Domanda di Odontoiatria

Risposte pubblicate: 9

Ho iniziato ad avvertire sintomi riconducibili a quelli della bocca urente

Scritto da Natalia / Pubblicato il
Buongiorno e grazie, anticipatamente, a chi mi presterà la sua attenzione. Circa un mese fa mi sono sottoposta alla cura di una profonda carie a livello del primo molare sinistro dell'arcata superiore con successiva otturazione con composito.La carie era molto profonda e la pulizia si è estesa quasi fino al nervo. E'seguita detartrasi dopo una settimana.Il tutto è stato fatto senza ortopanoramica nè utilizzo di anestesia e antibiotici pre o post operazione. Si tratta della mia prima otturazione. A distanza di pochi giorni ho iniziato ad avvertire sintomi riconducibili a quelli della bocca urente ossia bruciore diffuso a lingua (soprattutto la punta), talvolta gengive superiori, palato e un fastidioso formicolio/prurito sotto alla lingua. Non ho dato molto peso alla cosa, in principio ho pensato di essermi scottata con una bevanda calda. A circa 10 gg dagli interventi sopra menzionati è comparsa un'orticaria diffusa al tronco e alla schiena con andamento altalenante. Ho atteso qualche giorno prima di iniziare a preoccuparmi e ci sono voluti altri giorni per collegare le due cose insieme. Impossibilitata a raggiungere il mio medico di famiglia ho chiamato il mio dentista chiedendogli se potesse trattarsi di una reazione allergica al materiale usato per l'otturazione,ma lui lo ha escluso soprattutto per la presenza dell'orticaria. Ho fatto anche presente che il dente trattato mi dava fastidio, di tanto in tanto. Qualche doloretto sopportabile e non troppo costante e mi è stato detto di sopportare perchè lo avvertirò per qualche mese. Passano i giorni e permangono bocca urente e orticaria, quindi si aggiunge anche un forte bruciore alla gola ed un po' di difficoltà nella deglutizione. nell'intento di valutare lo stato della mia gola noto le papille gustative poste in fondo alla lingua molto ingrossate. Preoccupata mi reco subito dal dentista che mi tranquillizza dicendo che nonostante io asserisca di avere bruciore in bocca lui non nota lesioni e che le papille davvero gonfie hanno ben altra dimensione. Mi reco,allora, lo stesso giorno dalla guardia medica per i miei problemi di orticaria. Mi prescrive bentelan da prendere in caso di estrema necessità, ispeziona il cavo orale e nota la gola infiammata e ipotizza una candidosi per via del colore della mia lingua. Mi consiglia di rivolgermi al mio medico. Cosi faccio l'indomani. Mi prescrive un ciclo di cortisone per l'orticaria ed un antibiotico per la gola infiammata con un paio di placche. Fino a quel giorno non ho avuto febbre. Oggi, con alle spalle due giorni di cortisone e antibiotico, l'orticaria è sparita, la bocca urente permane, le papille si sono parzialmente sgonfiate, il mal di gola alleviato, ma il dente continua a pulsarmi con maggiore frequenza e la sera,da un paio di gg, ho qualche decimo (asintomatico,senza brividi o altro) che scompare appena assumo la dose serale di cortisone. Il dentista continua ad escludere una correlazione fra gli interventi e l'attuale sintomatologia,ma io stavo perfettamente bene prima di sottopormi al tutto. Avevo anche fatto delle analisi del sangue di routine solo un mese prima ed erano perfette. Cosa potrei fare? Potrebbe esserci una correlazione? Grazie ancora.
Cara Signora Natalia, buongiorno. Cortisone con Febbre! ma non è che l'Orticaria al tronco sia invece un esantema? Le malattie esantematiche le ha avute tutte? Il Cortisone si somministra solo dopo Diagnosi certa! Intanto chiariamo la sua affermazione "ma io stavo perfettamente bene prima di sottopormi al tutto" e per farmi capire le dico che purtroppo ci sono persone che fanno la Visita Cardiologica con ECG e poi il giorno stesso o dopo pochi giorni muoiono per una Fibrillazione Ventricolare con arresto Cardiaco, solo come esempio, per dirle che certe patologie non si possono prevedere. Magari, per continuare con l'esempio, c'è chi va dal Medico di Base Generico per un qualsiasi motivo, per esempio delle emorroidi fastidiose. Viene prescritta una terapia protettiva della permeabilità capillare e un unguenti per lenire il dolore e la notte stessa si manifesta Febbre con dolori muscolari etc , insomma i sintomi dell'influenza che in pochi giorni evolve in broncopolmonite. Bene, vorrebbe trovare una correlazione tra in questi due esempi tra prima e dopo? Non potrebbe perché non esistono! Il caso! Solo un Caso! Con questo le voglio dire che tra terapia Odontoiatrica fatta e i sintomi da Lei descritti non ci sono correlazioni, almeno in senso lato e generico dato che non la vedo Clinicamente. Il molare superiore non ha