Domanda di Implantologia

Risposte pubblicate: 9

Quanto tempo deve passare per l'impianto di implantologia?

Scritto da francesco / Pubblicato il
Buongiorno a tutti, sono una persona di 54 anni nei corsi dei anni mi sono tolti diversi denti sull'arcata superiore rimanendo solo con 7 denti l'anno passato sono andato dal dentista per sistemarli per via delle carie tutto questo e' durato solo 5 mesi, andando di nuovo dal dentista con una panoramica mi ha detto che bisognava divitalizzarli e incapsularli, nel parlare si è arrivato ad una soluzione togliere i 7 denti e fare un impianto all on 4, la prima seduta mi ha tolto il primo dente dopo una settimana nella seconda seduta mi ha tolto 2 subito dopo 3/4 giorni mi sono usciti delle spine ossee cosi' detto dal dentista che ha programmato per un intervento. Fin qua tutto ok, la seduta successiva mi ha tolto tutti i punti e 4 denti rimasti di cui ho subito anche un intervento per una radice spezzata dentro finito tutto mi dice tra 7 giorni vieni per togliere i punti e ti prendo l'impronta per la provvisoria, circa dopo 3 giorni ci risiamo di nuovo con queste spine ossee, cosi' chiamate dal dentista dicendomi ti aspettare perche' si potevano ritirare e mi prende l'impronta, vado dopo per provare la provvisoria per definirla ;al momento di inserirla mi faceva male per quei ossicini, gli dico al dentista che era impossibile metterla, comunque lui la porta al termine, dopo qualche giorno la riproviamo ma come detto non era possibile per il troppo dolore, si arriva alla conclusione di dover intervenire per tutta l'arcata anteriore perche' c'erano quattro ossicini. Fatto l'intervento tolti i punti riproviamo la provvisoria solo che io gli dissi che era troppo larga perche' scendeva con una certa facilità, lui mi dice bisogna ribassarla usa un prodotto me la inserisce attendo che si secca sembrava tutto ok, ma il giorno riscende di nuovo con una certa facilità, vado di nuovo mi mette ancora quel prodotto per ribassarla tutto ok, ma dopo 2 giorni ritorna lo stesso al punto di partenza con la conseguenza che mi escono ancora altre 3 spine ossee ritorno gli spiego la situazione della provvisoria e dei 3 ossicini, lui mi ha desso che me li toglie quanto farà l'impianto, chiedo scusa se' vi ho riferito ogni minimo particolare, io vorrei sapere qualche consulto da voi (1) io penso che bisognava riprendere di nuovo l'impronta dopo l'intervento, (2)vorrei sapere e' normale per tutti quelle spine ossee,(3)quanto tempo deve passare per l'impianto di implantologia, noto dall'ultimo intervento e passato un mese e due mesi dai ultimi 4 denti estratti, dico questo perche' il dentista mi ha detto che forse un' altro mese e facciamo eventuale impianto a carico immediato che non so' qual'è la differenza, spero di essere stato chiaro del mio problema, ringrazio anticipatamente per i vostri consulti.
