Domanda di Odontoiatria

Risposte pubblicate: 8

Due anni fa inizio ad accusare ovattamento e dolori orecchio sx

Scritto da Mauro / Pubblicato il
Scrivo per avere un parere su una complicata situazione. Due anni fa inizio ad accusare ovattamento e dolori orecchio sx, dolore in zona emiviso SX, senso di disequilibrio e qualche capogiro più importante. Dopo aver fatto emocromo e urine faccio anche esami tiroide, tutti negativi. Mi rivolgo allora ad un otorino che mi effettua esame audiometrico e impendeziometria che risultano perfetti. I sintomi proseguono e allora contatto un secondo otorino che mi fa vemps, stabilometria e nistagmografia con prove caloriche, anche queste tutte negative. Su suo suggerimento contatto gnatologo che dopo visita clinica e tac 3d dei condili mi diagnostica problema temporomandibolare con morso profondo e click e mi confeziona bite inferiore rigido da portare h24 tranne pasti. Dopo cinque mesi i sintomi migliorano ma non passano, soprattutto instabilità e sensazione di camminare sul morbido, più forte dopo automobile e ascensore. Effettuo anche visita neurologica e il dottore dopo molti test e prove( equilibrio occhi chiusi, riflessi, prove oculari, sensibilità etc) esclude categoricamente patologie. Da un po' mi si è aggiunto un dolore di tipo nevralgico in zona tempia fronte sx.Orecchio spesso ovattato. Grazie
Escluse patologie neurologiche otologiche, è da considererare una patologia occlusale per la quale le consiglio di rivolgersi ad uno specialista del caso che si chiama GNATOLOGO l'esperto della suddetta patologia le risolve il problema

Scritto da Dott. Luigi Malavasi
Castiglione delle Stiviere (MN)

Sig. Mauro di grave non c'è nulla, non ha brutte malattie, per cui stia tranquillo e si rassegni a conviverci con qualche fastidio, vedrà che se riesce a dimenticare tutto un bel giorno raggiungerà un equilibrio dove tutto andrà per il meglio.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

Gentile paziente, i sintomi che lei riferisce sono, molto probabilmente, da collegare a disturbi cranio mandibolari: di fatto testimoniano un disequilibrio tra la postura dentale, quella muscolare e articolare (ATM): è importante che un bravo gnatologo valuti quale delle tre componenti è più compromessa nel suo caso, in modo da sottoporla a terapia gnatologica mirata alla risoluzione del dolore. In un secondo momento quando i sintomi saranno scomparsi potrà anche valutare eventuali modifiche della posizione dentale per confermare gli equilibri raggiunti. Una buona terapia gnatologica prevede la risoluzioni in tempi relativamente brevi e l'utilizzo delle placche occlusali, di solito, è solo la notte fatta eccezione per le placche di riposizionamento che in ogni caso non vengono utilizzate per più di 2/3 mesi. nella speranza di esserle stata utile. Cordiali saluti
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott.ssa Orietta Pasdera
Vicenza (VI)