rapporti col nervo linguale, fosse stato un inferiore il discorso sarebbe potuto essere diverso. Può esserci relazione invece tra i sintomi della Glossite in senso lato e l'Orticaria ed il mal di gola. Le consiglio di consultare un Medico Internista o un immunologo. Per la lingua, dato che è in bocca, il suo Dentista non si dovrebbe limitare a "concentrarsi" solo sulle terapie fatte ma dovrebbe sottoporla a una doppia Visita. Ossia, bisogna visitarla clinicamente con due visite intervallate da una preparazione iniziale con curettage e scaling e serie completa di Rx endorali, modelli di studio e tanto altro. Visite con sondaggio parodontale in sei punti di ogni dente di tutti i denti e tanto altro e seconda visita di rivalutazione con risondaggio delle tasche che ora indicheranno la reale profondità delle stesse perché è stato escisso il tessuto di granulazione presente! Si valutano anche le Recessioni Gengivali Presenti che, se sintomatiche e se raggiungessero la linea di giunzione mucogengivale che separa la Gengiva aderente dalla mucosa Alveolare, devono essere curate. Solo così si arriva ad una Diagnosi e ad una pianificazione terapeutica. Tramite la Visita Clinica e le Rx endorali, oltre a valutare visivamente il parodonto profondo, si valuta la eventuale sofferenza periradicolare o periapicale di tutti i denti. Legga nel mio profilo "Visita Parodontale" che poi non è altro che la Visita Odontoiatrica completa che mia Figlia Claudia ed io facciamo sempre per qualsiasi motivo fosse venuto da noi un paziente! :) Poi che si possa trattare di una sovrapposizione di patologie diverse ossia una della Lingua e l'alta l'Orticaria, tutto può essere. Ecco perché deve fare una Visita come si deve dal Dentista ed un'altra dallo Specialista Internista o immunologo. Occorre non solo il Dentista, che se fosse veramente bravo e la sua Specializzazione in Odontoiatria e Protesi Dentaria provenisse dalla Medicina e chirurgia, dovrebbe avere rare doti dio Clinico completo, occorre dicevo anche un Medico Specialista in Medicina Interna ed una stretta collaborazione tra Odontoiatra e Internista, se lo Specialista Dentista non fosse come quello descritto sopra! Il sospetto di mesenchimopatie deve essere tenuto ben presente ma le mesenchimopatie sono malattie abbastanza "ostiche" e non le si sospettano diagnosticamente, quasi mai! Così come altre patologie che non sto a descrivere perché non è il caso! Si metta in buone "mani"! Tra le tante patologie orali deve essere valutata c'è anche la sindrome della lingua urente che però potrebbe essere solo sovrapposta alla patologia di Glossite che ha perché non si manifesta come da lei descritto, però è "urente" ossia provoca il Bruciore che descrive! Anche La SINDROME DELLA BOCCA URENTE o Burning Mouth Syndrome, variazione della SINDROME della lingua urente detta anche burning tongue ( glosso pirosi, glossodinia), che è una patologia abbastanza frequente che richiede però un approccio multidisciplinare, Dentista, Dermatologo, Neurologo, Medico Internista etc e soprattutto Psichiatra perchè è riconosciuta essere spessissimo una patologia a partenza di Patologie Neuropsichiatriche, per fare diagnosi differenziali con patologie che hanno questa sintomatologia, per esempio, lingua a carta geografica, Eczemi, eritemi polimorfi, micosi, candida, Herpex, Lichen Ruber Planus, malattie dermatologiche come il Pemfigo, Diabete, anemie (la carenza di ferro può essere importante), mesenchimopatie, come già detto e per vedere se simili patologie le ha anche altrove, per esempio a livello Genito Urinario in particolare nel e sulla Vulva. una delle ipotesi più accreditate, escluse quelle stomatologiche che è compito del Dentista affrontare, ed escluse patologie internisti che o dermatologiche, è quella dopaminergica neurologica, si faccia visitare dagli specialisti citati. Infine perché mai parla di antibiotici!!! Non si prescrivono antibiotici per curare una carie! Dove lo avrebbe mai sentito o letto? Forse ha letto di terapie antibiotiche in terapie endodontiche in denti in necrosi e con ascesso o fistola. Internet è molto "pericolosa" se non si sa distinguere il vero dal falso e se non si riesce a comprendere quello che si legge.Solo il suo Dentista può risponderle. La invito pertanto a non prendere le mie "supposizioni diagnostiche su scritte, come il "Verbo" ma solo come indicazioni che potrebbero esserle utili per parlarne meglio e presentare meglio le sue patologie agli Specialisti citati. Chiaro? Non si studi ma lasci fare ai Medici ed al dentista. Spero di essere stato chiaro, preciso ed esaustivo. Cari saluti e stia tranquilla e felice estate :)
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

