Domanda di Morso inverso

Risposte pubblicate: 7

Si può risolvere solo con un'operazione chirurgica più apparecchio, o solo apparecchio?

Scritto da Letizia / Pubblicato il
Salve. Dai 13 ai 16 anni ho portato un apparecchio mobile per correggere il morso inverso. É stato un trattamento andato per metà bene. Il medico non mi ha seguita bene dopo aver tolto l'apparecchio, i due denti incisivi superiori comunque evidenziavano dello spazio, così come quelli inferiori e comunque non mi sentivo un "morso" perfetto. Dopo un po' l'incisivo laterale sinistro ha iniziato ad indietreggiare ed è completamente dentro, mentre l'incisivo centrale ( sempre sinistro) poggia su quello inferiore non permettendo agli altri denti di chiudere, ed è per questo che, per chiudere il morso, sporgo la mandibola un po' più avanti. Un odontoiatra, un po' di anni fa, mi ha catalogata come caso borderline. Mi aveva proposto un apparecchio fisso, spiegandomi che comunque più di tanto non avrei risolto. Adesso ho 28 anni e vorrei correggere questa situazione sia per un fattore estetico, sia per dare una corretta chiusura, ben sapendo dei limiti di età essendo casi che vanno curati da piccoli. Secondo voi è una questione che si risolve solo con un'operazione chirurgica più apparecchio, o solo apparecchio ( possibilmente invisibile) va bene. Ma soprattutto, la risolvo? Saluti Letizia P.S. Come foto per avere una risposta da Voi più precisa sulla mia situazione, va bene postarVi una normale foto o serve una panoramica dentale?
Sig. Letizia, le foto e l'OPT postate in internet le creeranno solo confusione occorre una visita clinica dove troverà le corrette risposte.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

Cara Signora Letizia, la terapia ortopedica di avanzamento del mascellare è molto più efficace prima che avvenga la "saldatura" delle suture ossee pterigo-mascellari processo che avviene intorno ai 7 anni circa e anche prima,quindi un progenismo va corretto di regola prima dei 5 anni, con vari apparecchi tra cui la maschera di Delaire con cui si ottiene un avanzamento del mascellare superiore con trazioni elastiche posizionate tra un arco intraorale ed una apparecchiatura extraorale o con le SIM (Elastici interni tra arcate dentarie), quindi sarebbe stato meglio che lei, fosse stata portata dall'Ortodontista intorno ai tre anni e poi avrebbe deciso l'Ortodontista con Visite periodiche, quando intervenire,. in ogni caso intorno o prima dei 5 anni di età! Altro apparecchio Ortodontico efficace è la PCF, acronimo di Placca Funzionale di Cervera Bracco è forse in assoluto la migliore esistente anche perché è stata studiata, derivandola da quella di Cervera, da una delle più prestigiose Scuole di Ortodonzia che è quella del Professor Bracco dell'Università di Torino. Però sempre coi limiti di inizio terapia ideale, prima dei 5 anni. In ogni caso senta e faccia quello che le dice il suo Ortodontista che conosce la Clinica e ha valutato Cefalometricamente il suo caso! A volte, per gli adulti, anzichè ricorrere alla Chirurgia Ortopedica di riposizionamento dei mascellari, ci si accontenta di "spostare" solo i denti e non lo scheletro, inclinandoli ma è un compromesso che personalmente non trovo corretto. La terapia dovrebbe essere la chirurgia e poi il riposizionamento ortodontico-gnatologico! Tutto questo solo in linea di massima e come informazione Culturale perchè non è possibile rispondere alla sua domanda. Vede cara Signora, la Diagnosi Ortodontica è un atto Medico molto serio ed importante e scaturisce solo da un Ceck up Ortodontico completo e da una analisi Cefalometrica che misura delle semirette che individuano dei piani e degli angoli in base a cui si fa una diagnosi e si prospetta una terapia ortodontica e che è compreso in più visite, rilievi di dati e soprattutto uno studio a "tavolino" dei problemi da correggere; è come una progettazione matematica di una espressione, di un problema che la cui soluzione è in una sequenza di espressioni , numeri e dati e, chiedere quello che chiede lei per l'ortodonzia, sarebbe come chiedere ad un matematico il risultato di un problema senza fargli fare tutti i "passaggi" che lo possano portare alla soluzione richiesta. Vede, siamo entrati in concetti complessi! Poi Modelli di Studio Ortodontici, Fotografie del profilo e di Fronte in rapporto 1:1 e ovviamente una Visita Clinica Gnatologica a completamento di quella Ortodontica già descritta!fare una Diagnosi e programmare una Terapia,bisognerebbe vederla Clinicamente, questo lunghissimo discorso che spero non l’abbia tediato, è per spiegarle e farle capire che le patologie dell’apparato stomatognatico (La bocca nel suo intero) sono complesse e richiedono Cultura, Intelligenza e Capacità Clinica oltre che Terapeutica!bisogna valutare il "discorso miofunzionale e di postura della lingua" e sappia che le valutazioni da fare sono molto più complesse di quanto creda. Oggi esistono esami elettromiografici di superficie per l'analisi funzionale e non solo morfologica che misurano le attività elettromiografiche in occlusione centrica con contrazione di gruppi muscolari specifici in particolari e diverse situazioni contrattili e registrando degli indici ben precisi. Ora esistono anche teleradiografie particolari che permettono di sovrapporre lo scheletro e il profilo fotografico per meglio fare queste valutazioni (stereofotografia che sincronizza il viso del paziente con il volume osseo, quindi, volumetrica). Banalmente forse, per lei, le dico : "Senza tutto questo che le ho spiegato, non posso rispondere, in modo professionale, deontologico e corretto"!Cordialmente
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Le foto fatte bene possono permetterci di fare una buona diagnosi come la visita clinica

