Domanda di Morso inverso

Risposte pubblicate: 9

A gennaio 2015 ho cominciato il mio calvario per correggere un morso inverso.

Scritto da Shanti / Pubblicato il
Salve, io ho 29 anni e a gennaio 2015 ho cominciato il mio calvario per correggere un morso inverso. La parte sopra a sx e' piu stretta di quella sottostante. L'ortodonsista mi ha messo il quad helix ma dopo 3/4 mesi uno dei denti su cui e' attaccata la banda ha cominciato a muoversi e mi faceva male durante la masticazione. Me lo tolgono, dopo un mese il dente e' migliorato e l'hanno rimontato. Dopo qualche mese succede di nuovo e l'hanno dovuto togliere un'altra volta. Ora dopo averlo rimesso due un mese fa mi fanno male entrambe i denti che tengono le bande. Ho chiesto se c'e' un'altra via o un'altro tipo di apparecchio ma mi e' stato risposto di no. E' vero che non ce ne sono o il mio ortodonsista non le conosce? Il morso inverso mi da gravi problemi alla schiena e forti mal di testa. E un'altra cosa, ultimamente ho anche le vertigini e sforzo gli occhi piu del solito, e' possibile che sia per l'apparecchio? Grazie
Parte di Analisi Gnatologiche. Stabilometria computerizzata. Arco Facciale di Trasferimento.Vari tipi di Bite. Da Dr. Gustavo Petti Parodontologo Gnatologo di Cagliari
Cara Signora Shanti, buongiorno. L'apparecchio quad-helix serve di regola per ottenere una espansione dell'arcata dentale superiore (sempre che debba essere solo moderata e non eccessiva) e se servisse, ottenere anche una derotazione dei molari che fossero ruotati. L'apparecchio ortodontico quad helix ha quattro eliche attive collegate ai molari con bande. Tutto il sistema se non posizionato alla perfezione può determinare lesioni in particolare alla lingua. E' possibile che ci siano precontatti così accentuati tra banda superiore e antagonista inferiore. Sia perché crea disagio e fastidio doloroso a Lei, sia soprattutto perché tra le due arcate non ci devono essere precontatti, ossia contatto precoci, che possono essere molto nocivi. Oppure ci potrebbero essere problemi di altezza della corona clinica su cui è posizionata la banda che si stacca e quindi non c'è ritenzione o la forma della corona non ha un equatore ed una convessità adeguata, problemi che si sarebbero dovuti correggere prima con interventini di allungamento della corona clinica o modificazione della forma del dente! "Tiro ad "indovinare" per cercare di risponderle e per farle capire che via internet non si può rispondere con professionbalità alla sua domanda! Quindi o si è in grado e c'è la possibilità di eliminare il problema o si elimina questo apparecchio e si studiano altre metodiche, ovviamente previa cefalometria e ceck up ortodontico! Poi dice "Il morso inverso mi da gravi problemi alla schiena e forti mal di testa." Può essere ma non è detto che sia questa la causa! Lo lasci stabilire all'Ortodontista ed al Dentista Gnatologo!Bisogna quindi registrare e valutare anche Gnatologicamente (Ortodonzia e Gnatologia si fondono in una Diagnosi Clinica Seria) le Tre Curve cosiddette di Compensazione, ossia la Curva di Spee, di Wilson e Monsen.Per analizzare quanto descritto capirà che non basta un suo racconto e spero che tutti voi pazienti leggiate questa mia risposta perchè ora sono obbligati a ripetermi per l'ennesima volta destando siciramente noia, ripetività in pazienti e Colleghi. Devo ribadire che la diagnosi Ortodontica è cosa seria e dipende da una infinità di problemi da valutare con accurato check up ortodontico e cefalometria che misura delle semirette che individuano dei piani e degli angoli in base a cui si fa una diagnosi e si prospetta una terapia ortodontica e che è compreso in più visite, rilievi di dati e soprattutto uno studio a "tavolino" dei problemi da correggere; è come una progettazione matematica di una espressione, di un problema che la cui soluzione è in una sequenza di espressioni , numeri e dati e, chiedere quello che chiede lei per l'ortodonzia, sarebbe come chiedere ad un matematico il risultato di un problema senza fargli fare tutti i "passaggi" che lo possano portare alla soluzione richiesta. Vede, siamo entrati in concetti complessi! Poi Modelli di Studio Ortodontici, Fotografie del profilo e di Fronte in rapporto 1:1 e ovviamente una Visita Clinica Gnatologica a completamento di quella Ortodontica oltre ad una valutazione fisiopatologica della postura