Domanda di Odontoiatria

Risposte pubblicate: 7

Il Servizio Sanitario Nazionale in Odontoiatria

Scritto da michele / Pubblicato il
Avendo un consumo delle ossa dei denti e una retrazione gengivale e non avendo possibilità economiche per affrontare costi preventivati in circa 5000,00 6000,00 euro per sostituire 2 denti ho dovuto accettare in provvisorio uno splintaggio tra 4 denti sapendo che non può essere una soluzione efficace e duratura. Cosa fa chi si trova in questa situazione? il servizio sanitario come può aiutare chi vive con uno stipendio di 1250,00 al mese con un nucleo familiare composto da 4 persone? rinuncia a questi interventi costosi pur di tutelare il proprio nucleo familiare. grazie aspetto vostre risposte.
Gentile Michele, sicuramente una risposta più precisa potrà averla rivolgendosi alla ASL di appartenenza in quanto le cure erogate agli assistiti possono variare da regione a regione che comunque debbono fornire ai cittadini i cosiddetti LEA cioè i livelli essenziali di assistenza.Cordialmente

Scritto da Dott. Tersandro Savino
Tivoli (RM)
Consulente di Dentisti Italia

Parodontite grave riabilitata in moldo totale. Da casistica del Dr. Gustavo Petti e Dr.ssa Claudia Petti
Caro signor Michele.... quanta ragione ha ... purtroppo lo Stato non considera le malattie Odontoiatriche salvo eccezioni "malattie" e non le cura. In Ospedale vengono curate solo le patologie che riguardano la Chirurgia Maxillo-Facciale, nelle Università vengono curate in genere tutte le patologie ma sta prendendo sempre più piede il pagamento, magari più contenuto, ma dove tutto, dove parziale delle prestazioni, in particolari Parodontali e Protesiche non riconosciute dallo Stato.....rimangono i dentisti convenzionati e gli ambulatori della ASL in cui si hanno le prestazioni a regime convenzione tranne quelle Protesiche E chirurgiche Parodontali ... almeno così mi risulta...giustamente lei è deluso...ed ha ragione ad esserlo...non è degno di uno stato civile e democratico tutto questo...ma noi parliamo di STATO..e che la colpa è dello stato...ma dimentichiamo che lo stato siamo noi e che continuiamo a mandare a Governarci sempre le stesse persone che almeno in campo Sanitario " se ne fregano di questi problemi"...lo stato siamo noi, quindi la colpa è nostra ...anche sua...lo Stato possiamo solo cambiarlo noi...anche lei...democraticamente col voto....inutile lamentarsi se poi non sappiamo neanche "votare"!!! In ogni caso provi a rivolgersi a dentisti convenzionati e ad ambulatori ASL o ad Università .... per quanto mi riguarda se è disposto a venire a Cagliari e la sua situazione fosse gestibile con la chirurgia resettiva ossea e senza protesi ma solo con legature parodontali (lo splintaggio non serve a niente...(non è l'ideale ma può prolungare di moltissimi anni la salute della sua bocca, sono disposto a trattarla insieme con mia figlia a titolo gratuito e se fossero indispensabili innesti ossei ossia la chirurgia ossea ricostruttiva o meglio ancora quella rigenerativa, le farei a titolo personale dei costi accettabilissimi per il solo materiale usato...io più di così...immedesimandomi nei suoi problemi più che concreti ... non posso fare...è una cosa che faccio raramente ma ogni tanto a chi ne ha bisogno, lo faccio per semplice Carità Cristiana ed Umanità......vada nel mio sito personale e troverà i contatti e i telefono...ovviamente ora siamo in chiusura per le ferie ma a settembre riapriamo..se telefonasse invii prima una email a me per ricordarmi questa mia risposta e la sua domanda... stia bene e le auguro di riuscire a trovare il modo di curarsi senza sofferenze economiche ...ma si ricordi che lo stato siamo noi e solo noi possiamo cambiarlo!.......cordialmente suo Gustavo Petti Gnatologo e Parodontologo, Implantologo e Riabilitazione Orale Completa in Casi Clinici Complessi ed Ortodonzia e Pedodonzia la figlia Claudia Petti, in Cagliari
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

La risposta del dr.Petti è meravigliosa per spessore umano e bontà d'animo. Lo stato paga cure simili, in parte, solo in paesi come Svezia, Finlandia etc. In nessun paese europeo c'è la mutua se non per estrazioni e talora protesi mobili. Gli stati non ci riescono..

Scritto da Dott. Paolo Passaretti
Civitanova Marche (MC)
Consulente di Dentisti Italia

Purtroppo il Sistema Sanitario Nazionale in questo è carente o forse è meglio dire inadempiente.

Scritto da Dott. Cristoforo Del Deo
Teramo (TE)
Consulente di Dentisti Italia

Il servizio sanitario nazionale, come detto anche da altri colleghi, non fornisce copertura per molte delle pratiche e delle riabilitazioni odontoiatriche, con grande varietà delle prestazioni tra una regione e l'altra, ma i reparti universitari effettuano molte delle prestazioni parodontali di cui lei ha bisogno e spesso provvedono anche alle riabilitazioni protesiche, con una partecipazione dei costi. Si rivolga all'università più vicina a lei, prenoti una visita ambulatoriale e sia fiducioso, spesso l'umanità degli operatori compensa le lacune del sistema sanitario nazionale. E se proprio non trova nessuno disposto ad aiutarla, come già fatto dal dott. Petti, le do la mia disponibilità a curarla gratuitamente. Mi contatti attraverso il mio sito e citi questa mail
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Bruno Cirotti
Roma (RM)

Sig. Michele, lei non è un caso raro, questo dovrebbe farla riflettere e capire quanta importanza ha la prevenzione dentale, tutti i denti e il loro supporto nascono sani sta a noi saper mantenere il tutto. Forse per lei è tardi ma per i suoi figli sarà il regalo più bello, cioè avere una bocca sana per tutta la vita. Legga la pubblicazione"LA BOCCA" che trova in questo portale sicuramente sarà un buon inizio.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

Sig. Michele, lei ha ragione ma queste sue domande non dovrebbe rivolgerle a noi, bensì ai responsabili della gestione del S.S.N. e ai politici che amministrano la cosa pubblica. Noi non possiamo che essere d'accordo con lei nel constatare le inadempienze dei governi in tema di sanità ormai inveterate e, anche se queste carenze forse finiscono per favorirci come liberi professionisti, non possiamo non porci il problema, anche perchè i pazienti disposti ad affrontare riabilitazioni complesse e costose come quella di cui avrebbe bisogno lei sono sempre di meno.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Paolo Gaetani
Lecce (LE)