Domanda di Invisalign

Risposte pubblicate: 7

Quale trattamento mi consigliate?

Scritto da silvia / Pubblicato il
Buongiorno a tutti. Ho 41 anni, da sempre ho l'incisivo superiore sinistro sovrapposto al destro, ma negli ultimi tempi ho la sensazione che si stia ulteriormente spostando e indebolendo. E' anche vero che da sempre metto il pollice (sin) in bocca quando dormo.. Non ho un dentista di fiducia, e così mi sono rivolta ad uno consigliato da amici, che mi ha proposto di usare invisalign per rimettere il dente in sede e limitare il rischio che possa indebolirsi ulteriormente o addirittura cadere. Mi sono state fatte due proposte di trattamento, uno con allineamento dentale, l'altro con allineamento gengivale. Tuttavia il piano di cura proposto prevede che a fine trattamento io porti una contenzione notturna a vita. Questo mi fa pensare che invisalign non sia la soluzione ottimale..Altri amici mi hanno poi parlato di dentosofia e della possibilità di "collaborare attivamente" al riassetto dentale che, una volta raggiunto non necessita di contenzioni di alcun tipo. Avendo già dato un sostanzioso acconto per invisalign (e il dentista non ha nessuna intenzione di restituire neanche parte della caparra!) e non avendo ancora tutte le info sulla dentosofia, sono in difficoltà nel prendere una decisione, anche perchè il mio dentista mi fa pressione dicendo che vuole una risposta subito altrimenti scade l'impronta inviata ad invisalign. Cosa mi suggerite? Molte grazie.
Cara Signora Silvia, buongiorno. Se la programmazione terapeutica ortodontica ( a prescindere dal metodo) è scaturita da una analisi Cefalometrica con lo studio di segmenti di retta ed angoli di punti ben precisi su una Teleradiografia e dallo studio tramite Ceck Up Ortodontico di Modelli di studio Ortodontici, Fotografie del profilo e di Fronte in rapporto 1:1 e ovviamente una Visita Clinica Gnatologica a completamento di quella Ortodontica già descritta, allora va tutto bene, altrimenti no! Per Fare una Diagnosi e programmare una Terapia, occorre tutto questo! Chieda al suo Dentista! Per quanto riguarda la Dentosofia, lasci perdere la Dentosofia! Le esagerazioni e gli eccessi in un senso o nell'altro non sono mai auspicabili e portatori di buone cose! La virtù sta nel mezzo, recita un noto adagio Latino, molto usato dal Grande Poeta e Pensatore Orazio, da far però risalire nientemeno che al Padre della Filosofia Moderna, il Genio Greco Aristotele, declamato in particolare nell'Etica Nicomachea. Eviti quindi gli estremismi. Le consiglio di parlarne apertamente col suo Dentista di Fiducia ed in cui abbia Stima, sempre che il suo "credo" le permetta di avere Stima in qualche Medico od Odontoiatra. Non sempre l'approccio deve essere Olistico ad ogni costo, nella Scienza e nella Vita.Non deve essere neanche esclusivamente Naturopatico o Antroposofico o addirittura Fondamentalisticamente alla Michel Montaud, come sembra essere il suo!"Filosofia che intreccia patologie stomatognatiche con introspezione dell'anima e dell'IO più profondo e natura del Mondo esterno, chiamiamola pure col suo nome appropriato di Dentosofia, o meglio la dentosophie de Michel Montaud" è un argomento affascinante in Teologia, Filosofia, Psichiatria e sicuramente in alcune malattie in cui non si hanno alterazioni organiche ben precise! Ma, la Analisi Scientifica, diciamo tradizionale, trova e deve avere il suo spazio in particolare nella Scienza Cognitiva oltre che nei fenomeni scientifici! Devo purtroppo rispondere ribadendo per l'ennesima volta concetti "triti e ritriti" e chiedo scusa per questo a tutti i miei colleghi! Evidentemente però non basta mai parlarne se voi pazienti continuate a fare queste domande in queste situazioni. Ecco che la Diagnosi Ortodontica che è un atto Medico molto serio ed importante e che scaturisce solo da un Ceck up Ortodontico completo e da una analisi Cefalometrica, come spiegato sopra! Le patologie dell’apparato stomatognatico (La bocca nel suo intero) sono complesse e richiedono Cultura, Intelligenza e Capacità Clinica oltre che Terapeutica!bisogna valutare il "discorso miofunzionale e di postura della lingua" e sappia che le valutazioni da fare sono molto più complesse di quanto creda. Oggi esistono esami elettromiografici di superficie per l'analisi funzionale e non solo morfologica che misurano le attività elettromiografiche in occlusione centrica con contrazione di gruppi muscolari specifici in particolari e diverse situazioni contrattili e registrando degli indici ben precisi. Ora esistono anche teleradiografie particolari che permettono di sovrapporre lo scheletro e il profilo fotografico per meglio fare queste valutazioni (stereofotografia che sincronizza il viso del paziente con il volume osseo, quindi, volumetrica). Banalmente forse, per lei, le dico : "Senza tutto questo che le ho spiegato, non posso rispondere, in modo professionale, deontologico e corretto"! Cari Saluti
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Sig. Silvia, quanta confusione e non ci racconta della diagnosi che è basilare prima d'intraprendere qualunque tipo di cura. Effettivamente lei dorme con il dito in bocca come una bimba, ma con l'odontoiatra ha stabilito un contratto ben preciso da persona adulta senza riservarsi dei recessi, per cui chi sbaglia paga ma ha il vantaggio di avere un responsabile della sua bocca per cui continui tranquillamente le cure con la risoluzione e il mantenimento del caso.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

