Domanda di Odontoiatria

Risposte pubblicate: 3

Dalle radiografie si possono vedere le cisti?

Scritto da gaia / Pubblicato il

Circa due anni fà sono andata in cura da dei dentisti, che hanno provveduto a farmi l'estrazione di due denti e devitalizzazione e messa di capsule in alcuni denti. Il IV e V dente superiore parte sx era decisamente malandato avevo anche un ascesso all'interno del palato hanno provveduto alla devitalizzazione e poi mi hanno fatto perno e capsula. A distanza di un anno mi è venuta una fistola sulla gengiva all'altezza di questi due denti mi hanno fatto il laser ma niente mi hanno operato aprendo la gengiva e pulendomi la parte, ma niente è fuoriuscita di nuovo, pochi giorni fa mi hanno tolto la radice nel v dente e nel IV una apicectomia c'erano due cisti. Mi hanno detto che dalle radiografie le cisti non si possono vedere e quindi loro non potevano sapere e mi hanno chiesto 490,00 per l'interveno, è giusto?'

 

Osteolisi periapicale..trattata con cura endodontica...immagine prima del trattamento, ovviamente
Cara Signora Gaia ... per osteolisi periapicali..espressione radiografica di cisti o granulomi o parodontite apicale acuta, il laser non serve a niente ... è sufficiente fare una buona terapia canalare (devitalizzazione) di un dente che è in necrosi ed espressione di tale necrosi è la osteolisi...quindi qualcosa non è andato bene nella terapia canalare...che è particolare:...o non è stata fatta una diagnosi corretta o non è stata impostata una terapia corretta...un dente in necrosi con granuloma si cura tranquillamente...anche il più ostico...le spiego come: ...i microbi stanno e vivono nella radice in necrosi come in una "provetta" trovando un terreno ideale...sono microbi cattivi...anaerobi e gram negativi...le loro tossine escono fuori dal dente e causano una zona di osteolisi ( quella macchia nera che vede in radiografia, che mi auguro sia stata fatta e sotto forma di RX endorale) per stimolazione degli osteoclasti che distruggono l'osso (per intenderci gli osteoblasti sintetizzano e formano osso...gli osteoclasti lo distruggono)...una volta curata e sterilizzata e sigillata in modo perfetto la radice...queste tossine scompaiono dall'osso...perchè non ci sono più i microbi a sostenerle da dentro la radice...e il granuloma ( o la cisti) si riassorbe da solo...a questo punto mi permetto di spiegare come procedo io in caso di terapia di un Granuloma con fistola (che può esserci o non esserci ) e dente naturalmente in necrosi: si deve procedere così, almeno io procedo così (altri procedono in una unica seduta): 1- Bisogna iniziare almeno tre giorni prima di intervenire una copertura antibiotica con un antibiotico potente, a largo spettro soprattutto su anaerobi gram neg. come il ceftriaxone bisodico in fiale intramuscolari da 1Gr. (una al di per tutto il trattamento e proseguire oltre di almeno 4/5 giorni. (ovviamente è solo un suggerimento ...non posso prescrivere antibiotici per vie web senza neanche averla vista e fatto una anamnesi accurata...lo farà il suo medico Dentista che la prenderà in cura)!!!!Faccia la prima seduta un lunedì...la seconda un Venerdì e la terza di chiusura dei canali il Lunedì successivo...in modo da assumere, partendo da tre giorni prima e terminando 4/5 giorni dopo, in tutto 14/15 Fiale da 1 Gr. (una al dì) 2- procedere alla rimozione delle vecchie terapie canalari se ci sono(fatta prima la diagnosi però!!!) e quindi alla strumentazione accurata con lavaggi (sotto diga ovviamente) di ipoclorito neutralizzato poi da acqua ossigenata e lavaggi soprattutto prima della chiusura provvisoria a fine seduta con prima Clorofenolocanforato, poi con lo stesso antibiotico lasciato dentro il canale. Si chiude poi il dente alla fine di ogni seduta con membrana semipermeabile per impedire la reinfezione dei denti coi microbi da fuori a dentro e nello stesso tempo per fare uscire il gas prodotto dai microbi sopravvissuti dentro che causerebbe pressione e quindi DOLORE!... E qui finisce la prima seduta! 