Domanda di Odontoiatria

Risposte pubblicate: 8

Pasta mummificante su molare inferiore

Scritto da Fabrizio / Pubblicato il
Tempo fa un dentista mi aveva messo una pasta mummificante su un molare inferiore. Allora sono andato da un altro dentista il quale non ha poi devitalizzato il dente, ma me l’ha ricostruito e ora ci mangio tranquillamente sopra. Dopo 15 giorni mi ha fatto tornare e alla prova del freddo che mi ha fatto non ho sentito nulla. Mi ha detto che potrebbe essere perché la pasta mummificante applicata una sola volta può aver avuto successo sulla parte più alta della polpa anche se probabilmente la parte inferiore della polpa è ancora viva. Posso stare tranquillo? Non vorrei tenermi un dente ricostruito ma non incapsulato che fosse morto. In tal caso, non essendo arrivata la carie nella camera della pola, potrei poi incapsularlo senza effettuare la devitalizzazione completa? Inoltre non ci sono altre prove per capire lo stato di vita o di necrosi della pola dentaria? Grazie.
No, non può stare tranquillo. La pasta mummificante che le hanno messo è una pratica nefasta e aborrita da tutte le società scientifiche ed è probabile che abbia fatto morire il nervo nella parte superiore, come le è stato spiegato. Ma proprio per questa ragione la terapia canalare andava completata PRIMA di ricostruire il dente. Devitalizzare un dente significa NON far morire il nervo (de-vitalizzarlo, appunto), ma asportarlo completamente e chiudere lo spazio vuoto residuo con del materiale inerte. Successivamente si può ricostruire in dente e, se necessario, incapsularlo. Cordiali saluti dr. Sergio Formentelli Mondovì (CN)
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Sergio Formentelli
Mondovì (CN)
Collaboratore di Dentisti Italia

La terapia migliore sarebbe di procedere ad una corretta terapia endodontica (devitalizzazione)per non correre il rischio di avere anche a distanza di tempo conseguenze nefaste a carico del dente e dell'osso alveolare. Cordiali saluti.

Scritto da Prof. Vito Antonio Tomasicchio
Bari (BA)

L'unica terapia è quella di procedere ad una corretta terapia endodontica (devitalizzazione) per non correre il rischio di avere, a distanza di tempo, delle lesioni a carico del dente e dell'osso alveolare. Dopo aver effettuato la terapia endodontica, allora può effettuare la riabilitazione protesica, se necessario. Cordiali saluti.

Scritto da Prof. Giampiero La Torre
Roma (RM)

Egreggio sig. Rottai le consiglio di devitalizzare il dente al più presto , per poi ricostruirlo ed eventualmente incapsularlo. saluti dr Casella (TO)

Scritto da Dott. Franco Massimo Casella
Torino (TO)

Sig. Fabrizio, da quanto mi descrive le consiglio di far rivedere la situazione al suo odontoiatra, che probabilmente effettuerà una buona valutazione clinica e radiologica prima di procedere ad altre cure. Concordo con i colleghi che in caso di non vitalità, (necrosi) occorre un trattamento endodontico. Eventualmente può riscriverci e raccontarci l’evolversi della situazione fornendoci dati più precisi sui materiali utilizzati e sulle cure praticate. Dott Ruffoni Diego
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

sig. Fabrizio:anche io le consiglierei di fare rivedere il suo dente e con una rx valutare la corretta devitalizzazione, per poi incapsularlo possibilmente; a volte la "pasta devitalizzante" potrebbe danneggiare l'osso alveolare (intorno al dente...). Dr.Luca Bolzoni

Scritto da Dott. Luca Bolzoni
Milano (MI)

Per valutare la vitalità di un dente esistono varie prove: prova termica con sostanze calde o fredde, prova elettrica (con uno strumento a pile che da una delicata "scossa" progressivamente più intensa al dente sospetto) e prova cavitaria (cioè iniziare delicatamente, senza anestesia, ad "aprire" una cavità nel dente sospetto). Se tutte queste sono negative (cioè il dente non è sensibile) è indicata l'immediata terapia canalare, a prevenzione di probabili maggiori danni futuri.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Attilio Venerucci
Finale Ligure (SV)
Consulente di Dentisti Italia

Con un dente parzialmente devitalizzato non si può stare tranquilli, soprattutto se va incapsulato. Le conviene farsi fare un trattamento canalare completo, con rimozione di tutta la polpa, strumentazione e allargamento dei canali radicolari e la loro sigillatura. Solo così sarà tranquillo. Sapere se un dente in questa situazione ha una polpa vitale o necrotica non ha nessuna importanza, perchè va comunque rimossa. Saluti Dott. Roberto Robba Cagliari

Scritto da Dott. Roberto Robba
Cagliari (CA)