La sua condizione clinica è resa confusa da espressioni da autodiagnosi, se c'è un problema dermatologico lo specialista si chiama dermatologo, il dentista non può dirle più di tanto, le malattie dermatologiche hanno varie eziologie tra le quali non sono da escludere quelle psicologiche

Scritto da Dott. Luigi Malavasi
Castiglione delle Stiviere (MN)

Sig. Natalia, la sua confusione riesce a far pasticci anche tra i medici, i sintomi non sono sufficienti per concludere una diagnosi di sindrome della bocca urente. Controlli se l'odontoiatra che opera su di lei e iscritto all'ordine dei medici, se non lo trova iscritto ci riscriva che le troveremo la soluzione ai suoi problemi, se lo trova iscritto gli faccia leggere le nostre risposte e lo inviti a presentare il suo caso nel nostro forum, in modo che colleghi più esperti lo possano aiutare.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

NON c'è correlazione, e garantisco che è così. Ora ripenso a: "ma io stavo perfettamente bene prima di sottopormi al tutto", e mi viene in mente la saggezza del dubbio. Purtroppo io non so tutto quel che si deve sapere per la mia arte. Se io fossi nella sua condizione, a questo punto farei smontare l'otturazione in plastica, poi chiusura con un modesto cemento provvisorio, e starei in pace per un mese. Almeno un mese. Se qualcosa cambia, abbiamo premiato la saggezza del dubbio. Servono mani espertissime per non fare danni con la rimozione. Dopo si può fare una elegantissima otturazione ad intarsio in oro. Difficile e carissima. ma se perfetta è garantita cento anni. Non aggiungo altri commenti. Buona fortuna!
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Sebastiano Carpinteri
Torino (TO)
Consulente di Dentisti Italia

Aggiungere qualcosa a quanto le ha detto il dott. Petti, sarebbe solo aggiungere confusione e perplessità al suo atteggiamento. Credo di poter sottoscrivere totalmente quanto detto dall'illustre collega e di poterle chiedere solo una cosa: recentemente è stata vittima di un trauma emotivo o è in cura per una forma di depressione, magari trattata con ansiolitici dal suo medico di famiglia? se la risposta fosse negativa si rilegga quanto le ha detto il dott. Petti, se invece la risposta fosse positiva, si rivolga ad un centro di patologia orale, dove più specialisti potranno mirare la terapia indagando per bene cause ed effetti. Cordialmente
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Bruno Cirotti
Roma (RM)

Buongiorno, secondo me potrebbe anche trattarsi di un ascesso,se l'otturazione era era effettivamente molto profonda, però.... sulla lingua dovrebbe avere una canditosi,se la foto è sua. però si dovrebbe vedere dal vivo.

Scritto da Dott. Rocco Aventaggiato
Chieti (CH)

Se pensassi che il trattamento di una carie, supponiamo anche mal gestita, cose che dubito, e, visto che lei da esperta parla di rx anestesia antibiotici pre e post trattamento papille gustative molto ingrossate bocca urente, orticaria come se fosse un medico edotto in materia, a parte questo se mi capitasse che una carie crei tali problemi smetterei di fare il dentista, a lei serve uno specialista del settore, ed un po di tranquillità, penso che il dente trattato ha coinciso con altre manifestazioni esantematiche
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Alessandro Sanna
Lucca (LU)

Gentile Sig.ra Natalia, non vedo correlazioni tra il dente otturato e i sintomi da lei descritti. Che gli esami del sangue un mese prima erano perfetti non vuole dire nulla, in un mese possono capitare molte cose. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Massimo Tabasso
Savigliano (CN)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile signora, sembra l'inizio di una reazione anafilattica di una certa serieta', anche se le manovre eseguite sembra siano indipendenti, dal momento che non ha assunto farmaci di un qualche tipo. E' probabile che il dente otturato debba essere devitalizzato; e' piu' probabile la necrosi che la guarigione. Ora pero' reperire i canali puo' essere difficoltoso. I sintomi riportati possono essere anche quelli di una infezione..Le consiglio un emocromo completo con formula e parametri epatici, con Hbs antigene e per l'epatite C. Auguri
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott.ssa Maria Grazia Di Palermo
Carini (PA)
Consulente di Dentisti Italia