Domanda di Odontoiatria

Risposte pubblicate: 6

Seguito alla domanda: Mio figlio di 9 anni, dopo aver addentato un frutto, ha avuto la regressione della gengiva dell'incisivo inferiore

Scritto da giovanna / Pubblicato il

Sono la mamma del bambino di 9 anni e mezzo che ha scritto qualche giorno fa. Ringrazio vivamente per le risposte date e la velocità con la quale avete risposto, non lo immaginavo. Vi invio le radiografie che ho fatto insieme ad una foto degli incisivi e del frenulo. Vi preciso che uno dei medici interpellati e di cui vi ho già scritto, relativamente alla recessione si è espresso dicendo che per fattore genetico al bambino manca l’osso e quindi questa recessione potrebbe averla su tutti gli altri denti, per cui l’unica soluzione plausibile è innesto di osso. Il dente su cui c’è la recessione mi sembra così scollato che temo possa cadere. Inoltre vorrei chiedere conferma relativamente ad alcuni dubbi: 1) Che differenza c’è tra l’uso dell’apparecchio palatale fisso e quello mobile e quale dei due è più valido.? 2) Cosa indirizza un dentista verso l’uso di un tipo o dell’altro e la tempistica di utilizzo riferitami è corretta, un anno circa per quello fisso e 2 anni per quello mobile ( i dentisti che l’anno proposto sono diversi)? 3) L’osso dentale si rigenera spontaneamente al di sotto della gengiva, qualora dovessero fare al bambino una ricostruzione gengivale con una porzione di tessuto molle palatale, o comunque senza ricostruzione e procedendo con gli interventi di pulizia della placca, ortopedia e raddrizzamento dei denti che mi sono stati proposti? 4) Secondo voi il parodontologo va consultato subito o successivamente, in quanto non in tutti gli studi dentistici che ho visitato mi sembra che si avvalgono di tale figura.? I dubbi sono molti e sono insorti in quanto ho deciso, forse erroneamente, dopo i primi pareri alquanto discordi sul da farsi di rivolgermi a più studi dentistici. Vi ringrazio ancora per la disponibilità e per eventuali altre risposte che vorrete darmi.

 

Precedente: http://www.dentisti-italia.it/dentista_domande/odontoiatria/2457_mio-figlio-di-9-anni-dopo-aver-addentato-un-frutto.html