Abbandoni la sua abitudine viziata, in primis. Non esiste trattamento Ortodontico giusto o sbagliato a priori, ogni caso clinico fa storia a sè. A questo punto, se è già partita in quinta con Invisalign e ha già lasciato un sostanzioso acconto, le conviene proseguire su quella strada.

Scritto da Dott. Giulio Sbarbaro
Zocca (MO)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile paziente, non può essere la dentosofia, la soluzione del suo caso, in quanto questo tipo di terapia, prevede l' armonizzazione neuro muscolare del paziente, ed è vero che non si hanno recidive, ma è anche vero che se riarmonizzata la bocca i suoi due incisivi rimangono accavallati, per il dentosofista così devono rimanere perchè così il suo corpo vuole, quindi se lei vuole risolvere un problema estetico, deve affidarsi a terapie tradizionali e quindi contenzione a vita.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gianluca Pucci
Roma (RM)

Gentile signora, l' unica cosa che mi sento di dirle è di fare qualcosa per la sua abitudine che non può non avere responsabilità sulla causa della malocclusione. Per il resto non ho elementi ma attenzione : le terapie con allineatori sono attuabili solo in casi molto selezionati.

Scritto da Dott. Costantino Volpe
Salerno (SA)

Deve mettere una griglia saldata che la liberi (con graduale dolcezza) della temibilissima abitudine viziata. Nessun trattamento al mondo, tanto meno invisalign che agisce solo ed esclusivamente sui denti, può funzionare senza danni in un caso come il suo. Dopo sei mesi di griglia saldata, abbandonato definitivamente il vizietto, bisognerà fare un serissimo programma di ricondizionamento logopedico della postura linguale, gravemente compromessa nel suo caso. Poi dopo, forse si può parlare di ortodonzia..
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Paolo Passaretti
Civitanova Marche (MC)
Consulente di Dentisti Italia

Avevo un amico dell'età di 50 anni che era primario anestesista e che succhiava il dito pollice quando dormiva. Niente poteva convincerlo di smettere con questo "vizietto". Capisco quindi la sua difficoltà a rinunciarci. Con Invisalign e qualsiasi altra tecnica potrà sistemare il problema dentario, ma se questa abitudine è alla radice del difetto dentario, dovrà per forza tenere una contenzione sintanto che la causa sarà presente. Cordialmente

Scritto da Dott. Edmondo Spagnoli
Lecco (LC)
Consulente di Dentisti Italia

Sullo stesso argomento