul settimo inferiore di sin.(37) troppo vicino al coretto pulpare mesiale che potrebbe essere la causa di una pulpite responsabile dei dolori acuti. Indagherei anche sul settore superiore considerata l'irradiazione del problema e dei dolori verso l'occhio, ma la panoramica troppo scura non consente una più certa valutazione. Cordialmente
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Tersandro Savino
Tivoli (RM)
Consulente di Dentisti Italia

Non tolga il settimo.. L'ottavo non prenderà il posto del precedente. La radiografia non è molto chiara, ma si affidi o al primo dentista oppure cerchi un'endodontista o comunque un dentista che sappia fare una terapia canalare senza 'provarci'. Saluti

Scritto da Dott. Sandro Compagni
Latina (LT)

Faccia ritrattare da un buon endodontista il 5° e il 6°, faccia devitalizzare il 7° ed estragga l'8°. Le cause dei suoi dolori possono essere dovute tanto ai denti mal devitalizzati, quanto da quello da devitalizzare. L'8° è comunque opportuno estrarlo perché in disodontiasi e privo dell'antagonista. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Bruno Cirotti
Roma (RM)

Sig.ra Eleonora senza poterla visitare personalmente non si può fare una diagnosi sicura,però vedendo la radiografia come già detto dai colleghi facilmente la causa del forte dolore è data dal 7. Presenta infatti una otturazione molto profonda e vicinissima al nervo,in oltre la sintomatologia del dolore come da lui riferita è classica di un dente in pulpite. Sicuramente una volta devitalizzato il 7 vedrà che scomparirà il dolore. E' probabilmente presente sulla radice distale del 6 una lesione endodontica (granuloma). Cordiali saluti
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Piero Puppo
Imperia (IM)

Gentilissima signora , e' abbastanza significativo il fatto che il suo dolore duri da mesi , anzi da anni mi par di capire . Un dolore pulpitico per quanto forte e persistente non dura mesi e soprattutto non si irradia agli arti superiori , come invece lei riferisce . Sappia che esistono sindromi dolorose mio-fasciali assai dolorose ,che interessano il distretto cranio-facciale con sintomi corollari che possono talora simulare il dolore dentale , solo che purtroppo in questi casi ogni manovra terapeutica sui denti cui il dolore si riferisce, puo'non portare ad alcun risultato . Puo' continuare se crede con le terapie canalari, che a loro volta per essere efficaci debbono essere perfettamente eseguite e solo con l'uso del microscopio, ma e'molto probabile, a mio avviso, che non sara' la strada giusta. Un consiglio non si faccia estrarre sesti o settimi......se poi i sintomi dovessero persistere potrebbe essere un dato assai peggiorativo!!! Cordialmente
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott.ssa Biancamaria Castellucci
Firenze (FI)

Gentile Paziente, l'RX purtroppo non consente risposte precise, la sintomatologia è troppo seria, per quanto Lei descrive, per dare risposte basate sul "forse" o sul "probabile". Le consiglio di trovare un serio Odontoitra che possa con certezza e PAZIENZA accertare se realmente la sintomatologia ha provenienza odontoiatrica, e quindi comportarsi di conseguenza. Cordialità gustavo de felice sapri sa, gusfelix@libero.it

Scritto da Dott. Gustavo De Felice
Sapri (SA)

Sig.ra Eleonora , come dicono i miei colleghi , non si faccia togliere denti ma solo il dente del giudizio, la lastra non e' chiarissima quindi non sono in grado di giudicare le due terapie canalari gia' eseguite , è necessario essere certi che siano state ben fatte!Il 37 e' papabile alla devitalizzazione vista la vastita' della ricostruzione ma non si pu' devitalizzare questo o quel dente senza una diagnosi di certezza , voglio dire che spero non abbiano devitalizzato i 35 e 36 ad capocchiam....cercando di togliere il dolore per esclusione , questo si , questo no , ecc. Cerchi il dentista migliore!
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Giovanni Vecchio
Pomezia (RM)

Gentile signora la radiografia da lei allegata mostra in maniera inequivocabile la presenza di terapie endodontiche incongrue a carico del II premolare e del I molare di sinistra , inoltre si evidenzia una terapia conservativa a ridosso della camera pulpare del II molare sempre di sinistra. Naturalmente andrebbero effettuati dei test mediante una accurata visita; ma credo comunque opportuno consigliarle un ritrattamento endodontico degli elementi già trattati ( e' presente una lesione periapicale in corrispondenza della radice mesiale del primo molare inferiore di sx ), da valutare la terapia endodontica del secondo molare inferiore di sx e l'avulsione del III molare ( in disodontiasi ). In ultima analisi non sottovaluterei anche l'ipotesi diagnostica della collega che mi ha preceduto, alcuni dolori possono essere riferiti ai denti ma in realtà hanno un eziologia completamente diversa ( sindromi mio-fasciali ) in tal caso anche intervenendo sui denti ( che comunque vanno curati! ) non risolverebbe la sintomatologia dolorosa. Cordialità .
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Francesco Sforza
Carovigno (BR)