Caro Signor Francesco, buongiorno. Dice"si è arrivato ad una soluzione togliere i 7 denti". Dico, questa non è una soluzione ma una "sconfitta terapeutica". Poi ognuno la pensi come vuole. Da quel che ho capito lei negli anni ha perso i denti per cause Iatrogene e per cause parodontali non valutate o non volute valutare e curare! I denti sono un patrimonio prezioso ed insostituibile. Inutile ora piangerci su ma lo dico ad uso e consumo dei pazienti che mi leggono. Curate e pretendete la cura dei vostri denti e ricordate che la Visita Odontoiatrica, per qualsiasi motivo uno vada dal Dentista, deve comprendere il sondaggio parodontale, l'analisi Gnatolgica delle disclusioni e delle ATM e tanto altro. Per non ripetermi e tediare tutti, vi invito a leggere nel mio profilo "VISITA PARODONTALE" e capirete che la Visita Odontoiatrica è un atto medico essenziale, importante, colto, professionale, complesso e completo e deve "sviscerare" tutte le patologie presenti nell'apparato stomatognatico che va valutato non estrapolandolo dall'organismo intero ma valutato nel suo contesto clinico ed anamnestico generale, oltre che locale! Non si troverebbe in questa situazione se fosse stato fatto quello che si sarebbe dovuto fare ed in ogni caso, almeno alla fine, avrebbe dovuto, curare e non estrarre, il suo Dentista, ovviamente! "spine ossee, cosi' chiamate dal dentista", ma è sicuro? Perché se così fosse sorgerebbero dubbi sul fatto che sia un Odontoiatra Laureato ma un abusivo. Anche il modo di procedere in generale e per il manufatto protesico provvisorio è privo di ogni "base Medica Odontoiatrica". Controlli la sua iscrizione all'Albo. Sempre che lei dica il vero , abbia capito il vero e questa domanda sia vera! Riunisco i suoi tre quesiti in una sola risposta. Non si procede così per tentativi. E' assurdo. Si fa la Diagnosi e si programma la terapia. Tutto ciò che le è accaduto non sarebbe dovuto accadere! "il dentista mi ha detto che forse un' altro mese e facciamo eventuale impianto a carico immediato". Come forse. Il dubbio non deve esserci. Ci deve essere una programmazione e predicibilità della terapia ben precisa. "non so' qual'è la differenza". Male perchè significa che il suo sedicente Dentista non ha fatto l'informazione doverosa Professionalmente, Deontologicamente e prevista e richiesta dalla Legge Italiana. Questo è il "Consenso informato". Ossia lei deve essere informato su tutto e sul perchè di tutto e su come avviene la terapia. Poi e solo poi lei esprime il suo Consenso alla terapia stessa! Controlli l'iscrizione all'albo del suo Dentista! Cari saluti
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Carissimo sig. Francesco, comprendo il suo disappunto e ciò che mi sorprende è che le sue domande mostrano una competenza superiore a quella del dentista (ma è sicuro che sia laureato?) che le ha messo le mani in bocca. Il miglior suggerimento che le si può dare è quello di cambiare professionista. Auguri

