Domanda di Odontoiatria

Risposte pubblicate: 8

Dolore all'incisivo superiore sx già incapsulato e devitalizzato

Scritto da silvia / Pubblicato il
Salve, vorrei un vostro consulto. In seguito ad un forte dolore all'incisivo superiore sx già incapsulato e devitalizzato ho eseguito un'apicectomia. Il dolore persiste anche dopo aver ritrattato ulteriormente il canale. Il dentista dice che ci sarà una microfrattura alla radice troppo piccola da vedere con la radiografia, e mi consiglia di togliere il dente e fare così un impianto. Vi sembra una giusta soluzione? O devo consultare un altro dentista? Cosa potete consigliarmi? Vi ringrazio. Silvia
Cara Silvia.. le microfratture esistono, e sono molto difficili da diagnosticare. Se il collega la sospetta, potrebbe avere le sue ragioni per farlo. La forma della radiotrasparenza, spesso, da segnali, e anche un particolare andamento del sondaggio gengivale, può deporre per una microfrattura. Durante l' apicectomia, mi è successo giusto 15 gg fa, con gli ingranditori sono riuscito a vederne una con certezza, tale da dover interrompere l' intervento e cambiare la terapia. Una frattura verticale non può essere gestita, il dente in tal caso è da estrarre e sostituire con un impianto. Buona giornata!
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Alessio Bosco
Sanremo (IM)

Cara Signora Silvia...evidentemente l'apicectomia è stata eseguita senza avere fatto una corretta diagnosi...tra l'altro ... doveva avere una area di osteolisi periapicale, tipo cisti o granuloma se è stato deciso di fare un'apicectomia...ma in questi casi non si fa l'apicectomia, ma una retrograda, curando il canale dall'apice e chiudendo e sigillando l'apice stesso con particolari materiali chirurgici come l'MTA o l'amalgama d'argento chirurgica priva di zinco ... in ogni caso essendo stata vista dal chirurgo la parte apicale della radice... bastava estendere un po' l'accesso ad essa verso la sua superficie coronale e poi dal lembo di accesso che in questo caso sarebbe stato un lembo totale e non quello che si fa ad U di regola per una retrograda (o per chi ancora usa metodiche scomparse da oltre 30 anni, una apicectomia)...dicevo un lembo totale che avrebbe permesso di esplorare la radice praticamente non dico tutta...ma la maggior superficie possibile per ricercare questa microfrattura...poi altra considerazione...se il dente era devitalizzato ..una microfrattura...composta...non da sintomi così eclattanti...se li desse...sarebbe non micro ma macro e soprattutto scomposta anche se micro e quindi visibile se non ad una Rx endorale ad una TAC molto sofisticata per avere tagli Rx tanto vicini da evidenziare una microfrattura...che se composta può essere curata...quindi ci andrei molto cauto ...personalmente...nell'estrarre il dente ..molto cauto...e solo con una diagnosi certa e con la diagnosi che non si possa assolotamente recuperare il dente...cosa rarissima!!!...Cordialmente Gustavo Petti, Parodontologo in Cagliari, Riabilitazioni Orali Complete in Casi Clinici Complessi.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Cara Silvia devo purtroppo concordare con i colleghi. L'eventualità delle fratture verticali c'è ed è di difficile diagnosi. Solo la sua sintomatologia indirizza verso la ricerca di un tale evento. Si può tentare con una endorale con una inclinazione non perpendicolare al dente. Ma non c'è certezza. Comunque stia tranquilla, l'impianto da un ottimo risultato funzionale ed estetico. Può fare un impianto immediato e anche, se le condizioni lo permettono, un carico immediato. Auguri.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott.ssa Roberta Araceli
Viterbo (VT)

Signora Silvia, il dolore ed eventuale infezione deve essere risolta quanto prima. E' molto difficile dare un consiglio su ciò che si dovrebbe fare in quanto, oltre all'esame clinico, è necessario un esame radiografico. E' senza dubbio meglio salvare il dente, ma se non è possibile, stia tranquilla perchè con l'impianto risolve egregiamente il problema. Buon pomeriggio

Scritto da Dott. Giancarlo Dettori
Sassari (SS)

Se c'è una frattura purtroppo l'incisivo è da estrarre, la soluzione con un impianto postestrattivo immediato è la migliore, come le ha consigliato il suo curante.

Scritto da Dott. Cristoforo Del Deo
Teramo (TE)
Consulente di Dentisti Italia

Oltre alla frattura può essere un canale collaterale accessorio, difficile da trattare, che può rendere inefficace l'apicectomia anche se eseguita perfettamente. aldila' delle varie opinioni una frattura se soprattutto subdola ed insignificante può generare uno stimolo flogogeno non conclamato che da dolorabilita al dente per lungo tempo.Temo che l'estrazione sia da prendere in considerazione

Scritto da Dott. Alessandro Sanna
Lucca (LU)

Cara signora Silvia, aldilà delle chiacchiere qui ci sono due eventualità: o c'è un ulteriore canale valutabile unicamente da un collega munito di microscopio per terapia canalare o c'è una frattura verticale che nessuna rx evidenzia efficacemente. In quest'ultimo caso dovrà estrarre necessariamente il dente

Scritto da Dott.ssa Flaviana Provenza
Cervaro (FR)

Sig. Silvia, estremi mali, estremi rimedi. Senza visione di Rx, sembrerebbe che sia stato fatto tutto il possibile per conservare il suo dente, la proposta del suo dentista è valida. Nel caso che, dopo l'avulsione non ci fosse frattura, è possibile tentare un reimpianto, che potrebbe avere una durata di qualche anno.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)