Domanda di Morso inverso

Risposte pubblicate: 8

Ho un bimbo di 13 anni con il problema del morso inverso da diversi anni

Scritto da Cristiana / Pubblicato il
Buonasera Dottori, ho un bimbo di 13 anni con il problema del morso inverso da diversi anni, circa 5 anni fa' il suo dentista (pediatrico) gli ha fatto usare un'apparecchio chiamato Frankel, ma il bambino spesso rifiutava di usarlo tanto che nn sono avvenuti dei cambiamenti decisivi al problema. Ora a distanza di parecchi anni mi viene proposto un'altro apparecchio del quale non conosco il nome ma che vi descrivero' cosi': si fissera' sull'arcata superiore un apparecchio, questo attraverso un'archetto metallico esterno che farà leva sul mento e sulla fronte, avrà degli elastici che saranno agganciati all'apparecchio con lo scopo di far aprire il palato correttamente. Ora per via dell'eta' del mio bambino non mi garantiscono dei risultati. Questo tentativo ovviamente avra' un costo, percio' chiedo a voi se dalla vostra esperienza consigliate o no l'ennesimo tentativo? Grazie Cristiana
Salve Cristina. E' davvero molto difficile rispondere a questa domanda. Credo sia il caso di rivolgersi ad un altro specialista per confrontare la terapia prospettata dal curante precedente. il dottor Petti potrebbe darle un consiglio in merito. Ci tengo a sottolineare che, un trattamento non garantito e prognosticamente incerto, non è sempre sinonimo di incertezza diagnostica. cordilmente.

Scritto da Dott. Gianluigi Renda
Castrovillari (CS)

Cara Signora Cristina, l'apparecchio regolatore di funzione Frankel, come dice la parole stessa dovrebbe servire per attivare per via funzionale i muscoli facciali in particolare i masticatori e favorire la respirazione etc. Parlo al condizionale perchè deve sapere che le disgnazie di terza classe scheletrica, terapia ortopedica di avanzamento del mascellare è molto più efficace prima che avvenga la "saldatura" delle suture ossee pterigo-mascellari processo che avviene intorno ai 7 anni circa e anche prima,quindi un progenismo va corretto di regola prima dei 5 anni con vari apparecchi tra cui la maschera di Delaire con cui si ottiene un avanzamento del mascellare superiore con trazioni elastiche posizionate tra un arco intraorale ed una apparecchiatura extraorale o con le SIM (Elastici interni tra arcate dentarie),ma stiamo "filosofeggiando",sul cosa si sarebbe dovuto fare, ormai la terapia dovrebbe essere solo chirurgica . Certo si può valutare se si può ancora fare qualcosa ma non si può dire niente senza aver fatto un esame cefalometrico co,pleto e dei ceck up ortodontici completi. In ogni caso se una disgnazia non creasse patologia, non sarebbe detto che si dovesse intervenire per forza. L'estetica e come suo figlio vive la disgnazia sono fondamentali in assenza di patologia per orientarsi! Si affidi al suo Ortodontista e ne parli apertamente con lui o con lei. Si faccia spiegare bene tutto! Poi decida! Le faccio un "Grande in bocca al Lupo". Cordialmente Gustavo Petti, Parodontologia, Implantologia, Gnatologia e Riabilitazione Orale Completa in Casi Clinici Complessi ed Ortodonzia e Pedodonzia la figlia Claudia Petti, in Cagliari
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile signora, non ho mai amato i frankel per tanti motivi, e non ultimo la sua scomodità, comunque, come le avrà detto il collega che lo ha in cura, le terze classi sono predeterminate geneticamente e se una mandibola decide di crescere, c'è poco da fare, a volte intervieni nei tempi e nei modi corretti, sistemi perfettamente il caso, poi ti ritorna a 18 anni di nuovo con il morso inverso, quindi questo è un rischio che si corre sempre, detto questo la possibile efficacia della maschera di delaire, è legata alla quantità di pattern di crescita del paziente, in genere a 13 anni è pressochè esaurito, per quel che ci interessa, però dal fatto che lei lo chiama ancora il " mio bambino"mi fa presupporre che non si ancora molto cresciuto, quindi la cosa migliore da fare, agendo velocemente, è una rx della mano e del polso che serve per stabilire l' età scheletrica del ragazzo, e così verificare se c' è un margine di crescita, ma dipende anche dall' entità del morso inverso, cioè se è minimo, vale comunque la pena tentare, cosi dopo più o meno 6 mesi di trazione, si può montare l' apparecchio fisso per raggiungere una prima classe dentale. p.s. per fare la chirurgia c'è sempre tempo.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gianluca Pucci
Roma (RM)

Signora Cristiana, quella che lei descrive sembrerebbe una maschera di Delaire, utile nei casi di terza classe x esercitare una trazione anteriore del mascellare superiore, non è possibile dare una risposta senza vedere il paziente e una rx, la teleradiografia in laterolaterale, per valutare l'entità della terza classe, resto a sua disposizione per una eventuale visita. Cordiali saluti Cristina Cortis

Scritto da Prof. Cristina Cortis
Cagliari (CA)

Sig. Cristina, non posso dirle se la cura è corretta senza la minima conoscenza del caso, ma le consiglio di non perdere altro tempo, perché la fase di fine crescita sta arrivando.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

Fermo restando che per valutare ci vuole una diagnosi cefalometrica che ci svela la struttura ossea, gli apparecchi proposti in passato ed ora sono a mio avviso molto validi, ma il ragazzo deve collaborare, sennò non si risolve nulla. Lui ha portato poco il primo apparecchio. Questo proposto ora è pure un apparecchio mobile (anche se agganciato sul fisso) e quindi se non lo porta non funziona! A parte tutto ciò, come al solito c'è da verificare la funzione: se sono presenti respirazione orale e-o deglutizione infantile (postura errata della lingua) e frenulo corto etc, gli apparecchi hanno grandi difficoltà a lavorare e c'è recidiva con facilità. Bisogna occuparsi e correggere a fondo questi cause di malocclusione.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Paolo Passaretti
Civitanova Marche (MC)
Consulente di Dentisti Italia

Buongiorno signora, dalla sua descrizione suppongo che suo figlio abbia un progenismo mandibolare. Data l'età l'uso della maschera di Delaire, che mi sembra sia lo strumento propostole, raramente è efficace. Personalmente non la amo perché è molto vicina ad uno strumento di tortura e a mia figlia non la metterei. Se il problema è scheletrico l'unica soluzione è quella di eseguire un trattamento ortodontico-chirurgico. Se il problema è dentale si può provare con la terapia ortodontica, è in ogni caso impossibile dirle quale sia la diagnosi e quindi la terapia senza visitare suo figlio. Cordialmente
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Alvise Cappello
Padova (PD)

L'apparecchio che propongono ora è la maschera di Delaire. Questo lo si mette dopo aver fatto gli opportuni esami, è molto efficace quando c'è ancora crescita. Quindi avrà effetto se suo figlio è un maschio ed ha ancora crescita, poco effetto se è una femmina a fine crescita. Con l'esame del polso si potrà anche verificare le possibilità di crescita che ci sono ancora. Però ad ogni maniera bisogna affrettarsi e fatti gli opportuni accertamenti agire. Oppure accettare la terza classe come fatalità, non brutta nei maschi, oppure aspettare la fine crescita completa e farsi operare.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Edmondo Spagnoli
Lecco (LC)
Consulente di Dentisti Italia