Scritto da Dott. Edmondo Spagnoli
Lecco (LC)
Consulente di Dentisti Italia

Cara Letizia, per poterle dare delle indicazioni corrette ci sarebbe bisogno di una visita accurata e di tutti gli esami clinici e radiografici indispensabili in un caso come il suo. La scelta su un'opzione esclusivamente ortodontica vs quella ortodontico-chirurgica viene fatta considerando la situazione iniziale e gli obiettivi estetici e funzionali che si decide, in accordo con il paziente, di raggiungere. Le consiglio di farsi visitare da uno specialista in Ortognatodonzia che non avrà difficoltà a trovare nella sua zona. Cari saluti
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Roberto Del Rosso
Terni (TR)

Gentile sig.ra Letizia, vedere delle foto sarebbe sicuramente molto utile per darle ulteriori suggerimenti sulla terapia, mi occupo da 10 anni dell'ortodonzia invisibile è proprio sui morsi inversi si ottengono dei risultati ottimi. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Stefano Salaris
Roma (RM)

Gentile sig.ra Letizia, l'età non è più un limite per posizionare un apparecchio ortodontico, anzi, alcune terapie funzionano meglio in età adulta poiché , se il paziente è molto motivato, si possono ottenere ottimi risultati in un lasso di tempo più breve. Detto questo, ovviamente, va fatta una DIAGNOSI ORTODONTICA della sua situazione, con radiografie e studio dei modelli della sua bocca non basta vedere delle foto, dalle quali però si potrebbe ottenere un "orientamento" terapeutico. Gli apparecchi invisibili funzionano molto bene su pazienti molto motivati e collaboranti ed i risultati sono ottimi. Per qualsiasi dubbio ulteriore non esiti a contattarmi
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Maurizio Sicilia
Napoli (NA)

Gentile Sig.ra Letizia, per dare una risposta al suo quesito bisogna fare una visita ortodontica scrupolosa. Le sole foto possono aiutare, ma non permettono una diagnosi certa. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Massimo Tabasso
Savigliano (CN)
Consulente di Dentisti Italia