Domanda di Odontoiatria

Risposte pubblicate: 14

Lettura DENTALSCAN

Scritto da giuseppe / Pubblicato il
Salve, giorni fa ho eseguito una DENTASCAN con questo risultato: E' stato eseguito il DENTALSCAN dell'arcata mandibolare, con tecnica standard con scansioni sottili sul piano di 1 mm. di spessore  parallele al piano occlusale con ricostruzioni elettroniche secondo piani coronali ( panorex ) e sagittali ( parassali ). Le misurazioni sono possibili direttamente sui radiogrammi, Considerando il rapporto di ingrandimento 1:1. I forami mentonieri sono identificabili alle parassiali 25-26 E 52-53. Vorrei sapere di cosa si tratta. Vi ringrazio anticipatamente.
Caro Giuseppe, tranquillizzati, cio' che hai scritto non e' una diagnosi di una qualsivoglia patologia ma semplicemente delle indicazioni per la lettura della lastra. In sintesi sono stati effettuati dei "tagli" radiologici della mandibola espressi in mm in modo da mostrare al medico la tua mandibola in madiera tridimensionale e non bidimensionale come nella panoramica, dando pero' al chirurgo degli strumenti per la misurazione, che e' molto importante nell'implantologia; hanno specificato che le dimensioni del radiogramma sono fedeli: cioe' se un segmento osseo che vuoi misurare e' clinicamente in bocca 1 cm nel radiogramma sara' fedelmente 1 cm; infine hanno indicato la posizione dei forami mentonieri ( il punto di emergenza del nervo mandibolare) citando il numero del radiogramma per facilitarne la lettura. Se hai qualche altro dubbio resto a disposizone. Cordialmente. Dott. Francesco Sacco Medico Chirurgo Odontoiatra Specialista in Chirurgia Maxillo Facciale in SALERNO e AVELLINO www.chirurgomaxillofacciale.it
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Francesco Sacco
Salerno (SA)

Gent Paziente: Lei ha riportato dei termini tecnici per noi specialisti del settore, nulla di cui si debba preoccupare ovviamente. Probabilmente vuole sapere cosa sono i forami mentonieri che rappresentano la fuoriuscita del nervo alveolare inferiore bilateralmente a livello mandibolare e sono, nel suo dentanscan, evidenziabili nelle sezioni da Lei citate. quando si parla di rapporto 1:1 vuol dire che le dimensioni misurabili sull'esame corrispondono, se perfettamente eseguito, a quelle reali Cordiali Saluti Prof Finotti Marco
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Prof. Marco Finotti
Padova (PD)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile Giuseppe, quelle che lei ha letto sono i commenti "tecnici" che il radiologo allega agli esami strumentali. in pratica è un messaggio per noi operatori sanitari; ci indica le coordinate anatomiche di alcune formazioni nervose e ci spiega in che modo è stato eseguito l'esame radiologico al fine di poterlo correttamente interpretare. quindi nessun allarmismo...ma, ovviamente, è opportuno portare l'esame in visione dal suo odontoaitra. Saluti giancarlo persia www.giancarlopersia.it
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Giancarlo Persia
Roma (RM)

Gentile Sig. Giuseppe, come anticipatole anche da altri colleghi, questi dati si riferiscono all'esame DENTASCAN e non esprimono i risultati dello stesso in termini clinici diagnostici. Il collega che le ha richiesto questo esame lo utilizzerà per formulare una diagnosi ed un piano di trattamento idoneo alle sue specifiche esigenze. Sono a sua disposizione per ogni ulteriore chiarimento dott. Massimo Buda-Napoli. www.massimobuda.it - studio@massimobuda.it

Scritto da Dott. Massimo Buda
Napoli (NA)

Ciao Giuseppe. Come ha spiegato in maniera esaudiente il dott. Sacco, cio'che hai fatto altro non è che un indagine radiografica che, anzichè dare delle valutazioni BIDIMENSIONALI come una normale radiografia,ti da' informazioni tridimensionali. Questo perche' probabilmente devi fare dei lavori di IMPLANTOLOGIA o qualche interventino un pò piu indaginoso. La dentascan, infatti, ti da tre informazione sull'osso; quanto è alto, quanto è spesso e quanto è largo. I fori mentonieri di cui si parla, sono quei due punti neri che appaiono in maniera simmetrica sulla tua mandibola piu o meno sotto il Quarto dente e non sono altro che la fuoriuscita del nervo mandibolare verso il labbro. Insomma normale anatomia. Dott Giglio Andrea Roma www.studiodentisticogiglio.it
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Andrea Giglio
Roma (RM)

Caro sig. Giuseppe, d'abitudine il radiologo nel suo referto descrive tutto ciò che di patologico nota. Per tal motivo si è allarmato. Come i colleghi le hanno già spiegato, invece, nel suo caso il radiologo ha solo illustrato la metodica ed i parametri usati per l'indagine radiologica. Non ha descritto nulla, affidando l'interpretazione diagnostica allo specialista curante. Cordiali saluti. prof. Vito A. Tomasicchio

Scritto da Prof. Vito Antonio Tomasicchio
Bari (BA)

Tranquillo caro Giuseppe, non è altro che la descrizione della tecnica con cui è stata eseguito l'esame e la localizzazione sulla lastra della presenza dei forami mentonieri, cioè la zona della mandibola da dove fuoriesce il nervo alveolare inferiore, ciò è importante quando si devono fare interventi di implantologia. Distiti saluti Dr Gerardo Cafaro

Scritto da Dott. Gerardo Cafaro
Campagna (SA)

Sig. Giuseppe nulla di preoccupante sono dei fori anatomici dove emergono i fasci vascolo nervosi del mandibolare dx. e sin. Dott. Maurizio Serafini

Scritto da Dott. Maurizio Serafini
Chieti (CH)

Sig. Giuseppe, come già detto dagli altri dottori, sia sereno perchè quello che ci ha scritto,altro non è che un normale referto dell'esame che ha fatto, dove si descrive a che livello della sua mandibola fuoriescono i nervi alveolari. Saluti Dott. Cristoforo DelDeo

Scritto da Dott. Cristoforo Del Deo
Teramo (TE)
Consulente di Dentisti Italia

Gentilissimo Signor Giuseppe, quanto descritto nel referto dello studio T.C. Dentascan non sono altro che le caratteristiche e modalità di utilizzo. In genere la lettura delle immagini viene demandata allo specialista (Odontoiatra o Chirurgo Maxillo-Facciale). L’unica indicazione clinica è il riferimento alla posizione dei forami mentonieri (punto di uscita del nervo mandibolare) nelle immagini (parassiali ). Cordiali saluti

Scritto da Dott. Antonio Maria Miotti
UDINE (UD)