e funzione della lingua, oltre che della postura in generale della colonna vertebrale!La Gnatologia ha tante "sfaccettature e prospettive di visuale diagnostica e terapeutica. La mia è questa, oltre al consulto di un Posturologo e ad esami Computerizzati podometrici, come vedrà nel Poster che le lascio. Le sembrerà "banale" ma il Suo Dentista solo ha ben presente la sua situazione Clinica ma essendosi rivolto a noi e quindi anche a me, devo Professionalmente risponderle perché nel momento in cui chiede ed io rispondo, è come se "diventasse un mio paziente" , per così' dire ed ho l'Obbligo Deontologico e Professionale di Rispondere al Meglio! Quindi , assolutamente niente da dire dell'operato del suo Dentista, non mi permetterei mai e non avrei neanche elemenmti per dire cose diverse. Ma tant'è! In conclusione, Fiducia e Stima nel suo Dentista sono fondamentali anche se Lei Gli ha usato una "scorrettezza" nel cercare altrove, e nel Web, altre risposte o conferme! Spero di essere stato Chiaro. Oltre la Gnatologia di pertinenza del Dentista Gnatologo ma anche dell'Ortodonzista, ci sono sistemi sofisticati per lo studio della postura: La Chinesiologia, la Pedana Baropodometrica dinamica computerizzata (che studia il carico della pianta dei piedi statico e dinamico), il Posturometro per determinare se c'è una asimmetria tra le due metà del dorso. Tutto questo fanno gli studiosi della Postura tra cui gli Gnatologi, gli ortodontisti, gli Ortopedici, gli Ortopedici del Rachide. Una visita osteopatica e fisiatrica alla muscolatura del bacino in particolare del M.Psoas sarebbe molto utile,perché è uno dei primi muscoli a "saltare" in una patologia lombosacrale in cui sia coinvolta la postura,sia che essa sia discendente ,ossia a partenza da una malocclusione ,sia che essa sia ascendente,ossia a partenza dagli arti inferiori, appoggio della pianta dei piedi, anche o colonna lombo sacrale. Bisogna valutare se la Patologia sia Ascendente, cioè a partenza da una "alterazione" della postura o Discendente ossia a partenza da una primaria patologia Gnatologica.Che dirle ancora: Tenga presente che la GNATOLOGIA studia la "complessità dei problemi che stanno dietro la semplice parola "malocclusione",precontatti nelle varie disclusioni delle arcate con conseguenti traumi d'occlusione ed una "malocclusione" ossia ha denti in trauma d'occlusione,(tutte situazioni che possono, deviando la colonna vertebrale, alterare la Postura.Non ci vuole niente a fare una Diagnosi. Basta fare una Visita Clinica "abbracciando" in particolare la Gnatologia.Le ho spiegato perchè non entro nel merito delle terapie delle singole tre specialità, perchè senza averla visitata non è possibile, infine ci sono terapie di riabilitazione neuro muscolo-occlusale, della postura della lingua e della sua fisiopatologia e della deglutizione. Il trattamento delle disfunzioni masticatorie sia come concetto statico che soprattutto dinamico necessita un approccio diagnostico differente nelle varie patologie che ne possono essere causa! Il discorso è molto "sottile" sfuma nella filosofia delle disfunzioni neuro muscolari , occlusali e della Articolazione Temporo Mandibolare e non lo si può spiegare in due parole, tra l'altro consigliandola su cosa sia meglio, senza averla visitata clinicamente ...studiandone il caso di persona. Bisogna valutare il "discorso miofunzionale e di postura della lingua" e sappia che le valutazioni da fare sono molto più complesse di quanto creda. Oggi esistono esami elettromiografici di superficie per l'analisi funzionale e non solo morfologica che misurano le attività elettromiografiche in occlusione centrica con contrazione di gruppi muscolari specifici in particolari e diverse situazioni contrattili e registrando degli indici ben precisi. Ora esistono anche teleradiografie particolari che permettono di sovrapporre lo scheletro e il profilo fotografico per meglio fare queste valutazioni (stereofotografia che sincronizza il viso del paziente co il volume osseo, quindi, volumetrica). Banalmente forse, per lei, le dico : "Senza tutto questo che le ho spiegato e tanto altro che non posso certo spiegarle via Web, non posso rispondere, in modo professionale, deontologico e corretto"!!! Tutto questo, come vede, non lo può stabilire certo Lei, non le pare?! Cari saluti.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