Scritto da Dott. Alvise Cappello
Padova (PD)

Concordo con i colleghi. Controlli che i dentisti a cui si rivolge siano veri medici. Cordiali saluti

Scritto da Dott.ssa Antonella Scorca
Bari (BA)

E' sicuramente stato un pò sfortunato... Probabilmente il dentista le ha preso l'impronta prima di estrarle i denti per consegnarle subito la protesi e non farla stare senza denti. Adesso ovviamente la protesi non è stabile, nonostante le ribasature; si potrebbe aiutare con della crema adesiva... Quando avrà fatto gli impianti la situazione cambierà radicalmente.

Scritto da Dott. Paolo Gaetani
Lecce (LE)

Gentile paziente, una volta maturata la decisione, in accordo con il dentista, di togliere i denti e fare una protesi in impianti, la procedura da applicare è semplice ma rigorosa e richiede pochissimi giorni per avere un risultato estetico ma soprattutto funzionale. Forse dovrebbe rivolgersi a chi esegue questo tipo di lavori e che può darle sufficienti garanzie sul risultato e sui tempi esecutivi che, se lunghi come nel suo caso, creano indubbi disagi. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Armando Ponzi
Roma (RM)

Per cercare di rispondere sinteticamente ed in maniera chiara ai suoi dubbi... Le cosiddette "spine ossee" non sono altro che esiti classici dei post-estrattivi singoli e sopratutto multipli: l'osso alveolare, in seguti alle estrazioni, si ri-modella e spesso si formano punte - creste ossee che, in caso di riabilitazione protesica, è sempre opportuno rimuovere chirurgicamente (alveolo-plastica) anche in più tempi, fintanto che la cresta ossea non assume un aspetto omogeneo ed uniforme. Sicuramente la protesi di cui sta tacendo uso ora è una protesi provvisoria, che come tale, può darle un comfort relativo: a lavoro ultimato questi problemi di stabilità devono scomparire. I tempi di attesa prima di eseguire un intervento di implantologia, dopo aver eseguito estrazioni, sono estremamente variabili, così come il carico degli impianti stessi. A questa domanda non posso risponderle senza visita clinica e radiografie, ma solo chi l'ha operata e la segue può darle una risposta adeguata. Comunque generalmente si pianifica il tutto prima dell'intervento e si conferma o modifica la tempistica dopo lo stesso a seconda degli esiti effettivi dell'operazione. Tenga conto che un mese di attesa in più, se è presente una situazione ossea non ottimale, non fa male....e che il carico immediato è comsigliato solo per pochi e selezionatissimi casi.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Giulio Sbarbaro
Zocca (MO)
Consulente di Dentisti Italia

Sig. Francesco controlli se chi opera su di lei è iscritto all'ordine dei medici.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

Brutta storia di volgare odontoiatria commerciale. " l'anno passato sono andato dal dentista per sistemarli per via delle carie tutto questo e' durato solo 5 mesi". Suppongo che lei abbia speso pochissimo, che sarebbe anche moltissimo per una durata di soli 5 mesi. Parlando e ancora parlando si decide che "bisognava divitalizzarli e incapsularli", (sono dunque denti curabili!), ma è meglio castrare la bocca e ferrarla. Siccome l'impianto è una seconda scelta, il dentista le ha fatto credere quello che conveniva a lui. Curare bene un dente e capsularlo a dovere è molto più difficile (più difficile) che ferrare una bocca svuotata. Se ha un fratello gemello con la bocca come la sua, lo accompagni dal più caro dentista in zona, per curare tutti i canali dei 7 denti, mettere sette capsule precise e carine, aggiungere uno scheletrato leggero e perfetto che si dimentica nel giro di un'ora. Durata prevedibile: circa 15 anni, minimo. Lei adesso avrebbe in programma un tutto in quattro, di scuola portoghese. Quattro impianti e un ferro di cavallo come caricatura dei denti veri. Durata prevedibile? Vediamo la statistica: ai dieci anni oltre metà degli impianti sono persi, e se lei perde un solo impianto vedrà il suo ferro di cavallo cadere nel lavandino. Questa statistica viene da una selezione in sede universitaria, dove dovrebbero operare i migliori dentisti. Figuriamoci gli altri. Arrivati a questo punto, si procuri adesso prove documentali e testimoniali in data certa, a futura memoria di contesa medico legale. Le prescrivo adesso la ricetta del suo prossimo dentista: deve essere persona che abbia il piccolo talento dell’abilità tecnica, e che abbia il grande talento della dirittura morale. Avrà molto bisogno di questo auspicio, e le auguro forte forte: buona fortuna!
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Sebastiano Carpinteri
Torino (TO)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile sig. Francesco, la rimando a un articolo che ho scritto sull'argomento impianti. Per quanto riguarda le "spine ossee" vorrei far notare che un intervento di chirurgia pre-protesica si del programma con cura e si progetta prima ancora di togliere i denti, perché la conformazione del mascellare è visibile. E' anche evidente che nessuna impronta di lavoro si può prendere se il mascellare non è più che adatto per calzare una protesi. E' quindi augurabile che non ci siano improvvisazioni, con la chirurgia e gli impianti è meglio evitare inesperienza. Per quanto riguarda gli impianti a carico immediato, sono contraria, per il fatto che un impianto subisce un periodo di necrosi nell'immediato, figuriamoci se si carica... lasciamo queste cose a chi si sente di provare. Personalmente preferisco una sana attesa, e senza carico. Inoltre, tutto è guidato da un dental scan cone beam in digitale, che permette di visualizzare dove inserire gli impianti e se è necessaria una rigenerazione. Attenzione e auguri.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott.ssa Maria Grazia Di Palermo
Carini (PA)
Consulente di Dentisti Italia

Sullo stesso argomento