Cara Signora Giovanna...le radiografie e le foto non ci sono...quindi non posso rispondere che nel modo in cui ho già risposto.....per quanto riguarda il Parodontologo ...và interpellato per primo .... però "diffidi" delle "figure di Parodontologi che danno la loro collaborazione in studi altrui...vada da un Parodontologo che abbia uno studio suo di Parodontologia e ovviamente altra Odontoiatria ... le faccio un esempio...se lei clicca sul mio nome entra nella mia pagina di presentazione ...clicchi sul mio sito web wwwgustavopetti.it e viaggi tra curruculum vitae...pubblicazioni...interventi...troverà una documentazione "mostruosa"...lei pensa che io me ne andrei in giro a fare il parodontologo negli studi degli altri?...NO ovviamente...ecco perchjè si deve rivolgere ad un Parodontologo noto e conosciuto...con studio di proprietà!..........mandi le Rx e le foto........Cordialmente Gustavo Petti, Parodontologia, Implantologia, Gnatologia e Riabilitazione Orale Completa in Casi Clinici Complessi ed Ortodonzia e Pedodonzia la figlia Claudia Petti, in Cagliari (per inciso: tutto quello che legge lo facciamo io e mia figlia nel nostro studio oltre che a tutta l'Odontoiatria...non abbiamo figure che vengono dall'esterno!!!) Le ricordo quanto scritto: 1- La recessione gengivale in corrispondenza dell'incisivo non può essere "nata di colpo" addentando un frutto!... 2- Il frenulo corto ha indubbiamente un'importanza fondamentale ed anche senza vederlo mi sentirei di dirle che si deve procedere ad una sua frenulectomia con riposizionamento affinchè non eserciti più trazione nociva alla gengiva aderente..... 3- La placca batterica ha la sua importanza, ma non per i motivi che dice il dentista...ha importanza come fattore aggravante, infiammante...è un bimbo di 9 anni...non può avere tasche parodontali solo per questo motivo. In ogni caso il bimbo va inserito indubbiamente in un "discorso do igiene orale controllata"... 4- "per componente genetica gli manca l'osso per cui la gengiva non può poggiare ed è scesa"...possibile ma tanto raro da non doverlo prendere neanche in considerazione....e poi non è semplice...se fosse...ricostruire osso e sopra la gengiva.... in 34 anni di professione e di esercizio della Chirurgia Parodontale non mi è mai capitato in un bimbo...in ogni caso lo deve visitare un Parodontologo Specialista di chiara fama e notorietà!.... 5- L'ortodonzia per riposizionare il dente in arcata (causa principe insieme al frenulo, della recessione...è da fare sicuramente come l'Ortodonzia per il palato....ma qui aggiungo: l'Ortodonzia è una Scienza particolarmente complessa e si deve fare uno studio cefalometrico dei piani e degli angoli che "passano" per formazioni anatomiche precise dello scheletro e dei tessuti molli...che si studiano di regola con una radiografia latero laterale ...modelli di studio e tanto altro ancora...questo si chiama check up ortodontico che è il solo che permette di fare una corretta diagnosi ed impostare una altrettanto corretta terapia... In conclusione, porti il bimbo da un Parodontologo e da un Ortodontista che "collaborino"...Cordialmente Gustavo Petti, Parodontologia, Implantologia, Gnatologia e Riabilitazione Orale Completa in Casi Clinici Complessi ed Ortodonzia e Pedodonzia la figlia Claudia Petti, in Cagliari
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Sig. Giovanna, non vedo RX o foto. Tutti gli odontoiatri hanno studiato la parodontologia e molti la praticano con altre branche. L'apparecchio fisso non è rimovibile e le manovre d’igiene risultano complesse, permanendo in bocca 24 su 24 i tempi di guarigione sono più rapidi. Il mobile consente la rimozione da parte del paziente con il vantaggio di mantenere con facilità una corretta igiene, i tempi di guarigione possono essere superiori rispetto a un fisso. Non esiste un apparecchio più valido, esistono gli apparecchi dedicati al singolo caso. Difficilmente si rigenera l'osso dopo innesto di gengiva libera senza rimuovere le cause principali. Di norma un dente prima di cadere spontaneamente ha una fase di mobilità d parecchi giorni.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

A molte Sue domande hanno già dato risposta i colleghi. Dal punto di vista ortodontico le posso aggiungere che nel caso in cui sia indicata un'espansione del palato l'apparecchio mobile non è indicato poichè non è in grado di ottenere un'espansione scheletrica, ma forza solo sugli elementi dentari. In una situazione parodontale a rischio questo è sicuramente da evitare. Per ciò che riguarda il resto della pianificazione ortodontica questa può essere fatta solo dopo aver visto esami radiografici, aver sviluppato dei modelli della bocca di suo figlio accompagnati da opportune foto. Dal punto di vista parodontale senza visita è difficile dare indicazioni, ma come detto dal collega Petti, mi sembra difficile ipotizzare in un bambino di 9 anni l'assenza di osso tale da dover già richiedere un intervento chirurgico.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Dario Spinelli
Bari (BA)

Gentile Sig., per non essere prolisso in questa sede le consiglio di leggere il caso clinico sulle recessioni: Chirurgia muco-gengivale "recessione gengivale", lo trova tra i casi clinici in paradontologia nel sito: www.studiodentistico serafini.it ed avrà tutte le informazioni di cui ha bisogno. Cordiali Saluti

Scritto da Dott. Maurizio Serafini
Chieti (CH)

Espansore Rapido del Palato
Gentile signora, il tipo di apparecchio lo scelgo in base alle necessità del singolo caso... per quanto riguarda l'espansione scheletrica del palato utilizzo esclusivamente il fisso, se invece voglio ottenere una semplice espansione dentale o dentoalveolare posso anche utilizzare il mobile (che però dipende esclusivamente dalla collaborazione del bimbo. Cordialmente

Scritto da Dott. Gabriele Stirpe
Priverno (LT)

Gentilissima Sig.ra Giovanna, la causa delle recessioni sono molteplici, oltre a radiografie e a immagini di cui parla, è necessario come dai colleghi già ribadito, di una accuratissima visita specialistica che non avrà difficoltà a fare sul territorio di Bari, dove sono presenti diversi parodontologi. Distinti saluti, Deodato Dr. Enrico.

Scritto da Dott. Enrico Deodato
Bari (BA)
Consulente di Dentisti Italia