Domanda di Odontoiatria

Risposte pubblicate: 11

Quando è sconsigliato l'uso di collutorio a base di clorexedina?

Scritto da andrea / Pubblicato il
Quando è sconsigliato l'uso di collutorio a base di clorexedina?Possono prenderlo tutti?? A chi si può evitare di prescriverlo in parodontologia?? Grazie
Caro Andrea, la clorexidina è un farmaco che ha un notevole potere antisettico. Sfortunatamente presenta degli effetti collaterali assai fastidiosi che si possono presentare con l'uso prolungato come l'alterazione del gusto e la pigmentazione. Pertanto è obbligatorio che venga usato dietro prescrizione medica nei modi e tempi consigliati dallo specialista. Cordialmente

Scritto da Dott. Tersandro Savino
Tivoli (RM)
Consulente di Dentisti Italia

La clorexidina è il principio attivo di numerosi colluttori attualmente in commercio. E' un farmaco dalla spiccata attività contro la placca batterica. Sfortunatamente ha degli effetti collaterali poco simpatici, colora i denti con una pigmentazione scura alquanto sgradevole, e altera il gusto. Per questi motivi se ne consiglia l'uso quando vi sono fenomeni settici, o lo si usa prima di effettuare terapie odontoiatriche. L'efficacia della clorexidina è tale che se usato come medicinale di automedicazione può curare i sintomi di patologie parodontali, senza tuttavia allontanane la causa. Il paziente può così autoinfliggersi un danno perchè gli viene a mancare il campanello d'allarme che lo avverte che una patologia è in atto. Cordiali saluti.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Davide Colla
Seregno (MB)
Collaboratore di Dentisti Italia

Sig. Andrea, l'uso è sconsigliato in caso di spiccata allergia verso i componenti. È un farmaco di automedicazione acquistabile liberamente. In parodontologia può anche non essere utilizzato e sostituito con altri farmaci, non in tutti i trattamenti parodontali occorre un supporto farmacologico.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

Curettage e Scaling. Legga i miei aricoli si Curettage e Scaling Gengivite Le tasche parodontali...queste sconosciute.Dr. Gustavo Petti Cagliari
Caro Signor Andrea....La Clorexidina = clorexidina digluconato = è un antibatterico in forma di colluttorio o di Gel ed ha un alto potere battericida sui microbi gram positivi aerobi...ed anche su Pseudomonas e Proteus .... è poco attivo sui batteri gram negativi anaerobi...i più cattivi...(La Clorexidina è più attiva a Ph neutro o leggermente acido)........ batteri che quindi devono essere rimossi con igiene orale professionale in studio e curettage e Scaling....e quindi sulla formazione della placca batterica...IL PROBLEMA PRINCIPALE è legato nalla "pigmentazione" = colorazione reversibile di scuro dei denti....(basta una pulizia dei denti professionale in studio per eliminarla...benchè oggi ci siano prodotti con clorexidina a bassiossima capacità di macchiare i denti!!!...Dipende molto anche dall concentrazione..più alta come preparazione, accompagnamento e dopo intervento chirurgici parodontali e a .....INOLTRE.....Una ricerca del Dipartimento di Oncologia della National University Hospital di Copenhagen ha stabilito che la clorexidina previene la stomatite dei pazienti che sono sottoposti a chemioterapia oncologica!..................a dimostrazione della sua grande efficacia...il problema è che è UN FARMACO e come tutti i farmaci...va prescritto dal medico sia nella posologia quantitativa che qualitativa che temporale...ed il medico che la prescrive e che decide se può evitare di prenderla e in che misura è il PARODONTOLOGO!!!!........ La Clorexidina E' CONTROINDICATA nella ipersensibilità o intolleranza verso perossido di idrogeno (che si usa per esempio per sbiancare i denti e questo vale anche per lo SBIANCAMENTO = quindi attenzione!...., ioduri, tensioattivi..... Legga , cliccando sul mio nome ed entrando in Pubblicazioni ed Articolo, i miei articoli si Curettage e Scaling Gengivite Le tasche parodontali...queste sconosciute.... e tanto altro........................................................ Cordialmente Gustavo Petti, Parodontologia, Implantologia, Gnatologia e Riabilitazione Orale Completa in Casi Clinici Complessi ed Ortodonzia e Pedodonzia la figlia Claudia Petti, in Cagliari
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile paziente direi che la sua domanda è invertita, nel senso che dovrebbe meglio chiedere a chi è consigliato. Esso perquanto magari non venga considerato tale è un farmaco ed in realtà il suo uso non scevro da effetti collaterali indesiderabili, pigmentazione, perdita del gusto, andrebbe prescritto dal dentista. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Orazio Ischia
Lipari (ME)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile Andrea, le posso dire che un colluttorio a base di Clorexidina viene prescritto quando è necessaria una azione anisettica nel cavo orale. In particolare quindi dopo avulsioni dentali, interventi parodontali, posizionamenti di impianti... condizioni quindi ove la guarigione dei tessuti è "protetta" dall'azione della Clorexidina. Spesso si confonde l'uso del colluttorio con la quotidina igiene orale eseguita con spazzolino e dentifrico abusando del primo(il colluttorio) e arricchendo quindi le case farmaceuitiche senza che se ne abbia bisogno. E' sconsigliato quindi in caso di fenomeni allergici accertati e in tutti i casi che non rientrano negli esempi sopra citati. Cordialmente Dott. D. Cianci.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Dario Cianci
Milano (MI)

