Domanda di Morso inverso

Risposte pubblicate: 7

Mio figlio ha un morso inverso e un po il palato stretto lateralmente

Scritto da catia / Pubblicato il
Buongiorno. Il problema riguarda mio figlio ( 8 anni ) Lui ha un " morso inverso" molto pronunciato e un po il palato stretto lateralmente. Ci siamo affidati ad uno studio dentistico. Per 7/8 mesi ha portato un apparecchio x dilatare il palato e portare avanti i denti. Avevamo ottenuto un buon risultato. Poi, avendo il bambino perso i denti davanti, abbiamo dovuto sospendere ed ora sembra praticamente che dobbiamo ricominciare da capo. Inoltre la dott.ssa che se ne occupa, ci dice che la situazione sarà così in ogni fase della sua crescita, dovrà portare oltre all'apparecchio anche la maschera di Delaire e che comunque come step finale è previsto l'intervento. Vorrei un consiglio da voi se continuare a seguire questo percorso? Oppure ho sentito dire del metodo "Damon", mi potreste dare delle delucidazioni? Grazie
Non è detto che l'età cronologica corrisponda con quella scheletrica. Basta fare una radiografia del polso per accertare la maturità dei nuclei di ossificazione per conoscere l'età scheletrica in realtà molto utile intorno ai 10-13 anni per avere certezze! Col metodo di Tanner e Whitehouse si prendono in considerazione 20 dei 30 nuclei di ossificazione del polso e della mana e si attribuisce un punteggio a seconda dello stadio di maturazione raggiunta e si ottengono tre punteggi fondamentali: il totale, il Carpale ed il RUS(radio-ulna-short bones), il punteggio finale dell'adulto che abbia completato la maturazione scheletrica è di 1000 punti. Tutti i punteggi inferiori indicano stadi diversi di maturazione ossea e diverse età scheletriche! Non dimenticando il metodo della Maturazione Vertebrale Cervicale in particolare per l'identificazione del picco puberale nel tasso di crescita cranio-facciale e le correlazioni tra gli indici carpali come l'SMS e quelli vertebrali come il CVS, il CVMS e il CS dove quest'ultimo indica il picco di crescita mandibolare! Ne parli col suo Ortodontista! Io , personalmente, non posso fare niente! Non conosco neanche la fisiopatologia miofunzionale della sua lingua, la sua postura e tanto altro che è, molto importante valutare. Quindi, mi dispiace doverle fare notare quello che faccio sempre notare nelle domande di Ortodonzia:la diagnosi Ortodontica è cosa seria e dipende da una infinità di problemi da valutare con accurato check up ortodontico e cefalometria che misura delle semirette che individuano dei piani e degli angoli in base a cui si fa una diagnosi e si prospetta una terapia ortodontica e che è compreso in più visite, rilievi di dati e soprattutto uno studio a "tavolino" dei problemi da correggere. La Diagnosi Ortodontica e la progettazione terapeutica sono come una progettazione matematica di una espressione, di un problema che la cui soluzione è in una sequenza di espressioni , numeri e dati e chiedere quello che chiede lei per l'ortodonzia sarebbe come chiedere ad un matematico il risultato di un problema senza fargli fare tutti i "passaggi" che lo possano portare alla soluzione richiesta che le può dire solo un Ortodontista dopo le visite suddette. Non posso quindi esprimere giudizi, senza vederla! Non solo non sarebbe corretto, ma non sarebbe professionale. SI FIDI DELLA SUA DENTISTA. Lei conosce questi requisiti! Io posso solo immaginare ma le ho già spiegato che si deve fare una Diagnosi Differenziale e una Diagnosi Clinica e strumentale con una o più visite mirate! Tra l'altro, Lei parla di Chirurgia Maxillo Facciale ma in realtà è Chirurgia Ortopedica Ortodontica, come ultimo Step! Mah! Cari saluti e spero di esserle stato utile e soprattutto chiaro.
'}">Cara Signora Catia, buongiorno. Le disgnazie di terza classe scheletrica, terapia ortopedica di avanzamento del mascellare è molto più efficace prima che avvenga la "saldatura" delle suture ossee pterigo-mascellari processo che avviene intorno ai 7 anni circa e anche prima,quindi un progenismo va corretto di regola prima dei 5 anni, con vari apparecchi tra cui la maschera di Delaire con cui si ottiene un avanzamento del mascellare superiore con trazioni elastiche posizionate tra un arco intraorale ed una apparecchiatura extraorale o con le SIM (Elastici interni tra arcate dentarie). La PCF, acronimo di Placca Funzionale di Cervera Bracco è forse da preferire essendo in assoluto la migliore esistente anche perché è stata studiata, derivandola da quella di Cervera, da una delle più prestigiose Scuole di Ortodonzia che è quella del Professor Bracco dell'Università di Torino. Però sempre coi limiti di inizio terapia ideale, prima dei 5 anni. Ora, come posso risponderle senza visitarla? Certo in linea di massima è corretto affermare che all'età di 8 anni, siamo al limite. Bisognerebbe conoscere la corrispondenza tra età anagrafica ed età Scheletrica.
non è detto che l'età cronologica corrisponda con quella scheletrica. Basta fare una radiografia del polso per accertare la maturità dei nuclei di ossificazione per conoscere l'età scheletrica in realtà molto utile intorno ai 10-13 anni per avere certezze! Col metodo di Tanner e Whitehouse si prendono in considerazione 20 dei 30 nuclei di ossificazione del polso e della mana e si attribuisce un punteggio a seconda dello stadio di maturazione raggiunta e si ottengono tre punteggi fondamentali: il totale, il Carpale ed il RUS(radio-ulna-short bones), il punteggio finale dell'adulto che abbia completato la maturazione scheletrica è di 1000 punti. Tutti i punteggi inferiori indicano stadi diversi di maturazione ossea e diverse età scheletriche! Non dimenticando il metodo della Maturazione Vertebrale Cervicale in particolare per l'identificazione del picco puberale nel tasso di crescita cranio-facciale e le correlazioni tra gli indici carpali come l'SMS e quelli vertebrali come il CVS, il CVMS e il CS dove quest'ultimo indica il picco di crescita mandibolare! Ne parli col suo Ortodontista! Io , personalmente, non posso fare niente! Non conosco neanche la fisiopatologia miofunzionale della sua lingua, la sua postura e tanto altro che è, molto importante valutare. Quindi, mi dispiace doverle fare notare quello che faccio sempre notare nelle domande di Ortodonzia:la diagnosi Ortodontica è cosa seria e dipende da una infinità di problemi da valutare con accurato check up ortodontico e cefalometria che misura delle semirette che individuano dei piani e degli angoli in base a cui si fa una diagnosi e si prospetta una terapia ortodontica e che è compreso in più visite, rilievi di dati e soprattutto uno studio a "tavolino" dei problemi da correggere. La Diagnosi Ortodontica e la progettazione terapeutica sono come una progettazione matematica di una espressione, di un problema che la cui soluzione è in una sequenza di espressioni , numeri e dati e chiedere quello che chiede lei per l'ortodonzia sarebbe come chiedere ad un matematico il risultato di un problema senza fargli fare tutti i "passaggi" che lo possano portare alla soluzione richiesta che le può dire solo un Ortodontista dopo le visite suddette. Non posso quindi esprimere giudizi, senza vederla! Non solo non sarebbe corretto, ma non sarebbe professionale. SI FIDI DELLA SUA DENTISTA. Lei conosce questi requisiti! Io posso solo immaginare ma le ho già spiegato che si deve fare una Diagnosi Differenziale e una Diagnosi Clinica e strumentale con una o più visite mirate! Tra l'altro, Lei parla di Chirurgia Maxillo Facciale ma in realtà è Chirurgia Ortopedica Ortodontica, come ultimo Step! Mah! Cari saluti e spero di esserle stato utile e soprattutto chiaro.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Il metodo Damon non ha un particolare effetto ortopedico. Inoltre se avesse in futuro necessità di maschera di Delaire, allora vuol dire che bisogna applicarla subito con miglior efficacia. Indispensabile inoltre è la rieducazione della deglutizione, anche per contrastare la recidiva.
Se il trattamento viene portato avanti bene ci sarà sempre bisogno di un controllo ma non abbisognerà ricominciare da capo. Cordialmente