3-Nella seconda seduta si rifinisce la strumentazione... si vede se c'è pus ( se c'è bisogna programmare altre sedute) si ripete tutto e si chiude sempre con membrana semipermeabile... 5-infine in terza seduta si chiude il dente... Il Dentista anche se per motivi logistici non avesse potuto iniziare subito una terapia del genere avrebbe dovuto fare almeno la prima seduta sotto diga per decomprimere il dente e disinfettarlo e chiuderlo con la famosa membrana semipermeabile affinchè non avesse DOLORE...!...Se poi non fosse possibile fare tutto questo per la presenza di una corona (capsula)...difficile perchè di regola si può forare la corona per procedere alla terapia e poi chiuderla con amalgama d'argento lucidata... o di impedimenti, tipo calcoli di dentina nella radice... si curano le radici per via retrograda ossia chirurgica...si scolpisce un lembo di accesso all'osso...si perfora...l'osso...a livello degli apici delle radici...e si curano le radici entrando in esse dall'apice...per via retrograda ...poi si sigilla l'apice agli apici con MTA o con Amalgama d'argento chirurgica priva di zinco...: Inoltre guarire un granuloma è importante per l’organismo intero perché mette a riparo dalle malattie focali a distanza di organi importanti che hanno il loro Fucus di partenza “in cavità dell’organismo comunicanti con l’esterno”, in questo caso la zona di osteolisi periapicale, granuloma o anche cisti che siano o parodontite acuta periapicale o tasche parodontali o altre infezioni presenti in bocca appunto in una cavità del corpo umano, comunicante con l’esterno... è assolutamente falso che le cisti non si vedano in una lastra = esse appaiono come una zona di radiotrasparenza = zona nera più o meno intensa, a margini netti, in contatto con l'apice se sono odontogene...senza relazione con un apice (e col dente vivo e vitale e non vivo e non vitale come nel precedente caso), se non odontogene...la terapia l'ho spiegata nel precedente suo post...a cui la rinvio...le lascio una immagine radiografica così vede la zona di osteolisi...(che poii sia dovuta a cisti o granuloma o parodontiti apicali...e altra questione..)...questo dente molto compromesso è stato ovviamente salvato con una semplice terapia endodontica ma fatta a regola d'arte e con mani esperte... . Cordialmente Gustavo Petti, Parodontologo in Cagliari, Riabilitazione Orale Completa in Casi Clinici Complessi
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Cara signora Gaia entrare nel merito di quel che dice è assolutamente ingiustificato da parte nostra, perchè l'evoluzione dei problemi da lei descritti può benissimo essere in accordo con quanto esguito dai colleghi, non ho ben capito cosa voglia dire che la cisti non è possibile vederla in radiografia, non mi risulta che un dentista possa dire questa cosa, dovrebbe al limite essersi spiegato male! Per quel che riguarda l'onorario mi pare che ci siano branche della medicina dove una visita, e non un intervento chirurgico, costa poco meno se non altrettanto e questo senza gli enormi costi che deve affrontare un dentista. Cordialmente Orazio Ischia
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Orazio Ischia
Lipari (ME)
Consulente di Dentisti Italia

Sig.ra Gaia, forse c'è stato qualche malinteso tra lei e il dentista, dovrebbe ricontattarlo e farsi spiegare meglio. A volte, nella mia pratica quotidiana, è mia consuetudine rilasciare una piccola relazione di dimissione corrispondente alla cartella clinica, proprio per evitare malintesi. La richiesta è legittima per le operazioni effettuate, a Bergamo per una visita privata di cardiochirurgia senza esami particolari richiedono €. 200.00, se valutiamo il numero di sedute, che lei si è sottoposta e le terapie di uno specialista con la relativa assistenza, la parcella richiesta è molto sotto a dei minimi di listino, sembra quasi una concorrenza sleale, è sicura che chi abbia operato sia un dottore?
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)