Dr. Gustavo Petti Parodontologo Gnatologo di Cagliari. Parte di Analisi Gnatologica con Arco Facciale di Trasferimento e Stabilometria Computerizzata. Come parte piccola di una Valutazione Gnatologica che non si può ridurre a quanto descritto.
Caro Signor Mauro, buongiorno. Ha descritto sintomi molto vaghi ed aspecifici. Riferisce di avere "disequilibrio e qualche capogiro più importante" ma non specifica se si tratta di Vertigini e se esse siano Soggettive od Oggettive! E' essenziale fare una diagnosi differenziale tra Vertigine Soggettiva e Vertigine Oggettiva (quella che lei chiama disequilibrio potrebbe essere una vertigine oppure potrebbe avere etiopatogeneso Gnatologiche o del Sistema Nervoso Centrale (cervelletto). Preciso che "soggettiva" è una vertigine in cui lei si sente ruotare ma l'ambiente circostante è fermo mentre invece oggettiva è esattamente il contrario, ossia Lei vede ruotare l'ambiente intorno a se stesso. Hanno due etiopatogenesi diverse. Le Oggettive sono spesso secondarie a patologie periferiche dell'orecchio medio ed interno in particolare del labirinto che è l'organo dell'equilibrio o dei patologie vertebrali cervicali o della postura e quindi anche gnatologiche e dell'apparato stomatognatico! Le soggettive invece hanno una etiopatogenesi più complessa neurologica centrale del sistema nervoso centrale cerebrale! Questo in linea di massima. E' necessario quindi visitarla per esprimersi in modo realistico ed a Lei utile. Bisogna valutare anche se avesse instabilità e bisogna capire cosa si intenda con questo termine. E' "sbandamento", "difficoltà all'orientamento" o "difficoltà a camminare seguendo una immaginaria linea dritta da percorrere coi piedi. Bisognerebbe fare una visita Neurologica, farle alzare le braccia iperestese in avanti, in posizione eretta ad occhi aperti e poi chiusi. La "Tecnologia informatica" ha raggiunto livelli impensabili solo pochi anni fa ma, ancora non può essere trasformata l'irrealtà Virtuale in Realtà Reale! Occorre quindi Visitarla anamnesticamente, semeilogicamente, clinicamnente, odontoiatricamente, Gnatologicamente, Ortodonticamente, Neurologicamente, Otorinolatingoiatramente! Come vede non è possibile rispondere a questa sua domanda "Specifica" se non con supposizioni che troverebbero il tempo che troverebbero e aprirebbero scenari di possibili patologie tra le più varie, come ho detto! Inoltre, E' troppo generica come Diagnosi, anzi in realtà non è una Diagnosi. Il suo Dentista le deve dare tutte le informazioni di cui ha bisogno e Diritto!A chi si deve rivolgere? Ad un Bravo Dentista che non si fermi all'apparato stomatognatico ma vada oltre e spazi nell'intero organismo Sistemico! Un bravo Dentista, in particolare Gnatologo e Parodontologo, che spazi su tutta la "Clinica"! Eventualmente che la invii se necessario anche da un Clinico Medico, ossia uno Specialista in Medicina Interna se Lui non potesse andare "oltre"! :) aggiungo solo che i fattori che determinano la Postura di una persona sia statica che dinamica e quindi anche nella corsa sono diversi: l'apparato Cocleare dell'Orecchio,(che determina la capacità di stare in equilibrio,ovviamente in relazione coi rispettivi centri cerebrali.Il sintomo è la vertigine e il senso di caduta. L'ACUFENE), gli occhi e il loro movimento e i rispettivi centri cerebrali, l'apparato stomatognatico in senso lato (Occlusione,ossia il modo di chiusura della bocca e dei rapporti statici e dinamici dei denti fra di loro e tra quelli dell'arcata opposta. le Articolazione Temporo Mandibolari e tutto il sistema neuro muscolare che "comanda" queste strutture).Oltre la Gnatologia di pertinenza del Dentista Gnatologo ma anche dell'Ortodonzista che deve fare il ceck up ortodontico e l'analisi cefalometrica per fare diagnosi corretta, ci sono sistemi sofisticati per lo studio della postura: La Chinesiologia, la Pedana Baropodometrica dinamica computerizzata (che studia il carico della pianta dei piedi statico e dinamico), il Posturometro per determinare se c'è una asimmetria tra le due metà del dorso.Le ho spiegato perchè,non entro nel merito delle terapie delle singole tre specialità,perchè senza averla visitata non è possibile,infine,ci sono terapie, di riabilitazione neuro muscolo-occlusale. Il trattamento delle disfunzioni masticatorie sia come concetto statico che soprattutto dinamico necessita un approccio diagnostico differente nelle varie patologie che ne possono essere causa! Il discorso è molto "sottile"che sfuma nella filosofia delle disfunzioni neuro muscolari , occlusali e della Articolazione Temporo Mandibolare e non lo si può spiegare in due parole, tra l'altro consigliandola su cosa sia meglio, senza averla visitata clinicamente, studiandone il caso, di persona. Le lascio un Poster su Bite, Arco Faccile, Esame stabilometrico computerizzato come parte piccolissima di una visita Clinica e strumentale Gnatologica. Cari saluti e si affidi ad un bravo Gnatologo, come già detto sopra! Cari saluti, vedrà che in mani buone, si risolverà tutto.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile Sig. Mauro, visto la complessità del suo caso le consiglio una nuova visita da un bravo gnatologo. Eventualmente potrebbe chiedere una visita presso l'università. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Massimo Tabasso
Savigliano (CN)
Consulente di Dentisti Italia

STA SCRITTO: "problema temporomandibolare con morso profondo e click e mi confeziona bite inferiore rigido". Non ci racconta cosa è successo al click. Si cerchi uno gnatologo vero, e paghi dopo che il click è scomparso. Le raccomando di pagare bene, ma sempre dopo. Buona fortuna!

Scritto da Dott. Sebastiano Carpinteri
Torino (TO)
Consulente di Dentisti Italia

Sicuramente si tratta di disordine temporomandibolare che necessita di un bite di una certa altezza.... i denti dietro dovrebbero essere assai più bassi di quelli anteriori e il bite dietro (se il click non passa) deve essere rialzato. Le vertigini sono legate ad un alterato "riflesso trigemino vestibolare" che dovrebbe normalizzarsi alzando il bite. Saluti

Scritto da Dott. Daniele Tonlorenzi
Carrara (MS)

Questo tipo di disturbi, i DCM disturbi cranio mandibolari dovuti a malocclusione abbinata a stress ed ansia, sono alle volte estremamente invalidanti. Interferiscono con la vita e le attività normali. Spesso i familiari, i medici di famiglia, i i dentisti non gnatologia etc sottovalutano queste situazioni perché non le conoscono. Non sanno quanto può essere brutto per quel paziente. Premesso che vale la pena di fare rmn atm per vedere quanto il deep abbia compromesso le atm, e che questi trattamenti sono alle volte molto difficili da risolvere, una placca funzionale a doppio byte anteriore le potrebbe dare un sollievo consistente
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Paolo Passaretti
Civitanova Marche (MC)
Consulente di Dentisti Italia