Scritto da Dott. Edmondo Spagnoli
Lecco (LC)
Consulente di Dentisti Italia

Da quello che descrive e valutando quanto avrebbe pianificato il suo medico curante sembrerebbe un caso con una prognosi molto dubbia relativamente alla riuscita con trattamento solo ortodontico.
Posso capire che in questa fascia di età si cerchi di ottenere " quanto possibile" ma bisogna sapere che, nel caso si optasse poi per una terapia chirurgica quasi tutti i compensi dentali che eventualmente ottiene adesso andranno totalmente annullati per ottenere un buon rapporto occlusale postchirurgico.
questo significa rifare un trattamento ortodontico che non tenga conto del precedente ed eseguito un paio di anni prima dell'intervento con un periodo postoperatorio ortodontico di rifinitura.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Costantino Volpe
Salerno (SA)

Lasci perdere il "metodo" Damon ( è semplicemente una tecnica, come cento altre ) e si chieda PERCHE' suo figlio ha il palato stretto e la mandibola cresce più del mascellare. Vada in cerca di una diagnosi causale e di un professionista che sappia fornirgliela. Le cause possono essere genetiche – ma è un’evenienza meno frequente di quanto si creda – e/o funzionali; in quest’ultimo caso è importante fare una valutazione seria della funzione respiratoria , di quella linguale e neuromuscolare generale. La maschera di D è efficace, così come il diastasatore palatale ma se non si individua la causa dell’alterato rapporto di crescita quella causa continuerà ad agire anche dopo il trattamento ortodontico – il migliore possibile- ,rendendosi responsabile di recidive e malfunzionamento della bocca di suo figlio ( e conseguentemente di tutto ciò che al movimento di essa è connesso : e cioè tutto il sistema tonico posturale ).
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Lorenzo Alberti
Roma (RM)
Collaboratore di Dentisti Italia

Non sono ortodonzista pertanto le consiglio di fare come farei io, andrei da un bravo ortodonzista in collaborazione con un chirurgo maxillo facciale, l'età e' precoce ma io non sono competente in merito

Scritto da Dott. Luigi Malavasi
Castiglione delle Stiviere (MN)

Sig Catia, "Damon" la baccetta magica dei miracoli, ma Lourdes a risultati migliori!! NON SCHERZIAMO STIAMO PARLANDO DELLA SALUTE DI SUO FIGLIO. Per le migliori cure abbandoni ogni forma pubblicitaria e si affidi a un semplicissimo odontoiatra, che esegua lo studio del caso attraverso tracciati cefalometrici con previsioni di crescita e segua alla lettera le sue indicazioni. Mi raccomando non deve esserci pubblicità e la visita non deve essere gratuita.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

Normalmente durante la deglutizione la punta della lingua va nel punto dove si pronuncia il "fonema" la. Forse nel caso di suo figlio la punta della lingua va dietro i denti inferiori.. situazione che viene denominata "deglutizione atipica" se così fosse è necessario una correzione della deglutizione. Lo specialista di questa situazione è il deglutologo che dovrebbe (se così fosse) correggere la deglutizione

Scritto da Dott. Daniele Tonlorenzi
Carrara (MS)