L'utilizzo di collutori a base di clorexidina e' riservato a trattamenti specifici quali possono essere disinfezione del cavo orale in caso di interventi chirurgici o per fenomeni infiammatori etc. E' quindi indicato prevalentemente per periodi limitati pena la colorazione reversibile (con pulizia professionale) dei denti e spesso anche della lingua. In commercio troviamo molti collutori che possono essere usati in caso di lievi problemi parodontali senza avere questo inconveniente della pigmentazione. Ziliotto dr.Mauro Arese Mi
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Mauro Ziliotto
Arese (MI)

Buonasera Andrea , il collutorio alla clorexidina è in commercio a diversi gradi di concentrazione del componente principale . Abitualmente ai miei pazienti ortodontici portatori di apparecchio fisso prescrivo uso quotidiano del collutorio allo 0,2% per i primi 10 gg, per poi passare alla concentrazione 0,12 nel periodo a seguire , che potrà diventare 0,05 se si rivelano abili nel curare l' igiene orale quotidiana . Non riscontro mai fenomeni indesiderati tenendo presente che prescrivo il Curasept, esente da effetti di pigmentazione dello smalto .Cordialmente
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott.ssa Biancamaria Castellucci
Firenze (FI)

I colluttori alla clorexidina(ne esistono diversi tipi a diverse concentrazioni), attuano un ottimo controllo chimico della placca batterica; sono pertanto consigliabili quando non è possibile la rimozione meccanica della stessa, ossia con l'uso dello spazzolino. L'impossibilità a spazzolarsi i denti si può avere in seguito a interventi chirurgici che interessano il cavo orale, come ad esempio una gengivectomia . La clorexidina trova anche indicazione quando si richiede un più attento controllo della placca, ad esempio dopo estrazione dentale previene la contaminazione dell'alveolo. Non va usata per più di 15 giorni consecutivi, perchè può provocare ipersensibilizzazione della mucosa orale e sempre determina pigmentazione degli elementi dentali; quest'ultima ,però, è facilmente eliminabile dal dentista con una semplice pulizia a ultrasuoni. Cordialmente.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott.ssa Anna Cervone
Marigliano (NA)

Gentile Andrea, la clorexidina è un farmaco molto efficace contro i batteri del cavo orale. Le sue indicazioni sono ben precise e va prescritto preferibilmente dal dentista piuttosto che da altri medici. Va utilizzato sotto controllo sanitario ed è opportuno evitare il "fai da te". Tale farmaco infatti può dare effetti collaterali, se utilizzato in modo non corretto come: alterazione del gusto, pigmentazione della lingua e dei denti, dolore della zona parotidea. Cordialità.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Michele Caruso
Treviso (TV)
Consulente di Dentisti Italia