Domanda di Odontoiatria

Risposte pubblicate: 3

Seguito domanda: 25 anni ho ancora un dente deciduo, che ha cominciato a darmi fastidio e farmi male

Scritto da sara / Pubblicato il

Ringrazio molto per la tempestiva risposta. Quello che non capisco però è come possa continuare a far male un dente di latte che è stato otturato tranquillamente senza raggiungere il nervo (anche senza anestesia). Non dovrebbe smettere il dolore dopo l'otturazione? Ringraziando anticipatamente. Sara

 

Precedenti:

 http://www.dentisti-italia.it/dentista_domande/odontoiatria/1006_a-25-anni-ho-ancora-un-dente-deciduo-che-ha-cominc.html

Cara Signora Sara... l'otturazione di un dente...sia esso permanente che di latte...(deciduo)... è la ricostruzione di ciò che la carie ha distrutto nel dente! Se la carie era molto vicina alla camera pulpare (la polpa è l'insieme del nervo, arteria, vena e linfatico che sta nel dente ed entra in esso dall'apice della radice)... la polpa (il cosiddetto nervo)...può soffrirne per tanti motivi di cui il Dentista non ha colpa! Può soffrire perchè la vicinanza dell'otturazione che è un mteriale estraneo...non è sopportata..o trasmette gli stimoli termici e chimici per cui la polpa ne soffre oppure sono rimasti imprigionati nei tubuli della dentina dei microbi che mandano le loro tossine nella polpa infiammandola...cosa succede che il dente si difende richiamando nel dente le cellule difensive come macrofagi ...granulociti etc ...che vengono portati nel dente da un maggior afflusso di sangue con l'arteria che entra nel dente...succede che nella camera pulpare che è un ambiente rigido e chiuso...aumenta così la pressione del sangue che comprime le terminazioni nervose presenti che scatenano il dolore! Se la patologia è lieve...il sangue poi esce dal dente con la vena...si decomprime ed il dolore passa (si parla di iperemia attiva reversibile)...se il danno invece è grave...la vena si distrugge...il sangue non esce più ed esplode il classico mal di denti violento...pulsante che dura ore...e che ha un dolore spontaneo e non provocato come nel primo caso! Ecco perchè ho detto prima che una accurata visita clinica porta alla diagnosi e quindi alla terapia...che è curare la polpa...in parole povere..se è il cao...quindi tranquilla...che in un modo o nell'altro si risolve (o spontaneamente o con la terapia a seconda dei due casi! Cordialmente sperando di averle fatto cosa utile...
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Sig. Sara, le probabilità, che le ho inserito nella risposta precedente aumentano, trattato senza anestesia e senza dolore, sono condizioni che difficilmente si presentano in un dente vitale. Segua il consiglio di far rivedere il tutto al suo odontoiatra.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

Non è una buona cosa a mio avviso (sia pure in linea di principio, perchè bisogna davvero qui vedere caso per caso..) accanirsi a curare o devitalizzare un dente da latte a 25 anni. Io lavoro al 70% curando i denti da latte, ma non a .. 25 anni!!! Bisogna invece considerare che la vita di un deciduo è sicuramente a termine, cioè illimitato nel tempo, e che se ha resistito fino a 25 anni, ha già fatto abbondantemente il suo lavoro, ed ora è arrivato il momento di decidere del destino futuro..
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Paolo Passaretti
Civitanova Marche (MC)
Consulente di Dentisti Italia