La parte sopra a sx e' piu stretta di quella sottostante non è definita morso inverso ma morso crociato (cross bite). E' buona regola non spostare i denti in presenza di dolore, il consiglio è quello di confezionare un bite per curare la sintomatologia poi tolto il dolore (se ancora ha la necessità di togliere il cross bite) fare ortodonzia.

Scritto da Dott. Daniele Tonlorenzi
Carrara (MS)

Sig. Shanti, se si vogliono spostare facilmente i denti non occorrono enormi forze che sono dannose con le complicanze che ci racconta, bastano forze lievi e costanti, soprattutto ben calibrate. Oggi per questioni di puro mercato, troviamo pazienti che citano apparecchiature come se fossero delle marche di detersivi, le cassette della posta sono piene di costose pubblicità con altri bei nomi e prezzi ingannevoli con tanti asterischi di richiamo, poi troviamo pazienti qui nel nostro rifugio peccatorum che ci chiedono un altro nome di apparecchio. Se vuole dei pareri seri deve farsi rilasciare lo studio del caso, che non è il preventivo e affrontare una nuova visita non gratuita, dove le potranno essere richiesti nuovi accertamenti, che forse potrebbero indicare delle cure di chirurgia ortognatica, perché difficilmente si possono spostare i denti fuori delle basi ossee. Le consiglio la lettura di questo mio caso clinico, per capire cos'è un minimo di studio del caso. http://www.dentisti-italia.it/casi_clinici/ortodonzia/892_mascherine-ortodontiche.html
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

Buon giorno a tutti, mi permetto di darle solamente un piccolo avvertimento, parli con il collega magari facendogli prendere in considerazione il problema del movimento di andirivieni a cui è sottoposto il suo dente, che potrebbe provocare la lisi delle radici e quindi la perdita dello stesso. Cordiali saluti 

Scritto da Dott. Luigi Pesce
Castel San Lorenzo (SA)

In un adulto non sempre è possibile espandere il palato. Infatti se, come si capisce chiaramente dalla sua situazione, la malformazione ha una componente ossea ala base del difetto, si estraggono praticamente i denti nel maldestro tentativo di spostarli perché la base ossea non può riuscire a seguire tale spostamento! La soluzione quindi non è un quadhelix ma bisogna prima di tutto vedere con una analisi appropriata se la malocclusione ha una componente ossea scheletrica non più correggibile alla sua età. Per correggere l'osso si diventa adulti a 12 anni .. Un adulto non modifica l'osso se non chirurgicamente. L'analisi di cui parlo è là cefalometria. Legga negli articoletti che ho scritto in questo sito e nei miei cosa vuol dire. È possibile che sia necessario qualora ancora fattibile una espansione del palato chirurgicamente assistita. Ma c'è un altro fatto essenziale. Come possibile causa vera della malocclusione ci può essere quasi certamente un difetto della postura linguale che se non viene corretto con terapia miofunzionale della logopedista espone sia a difficoltà di correzione sia a recidiva ma soprattutto a possibile addirittura peggioramento del mal di schiena che la malocclusione mono laterale asimmetrica ha causato. Infatti è il cross unilaterale che può aver causato i disturbi della postura e una forzatura senza correggere tutto il sistema neuro muscolare alterato può peggiorare pericolosamente i suoi disturbi. Un apparecchio mobile della categoria delle apparecchiature funzionali creanti funzione può essere molto più appropriato e correttivo dei disturbi posturali se le cefalometrie non scoraggiano di intervenire...
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Paolo Passaretti
Civitanova Marche (MC)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile Sig. Shanti, mi sembra che le stanno maltrattando i poveri denti attaccati alle bande. Anche se non mi piace criticare un collega senza sapere i suoi motivi della terapia, direi che qualcosa non va. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Massimo Tabasso
Savigliano (CN)
Consulente di Dentisti Italia

Se si ha deciso di correggere un morso inverso laterale alla sua età lo si fa con un espansore rapido del palato con l'ausilio del chirurgo. L'intervento è indolore e si hanno risultati in pochi giorni senza rischi di perdere denti. Auguri

Scritto da Dott. Edmondo Spagnoli
Lecco (LC)
Consulente di Dentisti Italia

Il quad helix può espandere in fase di sviluppo mentre a lei probabilmente può fate solo danni a 29 aa. Chieda un consulto ad un ortodonzista specialista che abbia esperienza. Cordiali saluti

Scritto da Prof. Marco Finotti
Padova (PD)
Consulente di Dentisti Italia

Come le ha detto il dr. Spagnoli l'unico modo per risolvere alla sua età un reale cross bite ( che in genere nella maggior parte dei casi è solo apparentemente monolaterale ) è ortodontico/chirurgico. Le consiglio sentitamente di sentire un ortodontista qualificato che la saprà consigliare.

Scritto da Dott. Costantino Volpe
Salerno (SA)